dalla Home

Curiosità

pubblicato il 16 gennaio 2014

Tutti in fila per lavorare alla Ferrari

Oltre 5 mila candidati per fare uno stage a Maranello: i curriculum sono arrivati da tutto mondo e solo in 5 accederanno allo stage

Tutti in fila per lavorare alla Ferrari
Galleria fotografica - Viaggio nel mondo Ferrari, alla scoperta di una fabbrica miglioreGalleria fotografica - Viaggio nel mondo Ferrari, alla scoperta di una fabbrica migliore
  • Viaggio nel mondo Ferrari, alla scoperta di una fabbrica migliore - anteprima 1
  • Viaggio nel mondo Ferrari, alla scoperta di una fabbrica migliore - anteprima 2
  • Viaggio nel mondo Ferrari, alla scoperta di una fabbrica migliore - anteprima 3
  • Viaggio nel mondo Ferrari, alla scoperta di una fabbrica migliore - anteprima 4
  • Viaggio nel mondo Ferrari, alla scoperta di una fabbrica migliore - anteprima 5
  • Viaggio nel mondo Ferrari, alla scoperta di una fabbrica migliore - anteprima 6

5 mila e trecento canditati per 5 posti di lavoro. Sembrano i numeri di un concorso pubblico, ma stiamo parlando della “domanda” che c’è per entrare in un’azienda automobilistica come la Ferrari. Ed è una domanda mondiale, perché il programma Ferrari Graduate Program lanciato nelle scorse settimane ha raccolto i curricola di laureati proveniente ben 23 Paesi diversi, dal Brasile all’Australia, dalla Cina alla Germania, dagli Stati Uniti alla Gran Bretagna, oltre, ovviamente, all’Italia.

La fase più importante del processo di selezione si concluderà il prossimo 22 gennaio quando verranno “nominati” i 96 ammessi alle interviste individuali che si svolgono on line. L’ultima fase sarà invece fisica a Maranello, dove verranno convocati i giovani più preparati per una due giorni di valutazione che si svolgerà a febbraio. L’obiettivo è quello di iniziare lo stage di 6 mesi ad aprile con la possibilità di essere successivamente assunti a tempo indeterminato.

Le domande di partecipazione al processo di selezione sono arrivate dagli atenei più prestigiosi come la Oxford University, il MIT di Boston, la Stanford University, l’Imperial College e la London Business School di Londra, la Tsinghua di Pechino, i Politecnici di Parigi, Milano e Torino. Senza dimenticare quello di Modena, che ha la più lunga tradizione di rapporti con il Cavallino Rampante. Il che ci ricorda quanto l'Italia possa essere ancora un paese attrattivo (nonostante tutto) quando si parla delle nostre eccellenze.

Autore: Redazione

Tag: Curiosità , Ferrari


Top