dalla Home

Prototipi e Concept

pubblicato il 14 gennaio 2014

Kia GT4 Stinger

Sportività coreana e stile californiano. Il risultato è un'interessante concept 2+2 a trazione posteriore da 315 CV

Kia GT4 Stinger
Galleria fotografica - Kia GT4 Stinger - Foto live al Salone di Detroit 2014Galleria fotografica - Kia GT4 Stinger - Foto live al Salone di Detroit 2014
  • Kia GT4 Stinger - Foto live al Salone di Detroit 2014 - anteprima 1
  • Kia GT4 Stinger - Foto live al Salone di Detroit 2014 - anteprima 2
  • Kia GT4 Stinger - Foto live al Salone di Detroit 2014 - anteprima 3
  • Kia GT4 Stinger - Foto live al Salone di Detroit 2014 - anteprima 4
  • Kia GT4 Stinger - Foto live al Salone di Detroit 2014 - anteprima 5
  • Kia GT4 Stinger - Foto live al Salone di Detroit 2014 - anteprima 6

Le Case automobilistiche coreane non hanno ormai più alcun timore reverenziale verso i “mostri sacri” europei e americani, neppure quando si parla di sportive pure. Un esempio su tutti viene dal Salone di Detroit (13-26 gennaio 2014), dove la Kia GT4 Stinger cerca di rubare i riflettori ad altre novità di grande impatto visivo come la Toyota FT-1 o la Chevrolet Corvette Z06. La concept sudcoreana è una sportiva coupé 2+2 che mette insieme le tecnologie di Seoul e lo stile californiano sviluppato nel centro design di Irvine. L’obiettivo dichiarato di Kia Motors America è infatti quello di spingere un po’ più in alto l’immagine del suo marchio nel continente nordamericano e per farlo punta anche su sorprendenti esercizi stilistico-tecnologici come la Kia GT4 Stinger che ha trazione posteriore e non meno di 315 CV sotto al cofano anteriore. Kia ci tiene a sottolineare come al momento non sia in programma la produzione della GT4 Stinger, ma che il suo stile può anticipare quello dei futuri modelli Kia.

MONTANTI ANTERIORI TRASPARENTI
Tom Kearns, il responsabile del Kia Design Center America di Irvine, California, spiega come la Kia GT4 Stinger sia la realizzazione di un progetto che mira a “riduzione di peso, funzionalità e puro piacere di guida” lasciando intatti i valori della Gran Turismo 2+2. Nel concreto la Kia GT4 Stinger si presenta con una carrozzeria a 3 porte modellata sul telaio, con la classica griglia anteriore “tiger nose” illuminata e spostata ancora più in basso per enfatizzare la sportività dell’insieme. I fari a LED a sviluppo verticale sono composti da diodi sovrapposti e fanno il paio con le prese d’aria per i freni e lo splitter frontale in fibra di carbonio. Il colore giallo Ignition Yellow del lungo cofano motore viene interrotto dai montanti anteriori a traliccio che lasciano ampia visuale verso il davanti della vettura. Il parabrezza visivamente unito ai due finestrini laterali crea una fascia scura che ricorda gli occhiali da sole, uno stilema molto diffuso sui prototipi e in parte applicato alla Kia Soul. Le grandi ruote da 20 pollici di diametro con dado di fissaggio centrale montano pneumatici Pirelli P-Zero 275/35R-20 davanti e 275/35R-20 dietro; un pannello aerodinamico in fibra di carbonio chiude le razze dei cerchi in lega. La coda propone luci a LED e una scritta illuminata GT4.

PELLE E ALLUMINIO, IN PURO STILE RACING
L’interno della Kia GT4 Stinger è impostato alla massima semplicità e pulizia stilistica, pur in chiave sportiva. L’abbondante utilizzo di alluminio, pelle, sedili a guscio, gomma per i tappetini e altri dettagli in metallo tornito lasciano intuire lo spirito corsaiolo della Kia GT4 Stinger. A conferma di questa impostazione c’è il quadro strumenti con LED rossi che mette in risalto il contagiri e l’indicazione della marcia innestata, le maniglie interne sostituite da una fettuccia rossa. Anche l’impianto audio è stato sacrificato in favore del suono che proviene dal motore anteriore e dall’impianto di scarico a flusso libero. Il portellone posteriore in vetro dà accesso ad un vano di carico su due livelli con barra duomi delle sospensioni a vista.

315 CV DAVANTI, TRAZIONE DIETRO
Il motore posizionato sotto il grande cofano anteriore è il 2.0 T-GDI, un quattro cilindri turbo benzina a iniezione diretta che sviluppa 315 CV ed ha dimostrato di poter superare i 400 CV sulle Kia Optima impegnate nel campionato nordamericano Pirelli World Challenge. Il potente propulsore è collegato alle ruote motrici posteriori attraverso un albero di trasmissione e un cambio manuale a 6 rapporti ravvicinati. La scocca, fatta su misura per la Kia GT4 Stinger, poggia su sospensioni indipendenti a doppi bracci sovrapposti. L’impianto frenante è un Brembo Gran Turismo con dischi compositi da 15”, forati e trattenuti da pinze a quattro pistoncini. Le misure della Kia GT4 Stinger sono pari a 4.310x1.880x1.250 mm, con un passo di 2.619 mm, simile quindi alla Kia cee’d e più bassa della Kia Rio. Il peso di 1.304 kg è distribuito al 52% sull’avantreno e al 48% al retrotreno.

Galleria fotografica - Kia GT4 StingerGalleria fotografica - Kia GT4 Stinger
  • Kia GT4 Stinger - anteprima 1
  • Kia GT4 Stinger - anteprima 2
  • Kia GT4 Stinger - anteprima 3
  • Kia GT4 Stinger - anteprima 4
  • Kia GT4 Stinger - anteprima 5
  • Kia GT4 Stinger - anteprima 6

Autore:

Tag: Prototipi e Concept , Kia , auto coreane , detroit


Top