dalla Home

Attualità

pubblicato il 19 dicembre 2013

Patente auto: sempre più indispensabile per gli italiani

In sei anni le licenze di guida sono aumentate dell'8,19%, mentre il trasporto ferroviario pendolare è diminuito

Patente auto: sempre più indispensabile per gli italiani

L'automobile resta in cima alle esigenze degli italiani. Nonostante il periodo di crisi che ha visto diminuire di anno in anno il numero delle immatricolazioni, c'è un dato che conferma l'interesse e l'importanza di questo mezzo per il nostro Paese: dal 2006 al 2012 le patenti di guida B attive (cioè quelle non scadute) sono aumentate dell’8,19% (31.706.288 vs 34.305.966). E' un chiaro segnale della consapevolezza che una parte molto importante della domanda di mobilità, oggi, può essere soddisfatta solamente attraverso l’utilizzo dell’automobile.

L'AUTOMOBILE E' UNA NECESSITA'
Il bisogno di auto è connesso all'offerta di trasporto pubblico che, secondo l'Osservatorio Autopromotec, "è insufficiente a soddisfare le esigenze dei cittadini" ed "è addirittura in diminuzione come emerge dal Rapporto Pendolaria 2012 di Legambiente sulla situazione e gli scenari del trasporto ferroviario pendolare italiano. Secondo tale rapporto, infatti, nello scorso anno molte sono state le Regioni che hanno deciso di diminuire i servizi (meno corse e meno mezzi di trasporto pubblici) e di aumentare il costo dei biglietti, in particolare nel sud del Paese". Il punto più critico, sempre secondo il Rapporto di Legambiente, rimane la rete metropolitana dove “con soli 180 km, il nostro Paese si colloca all’ultimo posto in valore assoluto, rimanendo a distanza rispetto alle altre nazioni europee”. Stesse criticità si rilevano anche per la rete ferroviaria suburbana che conta appena 595,7 km, assai lontani dai 1.782,2 km del Regno Unito (Paese direttamente paragonabile all’Italia in termine di estensione e di popolazione).

BOOM DI PATENTI IN TRENTINO
L'analisi fornisce anche una classifica dalla quale emerge che è il Trentino Alto Adige la regione dove l’aumento di patenti B è stato più significativo (+13,78%), mentre in Piemonte, che si trova all’ultimo posto della graduatoria, si è registrato un aumento solo del 2%. Nonostante le differenze nell’entità delle variazioni, il numero delle patenti B cresce in tutte le regioni e a livello nazionale cresce dell’8,19%.

Leggi anche Rinnovo patente: come funziona nel 2014

Vediamo di seguito il numero di patenti di guida B attive per Regione 2012 su 2006:
1 Trentino Alto Adige 586.597 vs 515.556 (13,78%)
2 Lombardia 5.758.189 vs 5.215.035 (10,42%)
3 Emilia Romagna 2.640.854 vs 2.401.705 (9,96%)
4 Veneto 2.901.263 vs 2.652.584 (9,37%)
5 Lazio 3.341.556 vs 3.057.890 (9,28%)
6 Sicilia 2.754.215 vs 2.529.190 (8,9%)
7 Marche 914.258 vs 841.747 (8,61%)
8 Umbria 523.199 vs 481.864 (8,58%)
9 Puglia 2.177.864 vs 2.017.110 (7,97%)
10 Abruzzo 779.591 vs 724.362 (7,62%)
11 Molise 170.055 vs 158.156 (7,52%)
12 Basilicata 307.883 vs 286.894 (7,32%)
13 Toscana 2.213.775 vs 2.063.498 (7,28%)
14 Calabria 1.031.924 vs 962.675 (7,19%)
15 Valle d'Aosta 76.393 vs 71.324 (7,11%)
16 Friuli Venezia Giulia 744.003 vs 695.126 (7,03%)
17 Campania 2.967.172 vs 2.776.390 (6,87%)
18 Liguria 887.264 vs 832.237 (6,61%)
19 Sardegna 939.576 vs 883.531 (6,34%)
20 Piemonte 2.590.335 vs 2.539.414 (2,01%)
Totale 34.305.966 vs 31.706.288 (8,19%)

[Fonte: Conto nazionale delle Infrastrutture e dei Trasporti]

Autore:

Tag: Attualità


Top