dalla Home

Tecnica

pubblicato il 13 marzo 2014

Dentro la nuova Audi TT, come in un videogame

Le nostre impressioni sul Virtual Cockpit, lo spettacolare quadro strumenti digitale che potrebbe rivoluzionare il modo di guidare l'automobile

Dentro la nuova Audi TT, come in un videogame
Galleria fotografica - La strumentazione della nuova Audi TTGalleria fotografica - La strumentazione della nuova Audi TT
  • La strumentazione della nuova Audi TT - anteprima 1
  • La strumentazione della nuova Audi TT - anteprima 2
  • La strumentazione della nuova Audi TT - anteprima 3
  • La strumentazione della nuova Audi TT - anteprima 4
  • La strumentazione della nuova Audi TT - anteprima 5
  • La strumentazione della nuova Audi TT - anteprima 6

"Less is more". A Ingolstadt utilizzano un ossimoro per descrivere la nuova Audi TT, presentata al Salone di Ginevra. Perché il minimalismo raggiunto nella progettazione dell’abitacolo di questa coupé non ha eguali. Il merito è del Virtual Cockpit, ovvero di uno spettacolare display da 12,3 pollici posizionato dietro al volante, che racchiude tutte le informazioni possibili ed immaginabili, dal classico contagiri affiancato dal tachimetro, fino ad arrivare ai dati di navigazione, della climatizzazione e del computer di bordo. E’ un'autentica rivoluzione nel modo di intendere la fruizione delle informazioni uomo-automobile, che manda definitivamente in pensione le lancette, calando il guidatore in una nuova dimensione che ha il sapore di video gioco…

LA NOSTRA DEMO
Chi vi scrive la nuova TT non l’ha ancora guidata, ma dal vivo l’auto l’ha studiata per bene sotto la guida dell'ingegner Monika Nitsch che è la responsabile dello sviluppo infotainment Audi. Monika mi ha accompagnato in un tour virtuale, alla scoperta di questo nuovissimo sistema, facendo sì che lo scetticismo iniziale pian piano si dissolvesse, o quasi. Tanto per cominciare bisogna prendere confidenza con il joystick del sistema MMI, sistemato nella solita posizione sul tunnel centrale, ma affiancato in questa nuova versione solo da due soft-button per simulare le funzioni di un mouse per pc, è possibile accedere a tutte le informazioni desiderate. Inoltre tutte le funzioni sono richiamabili dai tasti presenti sul volante multifunzione, per non staccarne mai le mani e ridurre al minimo le distrazioni. Nella visualizzazione 'Classic' il quadro strumenti mostra in evidenza contagiri e tachimetro, con al centro le informazioni relative al navigatore satellitare, alla vettura e ai media supportati. Passando alla modalità 'Infotainment' vengono invece privilegiati nella grafica i sistemi di bordo secondari, riducendo le dimensioni delle lancette digitali… Monika ci ha spiegato che il Virtual Cockpit è gestito da due processori quadcore Nvidia e raggiunge una risoluzione di 1440 x 500 pixel: tutto ciò rende la qualità di visualizzazione sul display altissima. Mentre la fluidità di funzionamento quando il sistema deve reperire dati rete è assicurata da una connettività LTE, che equivale ad una banda larga.

OmniAuto.it: Praticamente avete messo un computer in automobile, ma com’è nata l’idea di spingervi ad un tale livello di digitalizzazione?
Monika Nitsch: "Volevamo qualcosa di fortemente innovativo che mirasse soprattutto al guidatore per fornirgli un'esperienza di guida unica. E abbiamo pensato che racchiudere tutto in unico display, a portata di sguardo in ogni momento, fosse il modo giusto per raggiungere il nostro obiettivo".

OmniAuto.it: Il fatto di dare così tanta attenzione a chi guida non rischia di trascurare il passeggero, escludendolo da alcune informazioni alle quali potrebbe essere interessato?
Monika Nitsch: "Abbiamo fatto in modo da coinvolgere anche gli altri occupanti della vettura. Attraverso uno smartphone o un tablet, ed una App dedicata di Audi, è possibile accedere alle funzioni di bordo ed essere quindi pienamente informati di quanto sta accadendo. Attraverso tablet e smartphone è anche possibile scegliere la musica o condividere con il navigatore satellitare una posizione di google earth".

OmniAuto.it: Le vecchie lancette sono sparite, ma ai clienti più tradizionalisti legati ad uno stile di guida più puro, secondo voi, piacerà questo sistema?
Monika Nitsch: "Con la modalità di visualizzazione classica è possibile vedere il contagiri ed il tachimetro, minimizzando le restanti informazioni. Le lancette sono digitali e visualizzate in alta risoluzione, ma nella grafica e nei movimenti abbiamo cercato di farle somigliare quanto più possibile a quelle classiche analogiche. E devo dire che ci siamo riusciti... Inoltre sulla TTs è possibile impostare una visualizzazione che pone al centro del display un grande contagiri, un po' come succedeva sulle auto da corsa del passato".

OmniAuto.it: Avete fatto degli studi per capire quanto e come varia il livello di distrazione con un sistema di questo tipo?
Monika Nitsch: "Sì. Nella fase di sviluppo abbiamo studiato tutte le problematiche relative alla distrazione, constatando che è assolutamente paragonabile a quella di un più classico sistema di infotainment, se non più bassa. Aver semplificato l'MMI, dotandolo della funzione touchscreen calligrafica e di soli due tasti, anziché quattro come sulle precedenti versioni, ci ha aiutato molto da questo punto di vista. Inoltre abbiamo semplificato anche i comandi vocali: non è più necessario avere un linguaggio impostato e schematico per comunicare con la nuova TT, che ora è capace di comprendere anche termini di uso comune. Un esempio? Per avviare una chiamata con il telefono di bordo si può dire 'chiama tale persona' oppure 'ho bisogno di parlare con tale persona' o utilizzare altri naturali costrutti".

OmniAuto.it: Prima ha parlato di smartphone, come siete stati influenzati da questo mondo per lo sviluppo del Virtual Cockpit?
Monika Nitsch: "Il mondo degli smartphone e dei tablet ci ha chiaramente ispirato sia dal punto di vista del software che da quello dell'hardware. In questi tempi è fondamentale l'integrazione tra la vettura e i dispositivi elettronici dei quali ormai tutti noi disponiamo. Ai miei tempi per avere in auto 1500 ore di musica c'era bisogno di circa 1000 musicassette, ora basta avere un hard disk da 11 GB e due schede SD da 64 GB, proprio quanto è presente sulla terza generazione della TT...".

Insomma, provare per credere!

Galleria fotografica - Nuova Audi TTGalleria fotografica - Nuova Audi TT
  • Nuova Audi TT - anteprima 1
  • Nuova Audi TT - anteprima 2
  • Nuova Audi TT - anteprima 3
  • Nuova Audi TT - anteprima 4
  • Nuova Audi TT - anteprima 5
  • Nuova Audi TT - anteprima 6

Scheda Versione

Audi TT Coupé
Nome
TT Coupé
Anno
2014
Tipo
Premium
Segmento
sportive
Carrozzeria
coupé
Porte
3 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore: Andrea Carrato

Tag: Tecnica , Audi , auto europee


Listino Audi TT

Allestimento Trazione Alim. CV Cil. Posti Prezzo
1.8 TFSI anteriore benzina 160 1.8 4 € 34.300

LISTINO

1.8 TFSI Advanced anteriore benzina 160 1.8 4 € 35.840

LISTINO

1.8 TFSI S tronic anteriore benzina 160 1.8 4 € 36.600

LISTINO

1.8 TFSI anteriore benzina 180 1.8 4 € 36.750

LISTINO

1.8 TFSI Advanced Plus anteriore benzina 160 1.8 4 € 37.660

LISTINO

1.8 TFSI S tronic Advanced anteriore benzina 160 1.8 4 € 38.140

LISTINO

1.8 TFSI S tronic anteriore benzina 180 1.8 4 € 39.050

LISTINO

2.0 TFSI anteriore benzina 511 2.0 4 € 39.200

LISTINO

Tutti gli allestimenti »

 

Top