dalla Home

Test

pubblicato il 3 maggio 2014

Dossier #perchécomprarla

MINI, perché comprarla... e perché no [VIDEO]

Lo stile resta inconfondibile, come la qualità e il prezzo (elevati). È meno reattiva e più rotonda da guidare e ha troppi accessori a pagamento

Galleria fotografica - Nuova MINI CooperGalleria fotografica - Nuova MINI Cooper
  • Nuova MINI Cooper - anteprima 1
  • Nuova MINI Cooper - anteprima 2
  • Nuova MINI Cooper - anteprima 3
  • Nuova MINI Cooper - anteprima 4
  • Nuova MINI Cooper - anteprima 5
  • Nuova MINI Cooper - anteprima 6

Sono davvero poche le auto che non hanno bisogno di presentazioni. La MINI è una di queste, tutti la conoscono e infatti anche questa nuova generazione - la terza della versione moderna della piccola inglese nata nel 1959 - non stravolge il look che l’ha resa inconfondibile. Anche se i cambiamenti rispetto al passato sono importanti: li abbiamo approfonditi nella nostra video-prova del #perchécomprarla, per farci un’idea su com’è fatta e su come va la nuova MINI.

PREGI E DIFETTI
I centimetri in più della carrozzeria si ritrovano nella zona posteriore dell’abitacolo: persone e bagagli hanno più spazio a disposizione rispetto ai modelli precedenti. Chi sta davanti, invece, non potrà che percepire la stessa qualità degli interni di una BMW, il costruttore cui appartiene il marchio MINI. E che condivide con l’utilitaria made in Oxford il livello tecnologico raggiunto dalla casa bavarese in termini di equipaggiamenti. Peccato, però, che troppi dispositivi siano a pagamento. Alla guida - sia la Cooper che abbiamo guidato in passato che la Cooper S protagonista di questa prova - non ci si rende conto di essere su un’auto così piccola: l’insonorizzazione è di categoria superiore e il comportamento su strada è molto composto. Si è perso forse qualcosa in termini di go-kart feeling per quel che riguarda la reattività dell’assetto, mentre lo sterzo continua a dare confidenza, come da tradizione per un’auto che ha fatto del “go-kart feeling” il suo cavallo di battaglia.

QUAL È LA MIGLIORE?
Per ora nella gamma della nuova MINI ci sono tre versioni: Cooper, Cooper S e Cooper D. Se volete risparmiare sul carburante potete scegliere quest’ultima, che ha un turbodiesel 1.5 a 3 cilindri da 116 CV. Ma il modello più in sintonia con lo spirito di quest’auto è la più potente versione a benzina Cooper S, che sul mercato ha fra le rivali le rispettive varianti più sportive di concorrenti come la Fiat 500 o la Opel Adam (entrambe più piccole), oppure dell’Alfa Romeo MiTo, della Audi A1 e della Citroen DS3.

Per farvi un’idea più approfondita su questa macchina e sulle alternative potete navigare sul nostro Trovauto e consultare il nostro Listino.

Scheda Versione

Mini MINI
Nome
MINI
Anno
2013
Tipo
Premium
Segmento
utilitarie
Carrozzeria
2 volumi
Porte
3 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore:

Tag: Test , Mini , auto europee , guida all'acquisto


Listino Mini MINI

Allestimento Trazione Alim. CV Cil. Posti Prezzo
One 55kW anteriore benzina 75 1.2 4 € 17.100

LISTINO

One 55kW anteriore benzina 75 1.2 4 € 17.150

LISTINO

One anteriore benzina 102 1.2 4 € 18.950

LISTINO

One anteriore benzina 102 1.2 4 € 19.100

LISTINO

One Boost anteriore benzina 102 1.2 4 € 20.700

LISTINO

One D anteriore diesel 95 1.5 4 € 20.700

LISTINO

One D anteriore diesel 95 1.5 4 € 20.850

LISTINO

Cooper anteriore benzina 136 1.5 4 € 21.450

LISTINO

Tutti gli allestimenti »

 

Top