dalla Home

Home » Argomenti » Manutenzione

pubblicato il 10 giugno 2014

Italia più vecchia, strade più pericolose

Nel 2040 i morti per incidenti stradali potrebbero essere 433 in più ogni anno. Lo studio di Fondazione Unipolis

Italia più vecchia, strade più pericolose

Gli incidenti stradali stanno diminuendo, ma ben presto il trend potrebbe invertirsi perché l'età media (diciamo anche "fortunatamente"?) si sta alzando e nel 2040 ci saranno quasi 20 milioni di persone over 65 e 6,5 milioni di ultraottantenni. Proprio questo dato, secondo uno studio di Fondazione Unipolis presentato a Citytech Roma, aumenterà i morti sulle strade. Proiettando questi dati al 2040, le vitteme potrebbero essere 4.086 ovvero 433 in più rispetto 2012. Ma si può invertire questa tendenza? Secondo Unipolis (la fondazione d’impresa del Gruppo Unipol) sì, a patto che ci siano azioni mirate come il potenziamento del trasporto pubblico, l'estensione delle aree pedonali, l'ampliamento della rete di piste ciclabili... insomma, a patto che si ripensi l'intero sistema di mobilità scoraggiando le persone anziane dal prendere l'auto.

"Un risposta in tal senso dovrebbe venire dalla riscrittura del Codice della Strada, attualmente all’esame della Camera dei deputati", ha detto Paolo Gandolfi, relatore del disegno di legge delega al governo per la riforma del Codice. Si riaccende quindi il dibattito sull'età massima per la patente. L'argomento è molto delicato e due anni fa aveva coinvolto anche la nota scienziata Margherita Hack, a cui il medico aveva negato il rinnovo perché over 90. "Non sono né vecchia né rincoglionita", aveva detto, pretendendo di guidare la sua Panda. "Non posso non tenere in considerazione che un 90enne sia, di per sé, una persona con un'idoneità in bilico, che può non essere più tale da un giorno all'altro anche a seguito di piccoli episodi e indipendentemente dal fatto che la persona in esame sia in buona salute, oppure sia addirittura un genio come Margherita Hack", ci aveva detto Giuseppe Caragliu, dottore specializzato in visite mediche per la patente.

Autore:

Tag: Attualità , sicurezza stradale


Top