dalla Home

Prototipi e Concept

pubblicato il 26 febbraio 2014

Opel Astra OPC Extreme, quella esageratissima

Se la super concept da 300 CV piacerà, potrà essere prodotta in piccola serie

Opel Astra OPC Extreme, quella esageratissima
Galleria fotografica - Opel Astra OPC ExtremeGalleria fotografica - Opel Astra OPC Extreme
  • Opel Astra OPC Extreme - anteprima 1
  • Opel Astra OPC Extreme - anteprima 2
  • Opel Astra OPC Extreme - anteprima 3
  • Opel Astra OPC Extreme - anteprima 4
  • Opel Astra OPC Extreme - anteprima 5
  • Opel Astra OPC Extreme - anteprima 6

L’Opel Astra OPC Extreme è un’altra figlia del Nürburgring e della velocità, una concept che la Casa tedesca presenta al Salone di Ginevra (6-16 marzo) per sondare le reazioni del pubblico sulla sua eventuale produzione in piccola serie. Le doti ci sono tutte per attirare le bramosie del pubblico più sportivo, visto che l’Astra OPC Extreme monta il 2.0 turbo da 300 CV e pesa ben 100 kg in meno della normale Astra OPC. Il segreto di tanta esuberanza è quello di aver utilizzato come base di partenza la versione Cup da corsa, quella cioè che sfrutta materiali e tecnologie racing, e di averne ottenuto una versione “estrema” omologabile per la circolazione stradale.

IL QUATTRO CILINDRI OPEL PIU’ POTENTE
Tante componenti di carrozzeria della Opel Astra OPC Extreme sono realizzate in fibra di carbonio, compresi i cerchi ruota (-20 kg), il cofano motore e il tetto, che da solo pesa 2,3 kg contro i 9,3 kg di quello dell’Astra OPC. Lo stesso materiale composito è utilizzato negli spoiler aerodinamici, gli splitter, il diffusore e l’alettone di coda, le barre duomi delle sospensioni e la copertura del motore. I passaruota realizzati in alluminio pesano solo 800 grammi contro i 2,2 kg di quelli in acciaio. Il motore 2.0 turbo da 300 CV è il quattro cilindri più potente mai realizzato da Opel, con struttura in alluminio, iniezione diretta di benzina e fasatura variabile; questo è abbinato ad un cambio manuale 6 marce e trasmette tutta la sua potenza alle ruote attraverso un differenziale autobloccante. L’assetto regolabile si sposa con ruote in carbonio da 19” che montano pneumatici 245/35 e con l’impianto frenante Brembo che davanti ha pinze a sei pistoncini e dischi da 370 mm.

ANIMA RACING
Degno di un’auto da corsa è l’abitacolo della Opel Astra OPC Extreme, dove c’è un roll bar di sicurezza, sedili anteriori a guscio e nessun sedile posteriore. I due posti a sedere sono dei Recaro da corsa con cinture di sicurezza a sei punti della Schroth. Il volante con rinforzi in fibra di carbonio e rivestimento in pelle scamosciata si accorda alla perfezione con gli inserti in carbonio previsti sulla plancia e sulle portiere e con i colori giallo-grigio-nero del logo Opel Motorsport. Lo stesso trittico di tinte racing lo si ritrova nel grande labbro aerodinamico anteriore, sulle fiancate e nella parte alta dei pannelli porta interni. Speciale è anche la verniciatura della Opel Astra OPC Extreme, realizzata con uno smalto triplo strato e decal a effetto tridimensionale.

Scheda Versione

Opel Astra OPC
Nome
Astra OPC
Anno
2012
Tipo
Normale
Segmento
compatte
Carrozzeria
2 volumi
Porte
3 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore:

Tag: Prototipi e Concept , Opel , auto europee , ginevra


Listino Opel Astra

Allestimento Trazione Alim. CV Cil. Posti Prezzo
2.0 Turbo OPC 280cv Start&Stop anteriore benzina 280 2 5 € 33.535

LISTINO

 

Top