dalla Home

Test

pubblicato il 19 dicembre 2013

Ford EcoSport, il piccolo SUV che mancava

La Casa tedesca entra nel segmento dei SUV urbani con la nuova Ecosport, puntando su dimensioni ridotte, abitabilità e una dotazione completa

Ford EcoSport, il piccolo SUV che mancava
Galleria fotografica - Ford EcoSportGalleria fotografica - Ford EcoSport
  • Ford Ecosport - anteprima 1
  • Ford Ecosport - anteprima 2
  • Ford Ecosport - anteprima 3
  • Ford Ecosport - anteprima 4
  • Ford Ecosport - anteprima 5
  • Ford Ecosport - anteprima 6

EcoSport è il modello con cui Ford entra nel segmento più in voga del momento, l'unico in crescita sia in termini percentuali che assoluti: quello delle SUV compatte, come Peugeot 2008, Renault Captur, Nissan Juke, Opel Mokka e simili. I motivi sono molteplici: si va dalla praticità, all'abitabilità nonostante le dimensioni ridotte, fino a giungere alle linee ormai accattivanti e spesso di tendenza anche tra i giovani. La EcoSport, prodotta nello stabilimento di Chennai in India e lanciata in Brasile nel settembre dello scorso anno (come seconda generazione del modello nato nel 2003 per il mercato sudamericano), sarà disponibile dai primi mesi del 2014. In Italia le prime 95 sono state acquistate in rete attraverso una campagna di pre-lancio sulla pagina ufficiale Facebook di Ford Italia, che ha visto prevalere il motore 1.5 TDCi da 90 cavalli che ho provato.

HA UNA LINEA DA FUORISTRADA
Credo che il tratto distintivo della Ford EcoSport sia la ruota di scorta fissata al portellone posteriore, che conferisce alla vettura un'aria da piccola fuoristrada (pur se non dispone della trazione integrale). Una soluzione che aggiunge 235 mm ai 4.000 mm di lunghezza e che potrebbe creare qualche problema in fase di parcheggio, visto anche che l'apertura del portellone è orizzontale. Non mi convince in pieno il frontale, a mio parere troppo imponente rispetto alle dimensioni della vettura, che in altezza e larghezza presenta valori tra i più bassi della categoria. Più riuscita la vista laterale che, con le protezioni sottoscocca in plastica nera, strizza l'occhio al mondo off road richiamato anche dall'altezza da terra di 200 mm e dalle misure generose degli angoli di attacco e di uscita.

MIX DI SPAZIO E TECNOLOGIA PER GLI INTERNI
All'interno la EcoSportmi ha sorpreso per la notevole abitabilità, nonostante le dimensioni esterne siano tra le più basse. I passeggeri posteriori godono di sufficiente spazio per le gambe e per la testa e lo schienale del divanetto è regolabile per garantire un buon livello di comfort. È facile trovare la giusta posizione di guida (che è molto rialzata), grazie alle regolazioni in altezza e profondità di volante e sedile. Trovo funzionali le prese da 12V disponibili anche al posteriore, che permettono di ricaricare dispositivi elettronici come gli smartphone, i quali ricoprono un ruolo centrale nell'integrazione del sistema di infotainment. Con la tecnologia Sync abbinata all'AppLink è infatti possibile utilizzare le principali app di smartphone e tablet con i comandi vocali, senza distogliere l'attenzione dalla guida. Una filosofia che Ford ha abbracciato per essere al passo con i tempi e che guarda con interesse alla sfera giovanile ormai in costante collegamento con il mondo digitale. Migliorabili invece le plastiche: i materiali di rivestimento della plancia sono abbastanza duri e al tatto non mi hanno trasmesso quel senso di qualità tipico del marchio Ford. È giusto sottolineare che la vettura guidata era un esemplare di preserie e non rappresenta quindi la versione definitiva, sulla quale ci saranno degli upgrade tecnici volti a migliorare anche il non perfetto assemblaggio delle parti.

È ALTA MA SI LASCIA GUIDARE
Su strada la Ford EcoSport si comporta bene e trasmette sicurezza. È un po' morbida, quindi i controlli di trazione e stabilità intervengono spesso, tagliando la coppia se ci si abbandona ad una guida più allegra. Il motore 1.5 TDCi da 90 cavalli non delude: è assolutamente adeguato alla vettura ed è quello più equilibrato tra prestazioni e consumi. A fine prova - effettuata su un percorso misto con un breve tratto autostradale - il consumo segnato dal display del computer di bordo è stato di 6.7 litri per 100 km. Il cambio manuale a 5 marce è preciso e fluido nelle cambiate: è manovrabile e i rapporti sono ben distanziati, anche se la corsa del pedale della frizione mi è sembrata un po' lunga.

UN SOLO ALLESTIMENTO FULL OPTIONAL
Sul mercato saranno disponibili per la EcoSport tre motorizzazioni ed un unico allestimento full optional, che ha tutto di serie, compresi cerchi in lega da 16 pollici, climatizzatore a controllo automatico, sensori di parcheggio, cruise control e 7 airbag. Il diesel sarà venduto ad un prezzo di 21.000 euro, per portarsi a casa il 1.0 EcoBoost 3 cilindri basteranno invece 20.250 euro. Disponibile anche un altro propulsore a benzina di 1.5 litri e 110 cavalli che costerà 19.500 euro e sarà l'unico a poter disporre del cambio automatico Powershift a 6 rapporti aggiungendo 750 euro.

Scheda Versione

Ford EcoSport
Nome
EcoSport
Anno
2014 - F.C.
Tipo
Normale
Segmento
utilitarie
Carrozzeria
SUV e Crossover
Porte
5 porte
Motore
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore: Andrea Carrato

Tag: Test , Ford , auto americane


Listino Ford EcoSport

Allestimento Trazione Alim. CV Cil. Posti Prezzo
1.5 Ti-VCT 110cv Plus anteriore benzina 112 1.5 5 € 18.000

LISTINO

1.5 Ti-VCT 110cv Business anteriore benzina 112 1.5 5 € 18.750

LISTINO

1.0 EcoBoost 125cv Plus anteriore benzina 120 1.0 5 € 18.750

LISTINO

1.5 Ti-VCT 110cv Powershift Plus anteriore benzina 112 1.5 5 € 19.500

LISTINO

1.0 EcoBoost 125cv Business anteriore benzina 120 1.0 5 € 19.500

LISTINO

1.5 Ti-VCT 110cv Titanium anteriore benzina 112 1.5 5 € 19.500

LISTINO

1.5 TDCI 95cv cDPF Plus anteriore diesel 95 1.5 5 € 19.500

LISTINO

1.5 Ti-VCT 110cv Powershift Business anteriore benzina 112 1.5 5 € 20.250

LISTINO

Tutti gli allestimenti »

 

Top