dalla Home

Home » Argomenti » Prezzi benzina

pubblicato il 15 aprile 2014

Dossier Auto a Metano

Metano e GPL al self service: dal 30 aprile, ma con "riserva"

Ci si potrà rifornire da soli, ma solo con tessera apposita e in aree attrezzate specificamente

Metano e GPL al self service: dal 30 aprile, ma con "riserva"
Galleria fotografica - Auto a metanoGalleria fotografica - Auto a metano
  • Fiat Grande Punto 3 porte - anteprima 1
  • Fiat 500L - anteprima 2
  • Fiat Doblo - anteprima 3
  • Fiat Qubo - anteprima 4
  • Fiat Panda Classic - anteprima 5
  • Fiat Punto - anteprima 6

Dal 30 aprile sarà ufficialmente possibile effettuare il pieno di GPL e metano in modalità self service. Il Ministro dello Sviluppo Economico Federica Guidi e quello dell'Interno Angelino Alfano hanno infatti firmato due decreti (uno per il GPL e uno per il gas naturale) che modificano due leggi preesistenti, che escludevano questa possibilità. Fino a questo punto, la buona notizia, di cui vi avevamo fornito qualche anticipazione qui.Ma non è tutto così semplice, visto che i due decreti prescrivono quanto segue: “E' consentito il rifornimento self-service in aree di servizio non presidiate a condizione che siano osservati i seguenti punti: gli impianti siano dotati di un sistema di videosorveglianza, con registrazione delle immagini in conformità alla normativa vigente, che consenta la visione dell'apparecchio di distribuzione e della zona di rifornimento dei veicoli; gli utenti siano stati preventivamente autorizzati da parte di soggetti abilitati mediante l'attivazione di apposita scheda a riconoscimento elettronico rilasciata dai gestori o da altri soggetti che ne hanno titolo. Inoltre, nell'area di servizio ci deve essere adeguata istruzione (mediante idonea cartellonistica) del proprietario del veicolo sulle modalità di effettuazione del rifornimento self-service e dei rischi connessi, nonché delle avvertenze, limitazioni, divieti e comportamento da tenere in caso di emergenza. Una serie di paletti non da poco, almeno in apparenza, sui quali abbiamo cercato di farci spiegare qualcosa di più da Federmetano (costituita nel 1948, è l'associazione dei proprietari di impianti per la distribuzione del metano ad uso autotrazione). Ecco cosa ci ha risposto l'Ing. Dante Natali, presidente dell'Associazione.

OmniAuto.it: La scheda personale di abilitazione dove si ottiene?
Dante Natali: "Il testo del decreto prevede che a rilasciarla sia il titolare o il gestore dell'impianto previa verifica delle caratteristiche del mezzo e dell'idoneità dei serbatoi".

OmniAuto.it: Quanto costa (se costa) fare la propria scheda?
Dante Natali: "Sarà una scelta commerciale dell'operatore, anche se è evidente che sarà un costo. Tuttavia dovrebbe trattarsi di cifra limitata".

OmniAuto.it: Fatta la scheda, questa è valida in tutti i distributori italiani?
Dante Natali: "No, o almeno non al momento. Probabilmente quelle emesse da grossi retisti e da compagnie petrolifere varranno su tutti gli impianti della loro rete. E' prevista una durata della tessera che andrà riconfermata (prevedo) di anno in anno , quantomeno per il controllo scadenze serbatoi".

OmniAuto.it: quanto tempo ci vuole per ottenere la scheda?
Dante Natali: "Se l'impianto che le eroga è già predisposto per il self, potrà anche essere emessa in tempo reale".

OmniAuto.it: il 30 aprile questi due decreti (uno per il GPL e uno per il metano) entreranno in vigore. A quanto vi risulta, quanti sono i distributori che già il 30 aprile saranno a norma?
Dante Natali: "Non abbiamo dati accertati, probabilmente i tempi saranno legati piuttosto ai necessari interventi di adeguamento tecnico che sono previsti per gli impianti. E' inevitabile prevedere i tempi per l'ordine ed il montaggio del materiale".

In conclusione, possiamo affermare che l'apertura dei self service anche alle auto a gas contribuirà senza dubbio a un'espansione della doppia alimentazione. Detto questo, resta la tendenza tutta italiana a complicare le cose semplici. In particolare, ciò che lascia perplessi, è il fatto che la tessera personale non sia valida (almeno per ora) su tutta la rete nazionale; se andrà bene, la tessera verrà riconosciuta dai distributori appartenenti a grosse reti o a compagnie petrolifere. Tradotto: chi si sposta tanto per lavoro, o si informa prima sulla dislocazione dei propri distributori di fiducia – ammesso che lungo il tragitto ce ne siano – o, per fare il pieno di gas, rischierà di essere sottoposto agli stessi vincoli oggi presenti. Discorso diverso se l'auto la si usa solo su un tragitto abituale: in questo caso la nuova normativa semplifica non poco la vita.

Autore: Redazione

Tag: Interviste , gpl , metano , carburanti


Top