dalla Home

Test

pubblicato il 12 febbraio 2014

Toyota Verso, la prima con motore BMW: ecco come va

Il 1.6 diesel di questa MPV a 7 posti è il primo frutto dell’alleanza fra giapponesi e tedeschi, nata per sviluppare nuove ibride e una sportiva

Toyota Verso, la prima con motore BMW: ecco come va
Galleria fotografica - Toyota Verso restylingGalleria fotografica - Toyota Verso restyling
  • Toyota Verso restyling - anteprima 1
  • Toyota Verso restyling - anteprima 2
  • Toyota Verso restyling - anteprima 3
  • Toyota Verso restyling - anteprima 4
  • Toyota Verso restyling - anteprima 5
  • Toyota Verso restyling - anteprima 6

Vi ricordate la Scenic, la versione monovolume della Renault Megane? Quando è arrivata, alla fine degli anni ‘90, è subito diventata un’auto alla moda, e molti altri marchi hanno seguito le sue orme. Poi è stata la volta dei crossover e dei SUV, che hanno fatto un po’ di ombra alle monovolume. Ma per chi ha bisogno di un’auto spaziosa, pratica, e magari di poter avere 7 posti alla bisogna, le cosiddette MPV (multi-purpose vehicles) compatte continuano a rappresentare la scelta migliore. Ecco perché Toyota introduce sulla Verso, la sua monovolume di segmento C, un nuovo motore 1.6 turbodiesel: si tratta del primo prodotto realizzato insieme a BMW, in virtù di un’alleanza tecnica nata per sviluppare nuovi tipi di batterie, un pianale per una vettura sportiva e studiare materiali ultra-leggeri. Ecco le mie prime impressioni di guida di questa auto “grande”, ma dal cuore “piccolo”.

MODEL YEAR, CIOÈ CONTINUI AFFINAMENTI
Il nuovo motore diesel è la principale novità della Toyota Verso MY 2014, l’operazione model year che aggiorna questa multispazio giapponese lanciata nel 2013. Ci sono in effetti modifiche anche all’esterno; poche, in realtà, visto che a cambiare è il design dei cerchi in lega e c’è un nuovo colore di carrozzeria: il bronzo metallizzato. Lo spazio a disposizione per persone e bagagli è ai vertici della categoria, con una porta posteriore molto lunga e un’apertura per salire e scendere bella ampia. Nella zona posteriore, poi, mi sono piaciuti l’imbottitura morbida dei sedili, l’ariosità data dal tetto alto e il pavimento perfettamente piatto, anche al centro del divanetto, formato in realtà da tre sedili regolabili singolarmente che si ribaltano in avanti per far salire i passeggeri della terza fila. Estrarre gli ultimi 2 sedili è facile, basta tirare due cinghie in tessuto: se chi siede davanti scorre un po’, anche due adulti possono affrontare tragitti brevi, con un bagagliaio in cui a quel punto ci stanno al massimo un paio di zaini. I bambini, comunque, non si potranno lamentare. Dietro gli schienali dei sedili anteriori ci sono infine dei tavolinetti ribaltabili, come sugli aerei.

INTERNI IN ALTA RISOLUZIONE
Nell’abitacolo c’è una leva del cambio con una forma diversa rispetto al passato e si possono avere nuovi rivestimenti per i sedili e gli interni, come il tessuto Light Grey con imbottiture laterali in pelle. Sulla Toyota Verso debutta inoltre il Toyota Touch 2, l’evoluzione del sistema multimediale touchscreen del costruttore giapponese. Il display è un 6,1” che controlla navigatore (con funzioni di Google Street View), radio, lettore CD/mp3, Bluetooh con sistema di streaming musicale e visualizzazione delle copertine degli album contenuti su lettori come l'iPod. Lo schermo ha una risoluzione migliore (800x480), grafiche tridimensionali e una logica più intuitiva: si può per esempio controllare da questo dispositivo anche il climatizzatore automatico bi-zona, oppure selezionare con un dito, in maniera davvero molto semplice, se ascoltare musica dalla radio o dai dispositivi collegati all’Usb o all’uscita Aux. Su tutti gli allestimenti - ad eccezione di quello base - per 1.000 euro si può inoltre avere la funzionalità Go Plus, con navigatore, hotspot wi-fi, riconoscimento vocale avanzato e aggiornamento mappe per 3 anni, mentre la telecamera posteriore è di serie, come il sensore di pressione degli pneumatici. Per i miei gusti il materiale superiore della plancia è un po'rigido, mentre trovo che siano funzionali le bocchette della climatizzazione “sdoppiate” tra guidatore e passeggero. Ci sarebbe stato bene anche un freno a mano elettrico, per poter ricavare altri vani portaoggetti nella zona tra i due sedili anteriori.

PICCOLO, MA NON SFATICATO
L’osservato speciale della Toyota Verso 2014 è il nuovo motore 1.6 turbodiesel di origine BMW, adattato dai tecnici giapponesi per accoppiarlo al meglio a una monovolume lunga quasi 4,5 metri. Oltre che al cambio manuale a 6 marce, modificato soprattutto nella campana, per permettere l’assemblaggio con il motore. Alla guida, prima di concentrarmi sul motore, ho apprezzato proprio la risposta “definita" della leva del cambio, che ha movimenti “guidati” e che è posizionata in alto, vicino al volante. Lo sterzo non è particolarmente diretto, ma invece ha una taratura “addolcita” e un carico omogeneo, per una risposta adeguata ad un veicolo turistico. L’assorbimento dell’assetto da 16” è di buon livello, al pari del comfort acustico a velocità costante in autostrada, mentre in accelerazione c’è po’ di rumore in più. Il 4 cilindri ha 112 CV, è più leggero di 20 kg rispetto al 2 litri e ha una coppia massima di 270 Nm tra 1.750 e 2.250 giri/min. L’erogazione è molto piacevole perché lineare anche prima dell’intervento del turbo, che non “entra” cambiando la spinta del motore, rendendo fluida la guida.

SI ACCONTENTA DI POCO, PER 20.000 EURO
Per la prima volta sulla Verso c’è anche il sistema start&stop, che dà una mano nel ridurre i consumi. Nel corso del test, guidando con uno stile non troppo diverso da un padre di famiglia, sono riuscito a far segnare al computer di bordo 5,9 l/100 km, ovvero quasi 17 km/l. Il tutto per un listino che per la Toyota Verso 1.6 D-4D parte da 24.800 euro in allestimento base, salendo a 26.500 euro per la Active e 28.500 euro per la Style. Per aggredire concorrenti come Renault Scenic, Opel Zafira Tourer, Kia Carens
Ford C-Max, Citroën Grand C4 Picasso, Volkswagen Touran, in fase di lancio la Verso 1.6 turbodiesel parte viene venduta in offerta a 19.900 euro, con l’allestimento Active a partire di 20.900 euro, con 7 posti di serie.

Scheda Versione

Toyota Verso
Nome
Verso
Anno
2009 (restyling del 2012)
Tipo
Normale
Segmento
compatte
Carrozzeria
Multispazio
Porte
5 porte
Motore
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore:

Tag: Test , Toyota , auto giapponesi


Listino Toyota Verso

Allestimento Trazione Alim. CV Cil. Posti Prezzo
1.6 7ST MT anteriore benzina 132 1.6 7 € 21.650

LISTINO

1.6 Valvematic 132cv MT Active anteriore benzina 132 1.6 5 € 23.600

LISTINO

1.6 Active anteriore benzina 132 1.6 5 € 23.700

LISTINO

1.6 6D-4D 7ST MT anteriore diesel 112 1.6 7 € 24.800

LISTINO

1.8 Valvematic 147cv CVT Active anteriore benzina 147 1.8 5 € 26.000

LISTINO

1.8 Active CVT anteriore benzina 147 1.8 5 € 26.100

LISTINO

1.6 Style anteriore benzina 132 1.6 5 € 26.100

LISTINO

1.6 Style anteriore benzina 132 1.6 5 € 26.200

LISTINO

Tutti gli allestimenti »

 

Top