dalla Home

Mercato

pubblicato il 2 gennaio 2014

Stile Bertone, la bancarotta e l'offerta turca

Procedura concordata per l'azienda torinese, con una società turca pronta a rilevarla per 2 milioni di euro

Stile Bertone, la bancarotta e l'offerta turca

Non c'è pace per la Bertone, la celebre carrozzeria che ha firmato, sotto la guida di Nuccio Bertone, alcune delle più belle automobili della storia, di serie e in forma di prototipo. Dopo il primo fallimento, e dopo la trasformazione in Stile Bertone, abbandonando l'attività produttiva passata nelle mani di Maserati, ora l'azienda è nuovamente in crisi. Bertone è in cerca di un acquirente o di un finanziatore, secondo quanto dichiarato ai sindacati durante una riunione presso l'Unione Industriali di Torino, con la richiesta di cassa integrazione per lavoratori e una decina di apprendisti, per un totale di 175 persone.

Dopo la comunicazione ai sindacati della decisione di rivolgersi in tribunale per la procedura concordata, sarà nominato entro un paio di mesi un curatore per risollevare l'azienda. I dipendenti di Stile Bertone non hanno infatti ricevuto le ultime due mensilità, e a quel punto l'azienda ha confermato le proprie difficoltà; ci sono in realtà commesse e ordini, e gli stipendi di agosto e settembre sono stati saldati, ma il pericolo è la mancanza di liquidità. Sembra che possa essere interessata all'acquisto di Bertone una non identificata società turca, pronta a sborsare 2 milioni di euro; l'offerta sarà presentata nei prossimi giorni al tribunale, ma se questa offerta non dovesse andare a buon fine, ci sarebbero comunque almeno altri sette potenziali acquirenti.

Autore: Sergio Chierici

Tag: Mercato , Bertone , auto italiane


Top