dalla Home

Test

pubblicato il 3 giugno 2014

Nissan Juke restyling: diversa, piccola e divertente [VIDEO]

Il suo look di rottura non cambia, perché piace. Per i bagagli c’è più spazio (non per le persone) ed invoglia sempre a giocare alla guida

Galleria fotografica - Nissan Juke restylingGalleria fotografica - Nissan Juke restyling
  • Nissan Juke restyling - anteprima 1
  • Nissan Juke restyling - anteprima 2
  • Nissan Juke restyling - anteprima 3
  • Nissan Juke restyling - anteprima 4
  • Nissan Juke restyling - anteprima 5
  • Nissan Juke restyling - anteprima 6

Il mondo è bello perché è vario. E le auto “diverse”, a quanto pare, piacciono. Lo dimostra il grande successo di vendite della Nissan Juke, una di quelle macchine che poco hanno da invidiare ai prototipi che tutti ammirano ai Saloni dell’auto. A 4 anni di distanza dalla nascita del modello originale, la Juke restyling (o “il” Juke, come viene chiamato in Nissan) si dà una rinfrescata al viso e si rifà il guardaroba, oltre che concedersi qualche nuovo dispositivo tecnologico. L’ho provata in Portogallo - come racconto nel video - per capire in cosa è cambiato il crossover giapponese al di là dei nuovi fari, delle 3 colorazioni inedite di carrozzeria e dell’introduzione dell’infotainment Nissan Connect.

GIALLO SOLARE, BLU INCHIOSTRO, ROSSO SOLIDO
Fra le tre nuove tinte disponibili ho scelto la più sgargiante, Sunlight Yellow, che fa compagnia al “rosso solido” (variante di uno dei colori finora più apprezzati dai clienti sulla Juke) e all’Ink Blue con cui è stato lanciato il nuovo Nissan Qashqai. I nuovi fari anteriori a Led e gli indicatori di direzione negli specchietti sono due dettagli che permettono di distinguere la nuova Juke, che si distingue però soprattutto per il livello di personalizzazione ora possibile. Con i pacchetti Nissan Design Studio si possono infatti scegliere elementi di carrozzeria di colore a contrasto con la verniciatura, come nel caso dei cerchi in lega, o delle cornici dei fendinebbia. Devo dire che l’impatto dal vivo di queste caratterizzazioni rende merito al carattere deciso di una macchina che fa di tutto per uscire dall’anonimato.

INTERNI PIÙ MODERNI E PIÙ “COLLABORATIVI”
Stesso discorso nell’abitacolo, rinnovato con componenti interne abbinate alla tinta del caratteristico tunnel centrale, che sembra il serbatoio di una moto. Le combinazioni disponibili sono 300, con prezzi compresi fra 350 e 900 euro. Ma la novità più importante degli interni è l’infotainment Nissan Connect, seguito a ruota dai dispositivi di assistenza alla guida del Nissan Safety Shield: nel video e in questo articolo potete capire meglio di cosa si tratta. Il tetto apribile panoramico in vetro, inoltre, aiuta a rendere più arioso l’abitacolo, che potrebbe avere un’abitabilità migliore. Il bagagliaio, invece, è stato ingrandito, fino a superare - secondo Nissan - la capacità di una MINI Countryman o di una Renault Captur, due rivali nel segmento dei piccoli SUV e crossover. Ora si parte da 354 litri grazie a un doppiofondo più profondo e si può infilare un passeggino senza dover tirare giù i sedili.

DUE TURBO
Il 1.2 turbo benzina da 115 CV a iniezione diretta è un nuovo motore, mentre il 1.6 turbo benzina da 190 CV è diventato Euro 6. Sì, d’accordo, il motore più venduto continuerà ad essere il 1.5 turbodiesel dCi da 110 CV, ma ho deciso di provare il più potente e “assurdo” 4 cilindri a benzina, accoppiato alla trazione 4x4 e cambio automatico CVT X-Tronic con possibilità di scegliere manualmente i rapporti: per certi versi è questa la configurazione più in linea con il design divertente e moderno della Juke. Si va forte, ma senza avere risposte mai davvero aggressive di motore, cambio, sterzo. E con la trazione integrale integrale si fa in fretta a pensare di essere su una macchina da rally. Soprattutto dando un po’ più di gas sugli sterrati o sul bagnato.

5 MOTORI, ANCHE A GPL
Il listino della Nissan Juke restyling parte da 16.650 e le vendite iniziano a luglio. Oltre alle motorizzazioni di cui abbiamo già parlato si possono avere anche un 1.6 a benzina da 94 CV 2WD con cambio manuale (stessa trasmissione abbinata anche al 1.2 DIG-T e al 1.5 dCi), mentre il 1.6 da 117 CV ha il cambio CVT. Il top di gamma 1.6 DIG-T si può avere sia con trazione anteriore e cambio manuale che con cambio X-Tronic e trazione 4x4 come quella provata. In arrivo anche un motore a GPL (1.6 da 115 CV), mentre gli allestimenti sono tre: Visia, Acenta, Tekna.

Scheda Versione

Nissan Juke
Nome
Juke
Anno
2010 (restyling del 2014)
Tipo
Normale
Segmento
utilitarie
Carrozzeria
SUV e Crossover
Porte
5 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore:

Tag: Test , Nissan , auto giapponesi


Listino Nissan Juke

Allestimento Trazione Alim. CV Cil. Posti Prezzo
1.6 Visia Zero anteriore benzina 94 1.6 5 € 16.350

LISTINO

1.6 Visia anteriore benzina 117 1.6 5 € 16.650

LISTINO

1.6 Young anteriore benzina 94 1.6 5 € 16.650

LISTINO

1.6 5MT Visia anteriore benzina 94 1.6 5 € 17.150

LISTINO

1.5 dCi Visia anteriore diesel 110 1.5 5 € 18.050

LISTINO

1.5 dCi Visia New anteriore diesel 110 1.5 5 € 18.050

LISTINO

1.6 Acenta anteriore benzina 117 1.6 5 € 18.550

LISTINO

1.6 Eco Visia anteriore GPL 117 1.6 5 € 18.650

LISTINO

Tutti gli allestimenti »

 

Top