dalla Home

Attualità

pubblicato il 13 maggio 2014

"Michael Schumacher non sarà mai più Michael Schumacher"

Le parole del Professor Peter Hutchinson preoccupano la rete

"Michael Schumacher non sarà mai più Michael Schumacher"
Galleria fotografica - Michael Schumacher, le immagini di un CampioneGalleria fotografica - Michael Schumacher, le immagini di un Campione
  • Michael Schumacher, le immagini di un Campione - anteprima 1
  • Michael Schumacher, le immagini di un Campione - anteprima 2
  • Michael Schumacher, le immagini di un Campione - anteprima 3
  • Michael Schumacher, le immagini di un Campione - anteprima 4
  • Michael Schumacher, le immagini di un Campione - anteprima 5
  • Michael Schumacher, le immagini di un Campione - anteprima 6

Michael Schumacher si sveglierà, ma non sarà mai più lo stesso. Peter Hutchinson, professore all’Università di Cambridge, neuroscienziato e neurochirurgo di grande influenza, ne è convinto e le sue parole stanno facendo il giro del mondo suscitando reazioni contrastanti tra chi le legge. C'è chi vede il risveglio positivamente e chi prevede solo dolore per quello che accadrà. Il sette volte campione di Formula Uno è ancora in coma all'ospedale di Grenoble e non ci sono notizie ufficiali sul suo stato di salute. "Michal Schumacher finirà per risvegliarsi - dice Hutchinson -, ma non potrà mai più essere lo stesso. Non è come accendere una luce che si è spenta. Vivrà in un mondo per lui diverso. Mi pare che Schumacher abbia vinto la sua battaglia contro la morte, ma credo che dovrà ancora battersi per la vita che lo aspetta. Vivrà in una realtà alla quale non è per niente abituato. E Michael Schumacher non sarà mai più Michael Schumacher".

Finora familiari e amici mantengono la riservatezza e non hanno commentato queste affermazioni. Una delle ultime manifestazioni di affetto pubbliche è stata quella del presidente della Ferrari Luca di Montezemolo al primo week-end europeo del Mondiale di F1 in Spagna. "Sono voluto essere sul circuito di Montmelò perché oggi più che mai il mio pensiero va a Michael Schumacher e alla sua famiglia. Su questa pista, il 2 giugno 1996, vinse il suo primo Gp con la Ferrari, iniziando la sua lunga serie di successi con la scuderia e, proprio da qui, voglio mandare un nuovo messaggio di incoraggiamento a questo grande amico che sta lottando nella sua gara più difficile. La deve affrontare con il coraggio e la determinazione che lo hanno sempre caratterizzato in pista. Io, la Ferrari tutta e i suoi tifosi gli siamo sempre vicini".

Autore:

Tag: Attualità , schumacher


Top