dalla Home

Da Sapere

pubblicato il 24 dicembre 2013

Auto a noleggio: ecco a cosa stare attenti

In Italia prendere una macchina in affitto comporta anche qualche seccatura che è bene sapere prima

Auto a noleggio: ecco a cosa stare attenti

"Non è tutto oro quel che luccica": un proverbio su misura per il noleggio auto a breve terminein Italia. Parliamo delle macchine prese in affitto per qualche giorno (e non del noleggio a lungo termine, che dura anni), un’idea che può venire anche durante i periodi festivi, come questo: magari si prende una vettura sfiziosa o una station wagon per la famiglia, oppure un veicolo potente per fare colpo. Di sicuro, ci sono bei vantaggi, come avere in mano un mezzo moderno (se non nuovo), curato, di cui non si pagano bollo, Rc auto, polizze accessorie, manutenzione ordinaria. Ci si deve mettere solo il carburante. Permangono infatti diverse problematiche: alla base di tutto, come sempre, il denaro.

FRANCHIGIE CHE SCOTTANO
Anzitutto, non accennano a diminuire le responsabilità in caso di danno, che alcune società di noleggio chiamano franchigie. Per capirsi, è sufficiente un esempio: se causate un incidente con un’utilitaria presa in affitto, rimarranno a vostro carico fino a 1.500 euro di danni. E in caso di furto (parcheggiate l’auto di notte e il mattino dopo non la trovate più), la responsabilità (o la franchigia che vi rimane sul groppone) è fissa: 2.000 euro. È vero che potete eliminare le responsabilità; ma, come d’incanto, il prezzo del noleggio raddoppierà o triplicherà: per intendersi, un’utilitaria da 200 euro per tre giorni in un weekend, vi viene a costare 400 euro senza franchigie. Sempreché la società accetti: può darsi che in certe zone del Sud, dove sinistri e furti sono molto frequenti, la compagnia non consenta l’eliminazione delle responsabilità. Sono tutti obblighi che dovete assolutamente sapere, anche se quando si va a ritirare l’auto a noleggio non si ha voglia di leggere quel papiro scritto con caratteri piccoli che è il contratto. Non ultimo, prima del ritiro, verificate che la vettura non abbia danni, né dentro né fuori: altrimenti, alla riconsegna, quei danni che non avete visto vi saranno addebitati.

SULLA CARTA DI CREDITO
Il fatto è che ogni addebito avviene direttamente sulla carta di credito. E non fate neanche in tempo a contestarlo, che la disponibilità sulla carta è già diminuita, una volta che la società accerta la responsabilità del danno. Perdipiù, chi prende a noleggio l’auto va incontro a una seccatura non da poco: se scegliete una tariffa di 200 euro, la società di noleggio vi blocca sulla carta di credito 600 euro. Solo per fare un esempio. È un blocco cautelativo, che mette la compagnia al riparo proprio da danni e da contestazioni. E passi. Ma una volta che il noleggio termina, la carta non viene subito sbloccata: occorre una settimana circa, se va bene. Fra l’altro, vi riuscirà anche difficile protestare con la società di noleggio, perché questa vi dirà che la colpa è dei servizi interbancari.

PIANO CON INTERNET
Un altro guaio del noleggio a lungo termine è, talvolta, la prenotazione sul sito della società. Poniamo che sul portale internazionale (si può prenotare l’auto ovunque nel mondo da un computer) voi fermiate una Fiat 500, con il blocco immediato di una forte somma sulla carta di credito. Dopodiché, vi recate in agenzia. E qui, che succede? Può darsi che la macchina che avete richiesto non ci sia; magari ve ne propongono una analoga, ma non proprio quella. Perché il sito non ha, prima di accettare la vostra prenotazione, chiesto all’agenzia se quella vettura era disponibile per l’orario concordato. E attenzione, può pure accadere che non sia disponibile neppure un veicolo analogo: a quel punto, dovrete sborsare di più (o di meno, ma è raro…) per un mezzo diverso.

Autore: Redazione

Tag: Da Sapere , viaggiare


Top