dalla Home

Curiosità

pubblicato il 17 marzo 2014

Fiat 500L: richiamo USA per 18.092 vetture

Il cambio automatico doppia frizione, disponibile solo in America, potrebbe presentare problemi di innesto marcia

Fiat 500L: richiamo USA per 18.092 vetture
Galleria fotografica - Fiat 500L per l'AmericaGalleria fotografica - Fiat 500L per l'America
  • Fiat 500L per l\'America - anteprima 1
  • Fiat 500L per l\'America - anteprima 2
  • Fiat 500L per l\'America - anteprima 3
  • Fiat 500L per l\'America - anteprima 4
  • Fiat 500L per l\'America - anteprima 5
  • Fiat 500L per l\'America - anteprima 6

Chrysler ha avviato negli USA un campagna di richiami per un difetto riscontrato al cambio automatico DCT della Fiat 500L venduta oltreoceano. Le vetture coinvolte dal richiamo sono 18.092 prodotte fra aprile 2013 e gennaio 2014 e secondo quanto dichiarato dal Costruttore potrebbero presentare problemi di mancato inserimento della marcia o ritardo nell’inserimento. In pratica il difetto alla leva del cambio automatico della 500L americana potrebbe impedire alcune manovre di parcheggio o muovere la vettura in maniera inaspettata, con rischi per l’automobilista. Fino al 20 gennaio 2014 però non sono segnalati casi di incidente dovuti a questo difetto.

Il richiamo volontario delle Fiat 500L, che a differenza di quelle europee possono montare il cambio 6 marce a doppia frizione (DCT), è legato ad un errata comunicazione fra le centraline di controllo che gestiscono il funzionamento del cambio DCT; a basse temperature le tolleranze costruttive fra i vari componenti rischiano di portare ad un ritardo nella sincronizzazione dei dati e quindi ad un malfunzionamento dell’innesto marcia. Le vetture in oggetto sono delle Fiat 500L MY 2014 costruite nello stabilimento serbo di Kragujevac che montano elettronica del cambio doppia frizione marchiata Ficosa International. L’invio delle lettere di richiamo ai clienti e alle officine americane partirà il prossimo mese di aprile.

Scegli Versione

Autore:

Tag: Curiosità , Fiat , auto italiane , dall'estero , richiami , usa


Top