dalla Home

Test

pubblicato il 17 febbraio 2014

Peugeot 3008, la prova sulla neve dell'ibrido diesel [VIDEO]

Con il restyling il crossover francese è più bello da guidare e consuma meno

Galleria fotografica - Peugeot 3008 HYbrid4 restylingGalleria fotografica - Peugeot 3008 HYbrid4 restyling
  • Peugeot 3008 HYbrid4 restyling - anteprima 1
  • Peugeot 3008 HYbrid4 restyling - anteprima 2
  • Peugeot 3008 HYbrid4 restyling - anteprima 3
  • Peugeot 3008 HYbrid4 restyling - anteprima 4
  • Peugeot 3008 HYbrid4 restyling - anteprima 5
  • Peugeot 3008 HYbrid4 restyling - anteprima 6

L’auto ibrida per molti - quasi tutti - è sinonimo di bassi consumi e di emissioni ridotte. Ma il motore elettrico, a supporto di un propulsore termico, non serve solo a ridurre gli sprechi di carburante; è anche un modo “furbo” per aumentare le prestazioni. Ed è proprio questo il sapore che la prova della Peugeot 3008 HYbrid4 mi ha lasciato in bocca: il crossover ibrido diesel 4x4 francese, infatti, anticipa quello che vedremo in futuro, ovvero macchine più sportive proprio grazie alla presenza di due motori. Nel caso della 3008 restyling ad aumentare non sono solo le prestazioni velocistiche, ma anche (e soprattutto) la motricità e il coinvolgimento al volante. E il test sulla neve che vi racconto nel video ne è la prova.

LA PARENTELA CON LA 308 LE FA BENE
Un restyling riuscito, quello della Peugeot 3008. Dal vivo, infatti, il frontale di questo crossover mi ha fatto un bell’effetto e credo che abbia migliorato sostanzialmente il look rispetto al modello uscente, grazie soprattutto al design dei proiettori anteriori con luci a Led, una tecnologia che nei fari posteriori ha permesso di disegnare i caratteristici artigli del Leone, simbolo della Casa francese. La nuova 3008 mantiene il portellone posteriore sdoppiato, con una pratica e robusta ribaltina che si abbatte andando a livello del piano di carico. Il vano è piatto, regolare e quindi molto sfruttabile. Bene anche lo spazio per i passeggeri posteriori, che non incontreranno particolari problemi nel salire e scendere dalla vettura.

DENTRO, NESSUNA È COME LEI
Una volta seduti al posto guida si ritrova il caratteristico cockpit della 3008: plancia con “tientibene” per il passeggero, strumentazione con head-up display e schermo centrale del sistema di infotainment, che sulla 3008 HYbrid4 restyling adotta una nuova (e più bella) grafica per visualizzare il funzionamento del sistema ibrido. I materiali e gli assemblaggi di questa Peugeot trasmettono una sensazione di ben fatto e solo la console centrale mostra qualche limite nella disposizione dei comandi e nella dimensione dei tasti.

È BELLO AVERE QUALCUNO CHE TI SPINGE
Ma il pezzo forte della Peugeot 3008 HYbrid4 sono le sensazioni di guida, perché stiamo parlando della prima auto ibrida diesel di serie al mondo che, per di più, è anche 4x4. Questo restyling 2014, a livello tecnico, ha portato sostanzialmente una diversa strategia di gestione del motore elettrico che ora permette alla vettura di “veleggiare”, cioé di viaggiare con il motore diesel spento, fino a una velocità di 85 km/h (contro i 70 della “vecchia” versione). E poi, ovviamente, c’è la trazione integrale, che viene realizzata con il motore elettrico da 37 CV e che invia coppia alle ruote posteriori, in abbinamento al turbodiesel da 163 CV collegato all’avantreno. In modalità 4WD, la ripartizione di coppia parte da un 40% dietro - 60% davanti e varia di continuo a seconda dell’aderenza disponibile. Sulla neve questo passaggio graduale di coppia è un vero spasso: sia in salita o nelle partenze, dove lo spunto è veloce e avviene con grande naturalezza, sia nelle curve strette, dove è un piacere dare gas senza avere pattinamenti. Sul veloce, passando magari alla modalità Sport del selettore di guida, la 3008 ibrida mi è piaciuta per la spinta decisa alla minima pressione sull’acceleratore, grazie alla coppia di 200 Nm dell’elettrico sommata ai 300 Nm del 2.0 diesel. Inoltre, i passaggi di marcia del cambio a 6 rapporti sono più fluidi rispetto ad un normale manuale robotizzato, perché qui il motore elettrico invia coppia alle ruote durante le cambiate, minimizzando la tipica sensazione di vuoto di queste trasmissioni.

ELETTRONI E IDROCARBURI CHE BALLANO
La “danza” tra elettroni ed idrocarburi, comunque, non migliora solo la motricità, le prestazioni e il comportamento dinamico della Peugeot 3008 ibrida. Nel test - “mixando” trasferimenti in autostrada e strade di montagna innevate in cui “ci ho dato dentro” per mettere alla prova il sistema HYbrid4 - sono stato su una media di 6,5 l/100 km, cioé poco più di 15 km con un litro di gasolio. Non male come consumi, mentre come prezzi bisogna mettere in conto almeno 36.000 euro, in un listino che per una 3008 1.6 HDi FAP da 115CV in allestimento Active parte invece da 27.580 euro, che in caso di permuta o rottamazione scendono a 22.564 euro.

Scheda Versione

Peugeot 3008 HYbrid4
Nome
3008 HYbrid4
Anno
2009 (restyling del 2014) - F.C.
Tipo
Normale
Segmento
compatte
Carrozzeria
SUV e Crossover
Porte
5 porte
Motore
ibrida
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore:

Tag: Test , Peugeot , auto ibride


Listino Peugeot 3008

Allestimento Trazione Alim. CV Cil. Posti Prezzo
2.0 HDi 163cv FAP ETG6 + Elettrico 37cv HYbrid4 85g 4x4 elettrico 200 2.0 5 € 36.000

LISTINO

2.0 HDi 163cv FAP ETG6 + Elettrico 37cv HYbrid4 TAXI 4x4 elettrico 200 2.0 5 € 37.500

LISTINO

2.0 HDi 163cv FAP ETG6 + Elettrico 37cv HYbrid4 4x4 elettrico 200 2.0 5 € 37.750

LISTINO

 

Top