dalla Home

Tecnica

pubblicato il 12 marzo 2014

Dossier Castrol Titanium Trials

Castrol Edge Titanium FST, l’olio motore arricchito con particelle di "metallo"

Il nuovo lubrificante ad alte prestazioni debutta al CERN di Ginevra. Ecco cosa promette questa tecnologia

Galleria fotografica -  	Castrol Edge Titanium, la presentazione al CERN Galleria fotografica -  	Castrol Edge Titanium, la presentazione al CERN
  •  	Castrol Edge Titanium, la presentazione al CERN  - anteprima 1
  •  	Castrol Edge Titanium, la presentazione al CERN  - anteprima 2
  •  	Castrol Edge Titanium, la presentazione al CERN  - anteprima 3
  •  	Castrol Edge Titanium, la presentazione al CERN  - anteprima 4
  •  	Castrol Edge Titanium, la presentazione al CERN  - anteprima 5
  •  	Castrol Edge Titanium, la presentazione al CERN  - anteprima 6

Un olio lubrificante per automobili nel CERN di Ginevra. L’accostamento può sembrare pretestuoso, ma Castrol ha le sue buone ragioni per tirare in ballo il tempio della fisica mondiale, quanto meno metaforicamente. Perché il nuovo Edge Titanium promette un salto di qualità per certi versi epocale in materia di efficienza di lubrificazione dei motori. E proprio come accade all’interno degli acceleratori del CERN, è una questione di particelle…

LA RICERCA PER L’EFFICIENZA
Facciamo una premessa. Il tema degli oli lubrificanti non è facile da trattare con parole semplici e magari divertenti per chi legge. Ma non bisogna dimenticare quanto questo fluido ormai invisibile agli occhi di un automobilista medio sia vitale per il funzionamento non solo corretto, ma anche efficiente dell'automobile. Perché dalla bontà dell’olio motore dipendono gli attriti meccanici e quindi il riscaldamento nonché la resa del motore in termini di consumi e prestazioni. Discorso che vale a maggior ragione sui motori più moderni che con il downsizing, l’iniezione diretta e l’adozione di turbocompressori determinano condizioni di esercizio sempre più stressanti per gli organi meccanici e per l’olio stesso.

UN METALLO PER PROTEGGERE… IL METALLO
E qui arriviamo alla ricetta tecnologica brevettata da Castrol, frutto della sperimentazione di ben 2.400 miscele diverse di lubrificanti e 3 milioni di chilometri di test su strada. La novità è contenuta già nel nome del nuovo olio Edge Titanium FST, che incorpora - appunto - particelle di titanio. Sono dei polimeri solubili che attraverso il riscaldamento e la pressione, vanno ad aumentare la resistenza del film di lubrificante, ovvero del velo d’olio che serve a minimizzare il contatto e quindi l’attrito fra le componenti meccaniche del motore durante il funzionamento. Castrol promette addirittura il raddoppio di questa capacità, con conseguenti vantaggi in termini di riduzione degli attriti (-15%) e aumento della durata dell’olio motore (+140 ore). Così, sempre secondo Castrol, l’Edge Titanium FST vanterebbe un’efficacia del 45% superiore al principale concorrente oggi disponibile sul mercato.

CAMBIA LA GAMMA CASTROL EDGE
Il nuovo olio Castrol “al titanio” andrà progressivamente a sostituire l’attuale gamma Edge e sarà disponibile in Italia dal mese di aprile. Il prezzo di listino non è stato ancora comunicato: data la nuova tecnologia è previsto un rincaro che però ci è stato promesso come “non significativo”.

Autore:

Tag: Tecnica , ginevra


Top