dalla Home

Mercato

pubblicato il 16 aprile 2014

Dossier CarBlogger

Crisi PSA, Tavares non ha la bacchetta magica

La cultura del profitto è in pole position in un piano industriale senza particolari rivoluzioni

Crisi PSA, Tavares non ha la bacchetta magica
Galleria fotografica - Citroen DS Wild RubisGalleria fotografica - Citroen DS Wild Rubis
  • Citroen DS Wild Rubis - anteprima 1
  • Citroen DS Wild Rubis - anteprima 2
  • Citroen DS Wild Rubis - anteprima 3
  • Citroen DS Wild Rubis - anteprima 4
  • Citroen DS Wild Rubis - anteprima 5
  • Citroen DS Wild Rubis - anteprima 6

Cina e ancora Cina. Carlos Tavares, nuovo amministratore delegato di PSA con l'ordine di non fare prigionieri pur di rimettere sopra la linea di galleggiamento un gruppo che ha perso oltre 7 miliardi di euro negli ultimi due anni, non è uomo da effetti speciali. Il suo piano industriale, chiamato "Back in the Race" (Ritorno in corsa), è una sintesi di quel che ha detto negli ultimi due mesi, senza aggiungere particolari novità. Semmai, stupisce per il suo realismo, abituati come siamo a dichiarazioni roboanti dei manager su obiettivi spesso improbabili. Tavares è stato più realista del re. Ha annunciato ovviamente lacrime e sangue, una riduzione dei modelli Peugeot e Citroen da 45 a 26 e ha mirato dritto al corpo grande della Cina per salvare capra e cavoli.

Qui PSA dovrà triplicare le vendite entro il 2020 grazie anche al nuovo partner azionista Dongfeng. La linea DS diventerà un marchio a sé, aggressivo soprattutto e ancora in Cina, con sei modelli entro il 2022 (dai tre attuali e un altro quasi pronto, dunque nessuna rivoluzione in 8 anni di tempo). Tavares ha poi annunciato un margine del 2% per il 2018, dal -3,9% del 2012 e dal -2,9% del 2013. Cauto. Per dire, il concorrente Renault è oggi all'1,3% e mira al 5% nel 2016, Volkswagen è al 2,9%. Niente di strabiliante, insomma, nemmeno quel margine del 5% fissato su una slide per il quinquennio 2019-2023, si presume dunque a termine, cioè tra 9 anni. "Dobbiamo mettere la cultura del profitto davanti a tutto", ha chiuso Tavares. "Back in the Race", ma che salitona...

PSA Peugeot Citroen, "Back in the Race"

PSA Peugeot Citroen preme sull'acceleratore e Carlos Tavares, Presidente del Direttorio del Gruppo, presenta "Back in the Race", una serrata tabella di marcia che da quest'anno fissa gli obiettivi fino al 2018 "per poter ritrovare rapidamente la strada della redditività".

Autore: Carblogger.it

Tag: Mercato


Top