dalla Home

Tuning

pubblicato il 3 marzo 2007

Koenigsegg CCGT e CCXR a Ginevra

Koenigsegg CCGT e CCXR a Ginevra
Galleria fotografica - Koenigsegg CCGTGalleria fotografica - Koenigsegg CCGT
  • Koenigsegg CCGT - anteprima 1
  • Koenigsegg CCGT - anteprima 2
  • Koenigsegg CCGT - anteprima 3
  • Koenigsegg CCGT - anteprima 4
  • Koenigsegg CCGT - anteprima 5

Il Costruttore nordico Koenigsegg ha confezionato due inedite versioni della sua nota sportiva CCX giusto in tempo per impressionare i visitatori del Salone di Ginevra.

I due allestimenti si rivolgono a realtà nettamente differenti. La prima versione denominata CCGT correrà nel campionato FIA GT1 e a tale scopo la sua potenza è stata portata a 600 cv per essere conforme ai vigenti regolamenti. Tra i collaudatori che hanno sviluppato CCGT troviamo, oltre Christian Koenigsegg e Bard Eker, anche l'italiano Loris Bicocchi. Basata sulla sorella CCX, la versione da corsa è stata alleggerita fino ad arrivare al peso forma di circa 1000 kg, dando la possibilità al team di distribuire ottimamente 100 kg di zavorra visto che il regolamento FIA consente masse fino a 1.100 kg. Inoltre, il motore è stato profondamente rivisto: essendo state eliminate le turbine CCGT si è trasformata in una possente race car con un motore aspirato da 5 litri.

La seconda versione di CCX che vedremo a Ginevra è invece ispirata ad una filosofia tutta differente, trattandosi infatti di una super sportiva alimentata con bioetanolo. Questo non deve però rattristare gli appassionati: grazie al maggior numero di ottani dell'E85, la nuova CCXR eroga ben 1.018 cv a 7.200 giri e una coppia motrice di 1.060 Nm a 6.100 giri/minuto. Cosa dire: viva i carburanti alternativi!

Autore:

Tag: Tuning


Top