dalla Home

Tecnica

pubblicato il 24 dicembre 2013

Oerlikon Graziano OGeco: un nuovo cambio ibrido

Un 6 marce robotizzato con un motore elettrico come alternativa al doppia frizione

Oerlikon  Graziano OGeco: un nuovo cambio ibrido
Galleria fotografica - Il nuovo cambio Oerlikon GrazianoGalleria fotografica - Il nuovo cambio Oerlikon Graziano
  • Il nuovo cambio Oerlikon Graziano - anteprima 1
  • Il nuovo cambio Oerlikon Graziano - anteprima 2
  • Il nuovo cambio Oerlikon Graziano - anteprima 3
  • Il nuovo cambio Oerlikon Graziano - anteprima 4
  • Il nuovo cambio Oerlikon Graziano - anteprima 5
  • Il nuovo cambio Oerlikon Graziano - anteprima 6

Graziano è un'azienda molto nota dagli addetti ai lavori, che produce trasmissioni per tantissime automobili, dalle supercar alla Fiat Panda 4x4. L'azienda di Rivoli, oggi all'interno del gruppo Oerlikon, ha progettato una nuova trasmissione battezzata OGeco, o, con nome tecnico, "Hybrid AMT", che promette di un approccio innovativo rispetto al classico cambio sequenziale. Al CTI Symposium di Berlino sono stati rivelati alcuni dettagli di questa nuova trasmissione, la cui caratteristica principale è quella di incorporare un motore elettrico. Il cambio Hybrid AMT, che sta per "Automated Manual transmission", è infatti composto da un cambio robotizzato a 6 marce e da un riduttore a due rapporti, collegato a un motore elettrico che serve per dare potenza, o per prelevare energia.

Il primo vantaggio è quello di evitare il "buco" tra le cambiate, senza ricorrere a un sistema complesso come il doppia frizione, e, a differenza del sistema Hybrid4 di Peugeot-Citroen, attraverso il motore elettrico compreso direttamente nel cambio. Altre funzionalità affidate a questo motore sono la retromarcia, che non necessita di ingranaggi e alberino ausiliario, e il recupero dell'energia in frenata, utilizzabile per ricaricare le batterie, ma anche per un boost in accelerazione, come il KERS della Formula 1. Il nuovo cambio, secondo Graziano, può essere un'alternativa più economica ed efficace rispetto a un doppia frizione, e adattabile per veicoli con ogni tipo di trazione. I test dei primi prototipi saranno compiuti nel nuovo anno su un'auto di produzione ad alte prestazioni, con motore anteriore e trazione posteriore, utilizzando software di gestione e parti elettriche realizzate da Vocis, altra azienda del gruppo: il nuovo cambio sostituirà un sette marce a doppia frizione del modello di serie.

Autore: Sergio Chierici

Tag: Tecnica


Top