dalla Home

Curiosità

pubblicato il 17 marzo 2014

Mary Barra, ad GM, è la donna più potente del mondo

Ha raggiunto i vertici più alti del management auto, ma si trova a dover risolvere questioni molto spinose

Mary Barra, ad GM, è la donna più potente del mondo

La donna più potente del mondo, secondo il Time, lavora nel mondo dell'auto. E' una svolta epocale, visto che mai prima d'ora una manager aveva ricoperto un ruolo così importante nel settore. Stiamo parlando di Mary Barra, la 51enne che a gennaio 2014 è stata nominata amministratore delegato di General Motors al posto di Dan Akerson. Il riconoscimento è arrivato dopo 33 anni di esperienza all’interno di GM e cariche importanti come vice presidente esecutivo e responsabile dello sviluppo globale del prodotto, degli acquisti e delle forniture. Barra, ingegnere elettronico, dirige ben 212mila dipendenti in 396 fabbriche nel mondo e a lei è affidato il delicato compito di risollevare il gigante americano dalla brutta caduta che ha fatto. I profitti di GM sono precipitati e in Europa il marchio Opel ha perso miliardi di dollari. Non è un momento facile e Barra si sta giocando l'intera carriera in questa scommessa. Una sfida che fa tornare in mente quella di un'altra donna ai vertici dell'auto (anche se più in basso): Laura J. Soave. A lei Sergio Marchionne aveva dato l'importantissimo compito di guidare il ritorno del marchio Fiat negli USA dopo 25 anni di attesa. Il suo lavoro però non è stato particolarmente apprezzato e dopo appena un anno il numero uno di Fiat-Chrysler l'ha sostituita con un uomo, Tim Kuniskis. In bocca al lupo a Mary Barra, che proprio ora si trova a dover risolvere la spinosa questione di 303 morti negli USA per gli airbag difettosi...

Autore:

Tag: Curiosità , dall'estero


Top