dalla Home

Home » Argomenti » Assicurazioni

pubblicato il 11 aprile 2014

Protesta Rca, più concorrenza per abbassare le tariffe

La Carta di Bologna prepara un disegno legge all’insegna della massima libertà

Protesta Rca, più concorrenza per abbassare le tariffe

Libertà di scegliere il carrozziere, libertà di rivolgersi ad un proprio medico legale, libertà di cambiare Assicurazione in qualsiasi momento: sono tre dei numerosi punti del disegno legge Rca appena presentato dalle sigle della Carta di Bologna, capitanate da Federcarrozzieri di Davide Galli. Un movimento composto da artigiani, consumatori, vittime della strada e professionisti che si battono per un mercato assicurativo concorrenziale e in grado di garantire al danneggiato di scegliere il proprio medico e il proprio riparatore e di ottenere un giusto ed equo risarcimento. I punti della Carta di Bologna sono diventati una proposta di legge che è stata presentata a Roma il 9 aprile nell'auletta dei gruppi parlamentari.

PER ABBASSARE LE TARIFFE RCA
La premessa della Carta di Bologna è che l’attuale scenario del mercato assicurativo risulta essere pressoché privo di concorrenza, con una situazione di oligopolio dove tre grandi gruppi assicurativi si dividono quasi il 70% del mercato Rc auto, cercando di massimizzare i propri profitti. Poca concorrenza uguale tariffe alte. Quindi, serve un mercato più competitivo per far calare davvero le Rca. “Il danneggiato deve essere libero di scegliere dove farsi curare, dove farsi riparare il veicolo, dove rivolgersi per ottenere i servizi di tutela migliori. L’assicurato non deve invece essere costretto ad alcun vincolo per la parte obbligatoria della polizza”, ha dichiarato Furio Truzzi, presidente Assoutenti. E ha rincarato la dose Galli: “Gli artigiani non vogliono diventare terzisti delle imprese assicuratrici che con il loro enorme potere contrattuale potrebbero impoverire il settore al punto tale che potrebbe risentirne la bontà e la sicurezza delle riparazioni. Rispondiamo a chi vuole accordi al ribasso con le Compagnie assicuratrici con la Carta di Bologna che propone trasparenza nel mondo della riparazione e questo è sicuramente un beneficio per tutti”.

CESSIONE DEL CREDITO
Un altro punto importante della Carta di Bologna è la cessione del credito al carrozziere: un contratto in forza del quale l’assicurato non si limita a delegare al carrozziere il solo incasso del risarcimento del danno da parte dell’impresa (delega di pagamento), ma conferisce al medesimo ogni diritto di risarcimento ipotizzabile a seguito del sinistro. Le Assicurazioni mirano a eliminare la cessione del credito, così da avere un unico interlocutore: l’automobilista. Che di Rca sa poco o nulla...

Scopri tutto sulle assicurazioni.

Autore: Redazione

Tag: Attualità , assicurazioni


Top