dalla Home

Test

pubblicato il 30 gennaio 2014

Nissan Qashqai, la prova di più auto... in una [VIDEO]

La nuova versione del re dei Crossover è più spigolosa da guardare, ma rotonda da guidare. Con tanta tecnologia, praticità e bassi consumi

Galleria fotografica - Nuovo Nissan QashqaiGalleria fotografica - Nuovo Nissan Qashqai
  • Nuovo Nissan Qashqai - anteprima 1
  • Nuovo Nissan Qashqai - anteprima 2
  • Nuovo Nissan Qashqai - anteprima 3
  • Nuovo Nissan Qashqai - anteprima 4
  • Nuovo Nissan Qashqai - anteprima 5
  • Nuovo Nissan Qashqai - anteprima 6

Quando è nata, nel 2007, non si riusciva quasi a pronunciare il suo nome. Quasi fosse un segno premonitore, per un’auto che di fatto inventava una nuova categoria: quella dei Crossover compatti. Da allora, la Nissan Qashqai - o “il” Qashqai, al maschile, come è stato battezzato dal costruttore giapponese - ha avuto un grandissimo successo ed è riuscita a rubare molti clienti alle auto più vendute in Europa, le berline compatte a 2 volumi. Ora è tutta nuova, per continuare ad essere la regina (o il re) dei Crossover. Per questa prima prova ho guidato in Spagna il motore 1.5 turbodiesel da 110 CV, che sarà il più scelto dalla clientela.

TRATTI DECISI E FORME ARMONIOSE
L’arma numero uno della vecchia Qashqai è stata la linea, che è piaciuta perché equilibrata, grintosa, dinamica. Questa nuova generazione continua a parlare lo stesso linguaggio stilistico, ma è più aggressiva. Mi piace soprattutto il posteriore, dove i nuovi fari danno più importanza alla larghezza della carrozzeria, che è anche leggermente più bassa e più lunga. Le proporzioni sono infatti più slanciate e la macchina sembra più grande di quello che è in realtà.

UN SALTO DI QUALITÀ… INTERIORE
I cambiamenti maggiori, comunque, sono nell’abitacolo: la nuova Qashqai fa un deciso passo in avanti rispetto al passato. Plastiche morbide, infotainment con touchscreen più moderno e dispositivi di assistenza alla guida come il sistema anticollisione frontale fanno percepire subito che l’asticella della qualità è stata alzata. C’è anche più praticità, visto che tra i due sedili anteriori è sparito il freno a mano meccanico, per lasciare spazio a un grande pozzetto. Il bagagliaio, inoltre, ha una serie di utili mensole fatte di moquette su un lato, e di plastica lavabile sul retro, che possono essere sistemate anche in verticale per organizzare al meglio il vano di carico, o sistemare la cappelliera quando la si toglie.

SEMPRE COMODA, MA PIÙ CONSISTENTE
La “vecchia” Qashqai ha inventato il segmento dei Crossover compatti, e a ruota è stata seguita praticamente da tutti i principali costruttori che, per provare a batterla, in molti casi hanno offerto modelli con una maggiore dinamismo di guida. La nuova Qashqai ora risponde con uno sterzo più lineare e consistente rispetto al passato e con la sesta evoluzione del 1.5 turbodiesel di origine Renault, di cui mi è piaciuta parecchio l’erogazione fluida, senza strattoni. Manca qualcosa in termini di prestazioni, soprattutto in salita o a pieno carico, ma questo motore
è davvero rotondo, piacevole, ed è assecondato da un cambio morbido, leggero, pur con qualche resistenza nelle manovre più veloci. Per il resto, la Qashqai è una gran viaggiatrice: l’ho trovata composta sulle sospensioni e ben insonorizzata, grazie al nuovo pianale modulare dell’alleanza Renault-Nissan, chiamato CMF. E anche l’elettronica mi ha aiutato a guidare rilassato. In particolare il sistema Active Trace Control tiene sotto controllo con la logica del controllo di trazione il sottosterzo e il sovrasterzo in curva, sfruttando il principio del torque vectoring; il pacchetto Safety Shield controlla invece il livello di attenzione del guidatore, o il riconoscimento della segnaletica stradale e l’Around View Monitor crea un “effetto aereo a 360°” per le immagini della telecamera di retromarcia.

TUTTO OK I CONSUMI, DA MENO DI 20.000 EURO
Nel percorso di prova sono riuscito a consumare in media 5,8 l/100 km (oltre 17 km/l), senza stare troppo attento allo stile di guida, perché mi interessava capire le prestazioni. Non è difficile, quindi, avvicinarsi ai 5,0 l/100 km (20 km/l) guidando con più attenzione. Il listino della Nissan Qashqai, invece, parte da meno di 20.000 euro per il motore 1.2 turbobenzina, e da circa 22.000 per i turbodiesel. Al top di gamma c’è il 1.6 dCi da 130 CV, disponibile anche con cambio automatico o a trazione integrale 4x4.

Scheda Versione

Nissan Qashqai
Nome
Qashqai
Anno
2014
Tipo
Normale
Segmento
compatte
Carrozzeria
SUV e Crossover
Porte
5 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore:

Tag: Test , Nissan , auto giapponesi


Listino Nissan Qashqai

Allestimento Trazione Alim. CV Cil. Posti Prezzo
1.2 DIG-T 115 Visia anteriore benzina 115 1.2 5 € 20.780

LISTINO

1.2 DIG-T 115 Visia anteriore benzina 115 1.2 5 € 20.830

LISTINO

1.6 DIG-T 163 Visia anteriore benzina 163 1.6 5 € 22.500

LISTINO

1.6 DIG-T 163 Visia anteriore benzina 163 1.6 5 € 22.790

LISTINO

1.5 dCi 110 Visia anteriore diesel 110 1.5 5 € 22.800

LISTINO

1.5 dCi 110 Visia anteriore diesel 110 1.5 5 € 22.850

LISTINO

1.2 DIG-T 115 Acenta anteriore benzina 115 1.2 5 € 22.980

LISTINO

1.2 DIG-T 115 Acenta anteriore benzina 115 1.2 5 € 23.030

LISTINO

Tutti gli allestimenti »

 

Top