dalla Home

Live

pubblicato il 5 marzo 2014

Apple CarPlay, la nostra prova a Ginevra sulla Ferrari FF

L'iPhone sale sul Cavallino rampante. Scoprite con noi tutte le funzioni del "mirroring"

Galleria fotografica - Apple CarPlay e Ferrari al Salone di Ginevra 2014Galleria fotografica - Apple CarPlay e Ferrari al Salone di Ginevra 2014
  • Apple CarPlay e Ferrari al Salone di Ginevra 2014 - anteprima 1
  • Apple CarPlay e Ferrari al Salone di Ginevra 2014 - anteprima 2
  • Apple CarPlay e Ferrari al Salone di Ginevra 2014 - anteprima 3
  • Apple CarPlay e Ferrari al Salone di Ginevra 2014 - anteprima 4
  • Apple CarPlay e Ferrari al Salone di Ginevra 2014 - anteprima 5
  • Apple CarPlay e Ferrari al Salone di Ginevra 2014 - anteprima 6

Il CarPlay è in assoluto la novità tecnologica più chiacchierata del Salone di Ginevra (4-16 marzo 2014). Ma come funziona questo sistema presentato in pompa magna dalla Apple insieme a Ferrari, Mercedes-Benz e Volvo? Puntualizziamo subito che non stiamo parlando di una rivoluzione copernicana, bensì di un’interessante soluzione tecnica per effettuare il cosiddetto mirroring, ovvero la proiezione delle funzioni dello smartphone sul display del sistema di infotelematica dell’auto. Significa che Apple quando ha programmato il sistema operativo iOS 7 alla base del suo iPhone, lo ha predisposto per l'interagire con i sistemi di navigazione ed infotainment installati da alcune Case automobilistiche. E questo garantisce (sulla carta) una buona fluidità di funzionamento e soprattutto una facilità di utilizzo per gli “abitué” dello smartphone della mela moriscata. Ma vediamo come funziona.

LA PROVA SULLA FERRARI
Il CarPlay lo abbiamo provato sulla FF, l’affascinante 2+2 di Maranello che lo adotta da questo mese come accessorio. Come vi mostriamo nel video in cui ci ha affiancato un tecnico Apple volato a Ginevra direttamente da Cupertino, il CarPlay proietta sul display le funzioni più importanti dell’iPhone, ovvero quella di chiamata (il telefono), la messaggistica, le mappe, i podcast e l’app di Spotify. Il layout grafico è molto simile a quello dell’iPhone con tanto di tasto per tornare alla schermata principale riprodotto sul lato sinistro dello schermo. Cliccando invece sull’icona con il Cavallino Rampante si rientra nell’ambiente infotelematico nativo della Ferrari. Non poteva mancare, infine, l’integrazione con Siri, l’assistente vocale presente in iOS. Per utilizzarla basta spingere un pulsante dietro il volante e “pronunciare un comando” (nel video la dimostrazion viene fatto in inglese, ma sarà naturalmente in italiano). Ed è questa la funzionalità più utile di tutte quando si viaggia in auto per limitare le distrazioni. Per attivare il mirroring bisogna collegare l’iPhone alla presa USB dell’auto con il connettore standard Apple, cliccare sul tasto fisico Apple CarPlay e il gioco e fatto.

SOLO PER LE GRANTURISMO
A partire dalla prossima estate, Ferrari renderà disponibile il CarPlay anche sulla California, mentre non è prevista l’adozione del sistema sulle berlinette più prestazionali perché, come ha spiegato lo stesso Montezemolo durante la conferenza stampa, la tecnologia deve essere funzionale alla tipologia di auto. E naturalmente il CarPlay è inteso come un accessorio a richiesta: i clienti che non possiedono un iPhone potranno comunque utilizzare il sistema di infotainment con la tradizionale connettività Bluetooth. Ma c'è un particolare: secondo una ricerca di mercato, il 90% dei ferraristi ha uno smartphone Apple.

Autore:

Tag: Live , Ferrari , ginevra , auto italiane , iphone


Top