dalla Home

Curiosità

pubblicato il 8 aprile 2014

Ferrari, 4 mila euro di bonus in busta paga per tutti i dipendenti

È il premio produzione con cui il Cavallino Rampante ringrazia i lavoratori per i risultati record del 2013

Ferrari, 4 mila euro di bonus in busta paga per tutti i dipendenti
Galleria fotografica - Viaggio nel mondo Ferrari, alla scoperta di una fabbrica miglioreGalleria fotografica - Viaggio nel mondo Ferrari, alla scoperta di una fabbrica migliore
  • Viaggio nel mondo Ferrari, alla scoperta di una fabbrica migliore - anteprima 1
  • Viaggio nel mondo Ferrari, alla scoperta di una fabbrica migliore - anteprima 2
  • Viaggio nel mondo Ferrari, alla scoperta di una fabbrica migliore - anteprima 3
  • Viaggio nel mondo Ferrari, alla scoperta di una fabbrica migliore - anteprima 4
  • Viaggio nel mondo Ferrari, alla scoperta di una fabbrica migliore - anteprima 5
  • Viaggio nel mondo Ferrari, alla scoperta di una fabbrica migliore - anteprima 6

Lavorare per la Ferrari è il sogno di molti, in tutto il mondo. E di certo non sono i soldi il motivo principale per cui un ingegnere, un operaio o un meccanico vorrebbero poter timbrare tutti i giorni il cartellino a Maranello. Ma il 2013 è stato un anno record per la Scuderia (+5% di fatturato, +8,3% di utile), che quindi ha deciso di versare ai propri dipendenti un premio di produzione di 4.096 euro, il più alto nella storia del marchio. Una somma che si aggiunge al premio triennale voluto dal presidente Montezemolo, la cui strategia per confermare il Cavallino Rampante come marchio più forte al mondo è quella di fare in modo che la Rossa resti italiana anche dopo la nascita del gruppo FCA Fiat-Chrysler, riducendo la produzione annuale di vetture, per rendere ancora più esclusivi i nuovi modelli e preziose le auto usate. E per rafforzare la reputazione di eccellenza italiana da sempre riconosciuta alla Ferrari.

Ci sono poi le partnership tecnologiche importanti, come quella appena siglata con Apple per integrare nel modo migliore un iPhone con il sistema d’infotainment. A cominciare dalla Ferrari FF, cha abbiamo messo alla prova proprio in questo ambito al Salone di Ginevra, nei giorni della presentazione della Ferrari California T, la nuova entry level del listino ma anche la prima vettura stradale dopo la mitica F40 a montare un motore turbo sotto il cofano. In attesa di vedere la prima Ferrari ibrida: il nuovo regolamento di Formula 1, infatti, fa da laboratorio tecnologico proprio per l’elettrificazione delle auto nella produzione di serie. Qualche giorno fa abbiamo parlato della Ferrari FFX, un crossover ibrido a trazione integrale: le reazioni, come potete leggere cliccando sul link, non sono mancate.

Autore: Redazione

Tag: Curiosità , Ferrari , auto italiane , lavoro


Top