dalla Home

Prototipi e Concept

pubblicato il 6 marzo 2014

Italdesign Giugiaro Clipper, più spazio alla Golf

Così il designer italiano immagina un MPV elettrico a 6 posti per il gruppo Volskwagen

Italdesign Giugiaro Clipper, più spazio alla Golf
Galleria fotografica - Italdesign Giugiaro ClipperGalleria fotografica - Italdesign Giugiaro Clipper
  • Italdesign Giugiaro Clipper - anteprima 1
  • Italdesign Giugiaro Clipper - anteprima 2
  • Italdesign Giugiaro Clipper - anteprima 3
  • Italdesign Giugiaro Clipper - anteprima 4
  • Italdesign Giugiaro Clipper - anteprima 5
  • Italdesign Giugiaro Clipper - anteprima 6

Italdesign Giugiaro, l'azienda fondata nel 1968 da Giorgetto Giugiaro, fa parte integrante della famiglia Audi, con un ruolo sempre più importante nel settore dell'ingegneria e della ricerca stilistica tra i diversi marchi del gruppo Volkswagen. La Clipper concept, in anteprima al Salone di Ginevra (4-16 marzo 2014), ne è un esempio: sulla piattaforma modulare MQB (quella della Golf) è stata realizzata una multispazio senza un marchio preciso, ma con un linguaggio stilistico conforme a quello del gruppo, sperimentando soluzioni inedite, e con l'impiego di due motori elettrici.

STILE RAZIONALE E PORTE AD APERTURA VERTICALE
La Clipper non è una concept avveniristica, ma ha uno stile semplice e razionale, molto scultoreo: il suo nome deriva da un'imbarcazione dell'ottocento, rapida e silenziosa, destinata al trasporto di merci rare e preziose come le spezia. Il veicolo, impostato come una due volumi piuttosto classica, poggia su grandi cerchi messi in risalto da parafanghi sporgenti, e ha un'aerodinamica curata, con un frontale carenato grazie al motore elettrico, la fiancata pulita, i vetri a filo della carrozzeria, poche feritoie per ingresso o uscita dell'aria. L'unico cenno avveniristico è nell'apertura delle portiere verso l'alto, con quelle anteriori che si aprono a farfalla e quelle posteriori ad ali di gabbiano, in modo da non interferire tra loro e garantire una facile accessibilità da parte di tutti i passeggeri, con il montante centrale incorporato nelle porte.

PLANCIA ESSENZIALE E TANTI MONITOR
Il design della Clipper parte però dall'interno: lo scopo è la realizzazione di una moderna MPV a 6 posti, ottimizzando lo spazio e con soluzioni pratiche. Sono presenti tre file di sedili, con un pavimento piatto per migliorare lo sfruttamento dello spazio interno, grazie a moduli mobili e modificabili a piacere. La plancia, sviluppata secondo la filosofia "touch feeling", è leggerissima, con il cluster centrale flottante, agganciato alla parte superiore, che ospita uno dei monitor, in grado di proiettare le informazioni sulla copertura in plexiglas di un monitor principale in profondità nel cruscotto: le informazioni sono complementari, e l'effetto è simile a quello di un ologramma. Davanti al passeggero ci sono poi tre monitor: uno per la telecamera al posto dello specchietto centrale, gli altri per la navigazione e l'infotainment.

POCHI PULSANTI, MOLTO ALCANTARA
Alla climatizzazione provvede una sottile bocchetta larga quanto la plancia, mentre tra i sedili è collocato un tunnel mobile, con un'escursione di 50 cm, e un pad retrattile da 11" per tutte le funzioni di controllo e climatizzazione: i pulsanti tradizionali sono solo quelli per lo start/stop, il selettore del cambio, il freno a mano elettronico e l'apertura delle porte. Il volante, infine, è multifunzionale, con due pad tattili che replicano le funzioni di controllo e attivano gli indicatori di direzione, mentre luci e tergi sono ad azionamento automatico. Nei poggiatesta sono inseriti quattro iPad Mini per i passeggeri di seconda e terza fila; le sedute posteriori possono essere abbattute, creando un vano di carico unico da circa 900 litri. Originale anche il rivestimento interno, realizzato quasi totalmente in Alcantara: la stampa digitale di un motivo geometrico a losanghe color grigio Castel Rock di forma degradante dà un effetto ottico di sfumatura, senza compromettere le qualità del materiale. Altro materiale è il cashmere del Lanificio Cerruti, studiato con un'esclusiva pellicola per renderlo traspirante ma impermeabile.

DUE MOTORI ELETTRICI PER 540 KM
La motorizzazione della Italdesign Giugiaro Clipper è elettrica: i motori sono due, da 110 kW ciascuno, disposti uno davanti e uno posteriormente, con trazione integrale a ruote indipendenti. L'autonomia complessiva è di 540 km, con batterie collocate nel pavimento e protette dagli urti. Altro aspetto tecnologico è il sistema Carlink, applicazione avviabile mediante il tablet di bordo con un collegamento ad un network privato, per condividere documenti e calendari, conversare in chat o giocare anche in multiplayer con altri passeggeri.

ANCHE IN VERSIONE DUCATI
Oltre alle versioni standard, la Clipper è stata realizzata anche con uno speciale allestimento Ducati: una "vanette" con un taglio diverso delle porte e del montante posteriore (Ducati fa parte di Audi Group insieme a Lamborghini e alla stessa Italdesign). Le grafiche esterne sono quelle ufficiali della stagione motociclistica Ducati, ed è previsto anche un carrello specifico per il trasporto della Ducati Panigale 1199 S.

Autore: Sergio Chierici

Tag: Prototipi e Concept , ginevra , car design , auto elettrica , auto italiane


Top