dalla Home

Mercato

pubblicato il 15 aprile 2014

PSA Peugeot Citroen "Torna in corsa"

Carlos Tavares, Presidente del Direttorio del Gruppo francese, presenta la tabella di marcia 2014-2018 per il risanamento

PSA Peugeot Citroen "Torna in corsa"
Galleria fotografica - Jeep Grand Cherokee TrailhawkGalleria fotografica - Jeep Grand Cherokee Trailhawk
  • Jeep Grand Cherokee Trailhawk - anteprima 1
  • Jeep Grand Cherokee Trailhawk - anteprima 2
  • Jeep Grand Cherokee Trailhawk - anteprima 3
  • Jeep Grand Cherokee Trailhawk - anteprima 4
  • Jeep Grand Cherokee Trailhawk - anteprima 5
  • Jeep Grand Cherokee Trailhawk - anteprima 6

PSA Peugeot Citroen preme sull'acceleratore e Carlos Tavares, Presidente del Direttorio del Gruppo, presenta "Back in the Race", una serrata tabella di marcia che da quest'anno fissa gli obiettivi fino al 2018 "per poter ritrovare rapidamente la strada della redditività". "Back in the Race" si basa su tre indicatori economici e ruota attorno a quattro obiettivi operativi, tra cui l'accelerazione dello sviluppo del marchio DS come Premium e la revisione del posizionamento prezzo dei prodotti di DS, Peugeot e Citroen. Partendo proprio da questi target legati all'operatività diciamo subito che le gamme del Gruppo saranno progressivamente razionalizzate e ricondotte a 26 modelli entro il 2020. Una gamma più compatta, secondo Tavares, coprirà meglio il mercato e assicurerà una maggiore redditività puntando ai segmenti più redditizi. Gli altri due aspetti cardine nel rilancio di PSA riguardano le strategie nei mercati internazionali e la riorganizzazione degli stabilimenti.

Il Gruppo continuerà ad accelerare il suo sviluppo in Cina, triplicando i volumi con Dongfeng entro il 2020 e completando lo sviluppo del marchio DS. Una dimostrazione concreta di questo aspetto è la Citroen DS 6WR presentata al Salone di Pechino. Allo stesso tempo PSA dovrà risanare la situazione in Russia e ripensare il business model in America Latina per tornare alla redditività in queste due zone entro tre anni. Altre opportunità di sviluppo verranno cercate nei nuovi paesi in crescita, come in Africa o nel bacino del Mediterraneo, tanto che sarà costituita una nuova organizzazione mondiale intorno a sei grandi regioni: Eurasia, Europa, Medio Oriente/Africa, America Latina, Cina e ASEAN, Asia-Pacifico. Per essere più competitiva PSA Peugeot Citroen accelererà la modernizzazione dei suoi stabilimenti, continuando a ridurre i costi e gli stock. Tutto questo, come anticipato, si fonda su tre pilastri strettamente economici: un free cash-flow operativo Gruppo positivo e ricorrente al più tardi entro il 2016; un free cash-flow operativo Gruppo cumulato di due miliardi di euro nel periodo 2016-2018; un margine operativo del 2% per la Divisione automobile entro il 2018, con un obiettivo del 5% nel prossimo piano a medio termine per il periodo 2019-2023.

Galleria fotografica - Citroen DS Wild RubisGalleria fotografica - Citroen DS Wild Rubis
  • Citroen DS Wild Rubis - anteprima 1
  • Citroen DS Wild Rubis - anteprima 2
  • Citroen DS Wild Rubis - anteprima 3
  • Citroen DS Wild Rubis - anteprima 4
  • Citroen DS Wild Rubis - anteprima 5
  • Citroen DS Wild Rubis - anteprima 6

PSA Peugeot Citroen, "Back in the Race"

PSA Peugeot Citroen preme sull'acceleratore e Carlos Tavares, Presidente del Direttorio del Gruppo, presenta "Back in the Race", una serrata tabella di marcia che da quest'anno fissa gli obiettivi fino al 2018 "per poter ritrovare rapidamente la strada della redditività".

Autore:

Tag: Mercato , produzione , dall'estero , cina


Top