dalla Home

Home » Argomenti » Prezzi benzina

pubblicato il 3 maggio 2014

Dossier Auto a Metano

Auto a metano, perché si e perché no

Ecco i pro e contro di una scelta che salva portafoglio e ambiente

Auto a metano, perché si e perché no
Galleria fotografica - Auto a metanoGalleria fotografica - Auto a metano
  • Fiat Grande Punto 3 porte - anteprima 1
  • Fiat 500L - anteprima 2
  • Fiat Doblo - anteprima 3
  • Fiat Qubo - anteprima 4
  • Fiat Panda Classic - anteprima 5
  • Fiat Punto - anteprima 6

La prima motivazione d'acquisto di un'auto a gas, è inutile negarselo, sta nel risparmio alla pompa del carburante, in quella piacevole sensazione di spendere meno per fare il pieno che per mangiare una pizza fuori in coppia. Come vi abbiamo spiegato qui, però, è opportuno fare bene i propri calcoli. Ci sono esempi come quello della Seat Leon TGI o dell'Audi A3 Sportback g-tron in cui il punto di pareggio (il chilometraggio esatto a partire dal quale la maggior spesa iniziale è stata recuperata grazie alle minori spese) è molto basso, se non addirittura immediato, come nel caso della tedesca, che in versione a metano costa addirittura meno della corrispondente variante a benzina. Altro “pro” delle vetture a metano è quello della riduzione delle emissioni, sia che si parli di CO2, sia che si parli di gas incombusti o polveri sottili; contribuire a migliorare l'aria nella propria città fa piacere a tutti.

VANTAGGI E AGEVOLAZIONI
Grazie proprio alla riduzione delle emissioni, ecco un altro vantaggio per chi viaggia a metano: in molte città (fra cui Milano, per esempio) è possibile accedere alle aree a traffico limitato senza pagare il ticket di accesso. Ancora, alcune amministrazioni comunali danno la possibilità di parcheggiare gratuitamente o con sconti nelle zone a pagamento, di godere di riduzioni sul costo della tassa di circolazione e di circolare liberamente anche nei giorni di blocco del traffico o di “targhe alterne”. A corollario di tutto, c'è la tranquillità di un lavoro effettuato direttamente in fabbrica: tutte le auto a metano oggi presenti nel listino vengono assemblate come bifuel dal Costruttore. La trasformazione è dunque eseguita a regola d'arte e la copertura di garanzia è identica a quella delle “sorelle” ad alimentazione tradizionale. Ultimo, ma non meno importante, a differenza delle auto a GPL, quelle a metano hanno il vantaggio di poter essere parcheggiate ovunque, anche nei piani interrati. Il metano è infatti meno denso dell'aria e quindi, in caso di perdita dai serbatoi, non c'è pericolo di incendio o esplosione.

QUANDO PREFERIRE UN'AUTO A BENZINA O A GASOLIO
La prima ragione, tanto evidente quanto banale, per rinunciare all'auto a metano è l'eventuale carenza (se non proprio assenza) di distributori nella propria regione o, comunque, nei pressi di casa. Essere costretti a percorrere un certo numero di km per andare a fare rifornimento vanificherebbe i vantaggi economici e ambientali della scelta del gas naturale. Altra variabile da tenere in considerazione è quella dei tempi d'attesa al distributore: capita che in certi giorni “caldi” (per esempio quelli di esodo per le vacanze) le attese alle pompe di metano superino l'ora: riempire i serbatoi richiede qualche minuto in più rispetto a diesel e benzina e la minore diffusione di distributori crea talvolta dei veri e propri ingorghi. E' inoltre opportuno informarsi dettagliatamente sull'eventuale aggravio di costi di gestione: alcune case prevedono un programma di manutenzione ordinaria con ispezioni e tagliandi più frequenti e più costosi. A questo discorso si collega anche quello della revisione delle bombole, che ha un costo ridotto, ma da non trascurare, se si vuole fare un acquisto davvero ragionato. Infine, l'abbiamo lasciato per ultimo visto che per certi versi è in antitesi con l'auto a metano stessa, il piacere di guida: va da sé che automobili concepite per tagliare i costi di carburante e le emissioni inquinanti non vengano comprate da chi ama guidare in modo sportivo. Detto questo, per evitare di ritrovarsi con un'auto molto “seduta” è consigliabile informarsi bene sulla tecnologia utilizzata per il motore e, ancor meglio, chiedere di fare qualche km di prova con l'auto per capire se è in grado di soddisfare le proprie esigenze.

Autore:

Tag: Mercato , metano , carburanti


Top