dalla Home

Novità

pubblicato il 18 febbraio 2014

McLaren 650S, figlia della 12C

Linea aerodinamica e performance da supercar con la potenza di 650 cavalli

McLaren 650S, figlia della 12C
Galleria fotografica - McLaren 650SGalleria fotografica - McLaren 650S
  • McLaren 650S - anteprima 1
  • McLaren 650S - anteprima 2
  • McLaren 650S - anteprima 3
  • McLaren 650S - anteprima 4
  • McLaren 650S - anteprima 5
  • McLaren 650S - anteprima 6

L'ultima coupé stradale McLaren è la 650S, che affianca nel listino, per il momento, la MP4-12C da cui deriva, e si propone come quest'ultima sia in versione coupé che spider con tetto rigido apribile elettricamente. Il nome 650 viene dalla potenza, 650 CV erogati dal V8 biturbo della 12C, mentre la lettera "S" sta per "Sport", a sottolineare le performance accresciute. L'impostazione generale della McLaren 650S, che debutta al Salone di Ginevra, è figlia della 12C di Frank Stephenson, l'autore della prima MINI: grandi prese d'aria "scavate" nella carrozzeria, frontale piuttosto corto con abitacolo avanzato, porte con apertura ad elitra e coda derivata dalla 12C GT3 che incorpora spoiler, scarichi, estrattore e sfoghi d'aria per il motore centrale.

UNA "DI FAMIGLIA"
Dalla McLaren P1 la 650S eredita le prese d'aria e le linee curve, che però sono accentuate, a cominciare dal nuovo "sguardo" simile al marchio McLaren, con i fari che si innestano nelle prese d'aria. Anche l'interno riprende la logica della 12C: si scende in basso, con uno sportivo colante a tre razze, la strumentazione con il contagiri al centro e l'interessante tunnel centrale molto sottile, con una sola presa d'aria e lo schermo del navigatore disposto verticalmente, come in uno smartphone.

S COME SPORT, CON 650 CV
La linea di una sportiva ha soprattutto finalità tecniche: con le modifiche estetiche, la 650S è più aerodinamica e a 240 km/h garantisce una deportanza migliore del 24% rispetto alla 12C, rendendo più efficace la stabilità e l'ingresso in curva. Anche l'Airbrake è più efficiente, fornendo più spinta verso il basso al retrotreno in diverse condizioni. Il V8 biturbo 3.8 litri M838T della 12C ha qui potenza portata a 650 CV, mentre le sospensioni con sistema ProActive Chassis Control con le modalità di marcia Normal, Sport e Track, hanno una diversa programmazione, più efficace. Non sono state ancora ufficializzate le prestazioni.

COMFORT DI LUSSO
Tra le dotazioni di serie i cerchi in lega a 5 razze che montano gomme Pirelli P Zero Corsa MC1, studiate appositamente per McLaren, ma anche accessori interni che fanno capire l'intenzione di realizzare un prodotto di lusso, oltre che super sportivo. Non manca, ad esempio, il sistema di infotainment Iris, dotato di bluetooth, wifi, radio digitale, streaming audio e riconoscimento vocale, e sono presenti accessori come i sedili con guscio in carbonio, sullo stile di quelli della P1, il piantone dello sterzo elettrico per favorire l'accesso, oppure la telecamera posteriore e i rivestimenti in fibra di carbonio. Arriverà ufficialmente sul mercato a partire dalla prossima primavera.

Autore: Sergio Chierici

Tag: Novità , McLaren , auto europee , ginevra


Top