dalla Home

Home » Argomenti » Multe e Ricorsi

pubblicato il 5 maggio 2014

Gara clandestina improvvisata in auto? In galera!

Quattro mesi di reclusione e 4.000 euro di multa per un automobilista di Milano

Gara clandestina improvvisata in auto? In galera!

Anche una gara clandestina in auto senza preavviso, improvvisata, viene punita come un reato: lo ha stabilito la Cassazione con la sentenza 17811 del 21 marzo 2014, pubblicata il 28 aprile. Così, l’automobilista ha perso per la terza volta: dopo il primo grado e il giudizi di colpevolezza della Corte d’appello di Milano che lo aveva condannato a quattro mesi di reclusione e 4.000 euro di multa (più la sospensione della patente per un anno), è arrivata la conferma della Cassazione. La quarta sezione penale ha osservato che ai fini della configurabilità del reato di cui all’articolo 9 ter del Codice della strada, è sufficiente il fatto di gareggiare, senza necessità di un previo accordo organizzativo tra i due partecipanti.

CHE COSA DICE LA LEGGE
Ricordiamo che, per il Codice della strada, chiunque gareggia in velocità con veicoli a motore è punito con la reclusione da sei mesi a un anno e con la multa (oggi) da 5.000 a 20.000 euro. Anche se la sanzione massima si applica solo nel caso in cui non venga pagata quella minima di 5.000. Non è tutto: se dallo svolgimento della competizione deriva la morte di una o più persone, si applica la pena della reclusione da sei a dieci anni; se ne deriva una lesione personale la pena è della reclusione da due a cinque anni. Poi, c’è la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente da uno a tre anni ai sensi. La patente è sempre revocata se dallo svolgimento della competizione sono derivate lesioni personali gravi o gravissime o la morte di una o più persone.

IL TRUCCO DELL’AUTO
Con la sentenza di condanna è sempre disposta la confisca dei veicoli dei partecipanti. Salvo che appartengano a persona estranea al reato e che questa non li abbia affidati a questo scopo. Per questo, molti usano macchine non proprie per fare queste gare sciocche che mettono a repentaglio l’altrui e la propria sicurezza: se vengono acciuffati dalle forze dell’ordine, almeno il mezzo è salvo.

SANZIONI PIÙ DURE
Invece, sempre per il Codice della strada, chiunque organizza, promuove, dirige o comunque agevola una competizione sportiva in velocità con veicoli a motore senza esserne autorizzato è punito con la reclusione da uno a tre anni e con la multa di 25.000 euro. La stessa pena si applica a chiunque prende parte alla competizione non autorizzata. Se dallo svolgimento della competizione deriva la morte di una o più persone, si applica la pena della reclusione da sei a dodici anni; in caso di feriti, la pena è della reclusione da tre a sei anni.

Autore: Redazione

Tag: Attualità , incidenti , sicurezza stradale , multe


Top