dalla Home

Home » Argomenti » Manutenzione

pubblicato il 1 gennaio 2014

Crash test 2014: stop alla pioggia di stelle

Con il nuovo anno cambiano le prove d’urto all'insegna di una maggiore severità

Crash test 2014: stop alla pioggia di stelle

Anno 2014, rivoluzione all’Euro NCAP (l’ente che offre ai consumatori una valutazione oggettiva e indipendente delle tecnologie per la sicurezza implementate in alcune delle vetture più diffuse in Europa). Fondato nel 1997 e sostenuto da sette Governi europei e dalle associazioni di consumatori e di automobilisti di tutti i Paesi dell'Unione europea, ha già subìto un profondo cambiamento. Infatti, per le auto testate prima del 2009, l’Euro NCAP pubblicava tre tipi di valutazione: sicurezza degli adulti, sicurezza dei bambini e sicurezza dei pedoni. Le prime due si basavano sui risultati di 3 prove: impatto frontale, impatto laterale e pole test (impatto contro un palo). Per ottenere il punteggio relativo alla sicurezza dei pedoni, effettuava una serie di prove a parte. A partire dal 2009, l’ente rilascia un’unica valutazione globale espressa in stelle per ciascuna vettura testata. Il punteggio massimo è di cinque stelle. La valutazione complessiva della sicurezza deriva dai punteggi ottenuti in quattro prove: sicurezza degli adulti, sicurezza dei bambini, sicurezza dei pedoni e Safety Assist. L’assegnazione delle stelle finali si effettua calcolando la media ponderata dei quattro punteggi e verificando, al contempo, che tutti gli aspetti presi in considerazione rispettino i requisiti minimi. In più, vengono premiati i sistemi di sicurezza elettronica. Le Case, grazie a forti investimenti per la sicurezza, ottengono sempre più facilmente le 5 stelle, il massimo. Ma dal 2014, secondo indiscrezioni, l’Euro NCAP vuole rendere più difficile la vita dei Costruttori.

QUALI NOVITÀ
Anzitutto, cambieranno i manichini che simulano sia le gambe dei pedoni e sia adulti e bambini a bordo. Potrebbero essere manichini più “delicati”: insomma, le lesioni emergeranno con maggiore facilità. E così, arrivare alle agognate 5 stelle sarà più dura. Secondo, l’Euro NCAP intende prendere in esame la presenza di altre "diavolerie" elettroniche, preziose per la sicurezza: il limitatore attivo di velocità, i sistemi che segnalano al conducente i cartelli stradali e quelli che aiutano a restare nella corsia di marcia. Ultimo ma non ultimo, le 5 stelle si otterranno se il modello, almeno sulla versione più commercializzata, avrà di serie i sistemi elettronici di frenata automatica. Certo, in questo modo, il rischio è che le Case, per raggiungere le 5 stelle, siano costrette a fare investimenti superiori, e quindi ad alzare i listini, ma questo solo il tempo potrà dirlo.

IL GUIDATORE: IL MIGLIOR SISTEMA DI SICUREZZA
Comunque sia, va ricordato che, nonostante le macchine continuino a essere sempre più sicure, è il guidatore a restare fondamentale: mai affidarsi supinamente alla tecnologia della vettura, e ai sistemi in costante evoluzione. È il conducente che deve mettersi al volante in condizioni psicofisiche accettabili, stando con gli occhi ben aperti per evitare incidenti. Solo così, limitandoci all’Italia, gli oltre 6.300 morti l’anno in sinistri (una strage) potranno calare in modo significativo.

Autore: Redazione

Tag: Tecnica , incentivi , sicurezza stradale , crash test


Top