dalla Home

Mercato

pubblicato il 12 dicembre 2013

Nessuna segmento B dall'alleanza PSA-GM

Confermato invece un veicolo commerciale leggero di questa categoria e lo sviluppo congiunto di una B-MPV e di una C-CUV

Nessuna segmento B dall'alleanza PSA-GM

PSA Peugeot Citroen (PSA) e General Motors (GM) abbandonano il progetto di sviluppare una piattaforma comune del segmento B per un'auto equipaggiata con un motore benzina di piccola cilindrata. L'annuncio ufficiale è arrivato oggi in una nota che parla dei primi risultati dell'alleanza confermando il proseguimento della cooperazione negli acquisti e nella produzione. PSA Peugeot Citroen e General Motors stanno sviluppando, sulle piattaforme francesi, delle novità che verranno commercializzate a partire dal 2016: la prima riguarda delle segmento B-MPV (Multi Purpose Vehicle di segmento B) che sostituiranno la Opel Meriva e la Citroen C3 Picasso; la seconda collaborazione è sulle crossover di segmento C-CUV, compact Crossover Utility Vehicles, eredi di Peugeot 3008, Opel Antara e Citroen C4 Aircross.

UNA PRODUZIONE CONGIUNTA
La produzione di questi veicoli sarà equamente suddivisa tra gli stabilimenti dei due grandi costruttori. Le auto di segmento B-MPV saranno prodotte nello stabilimento General Motors di Saragozza, in Spagna; e quelle di segmento C-CUV saranno prodotti in Francia nello stabilimento PSA di Sochaux. I due partner stanno lavorando anche allo sviluppo di un nuovo modello di veicolo commerciale leggero del segmento B basato sulla piattaforma PSA di ultima generazione che prenderà il posto di Citroen Nemo e Peugeot Bipper. Un tipo di veicolo commerciale leggero che al momento General Motors non ha in gamma. "L’Alleanza tra PSA e GM si basa su un approccio equilibrato - ha detto Karl-Thomas Neumann, presidente di GM Europa e vicepresidente esecutivo di General Motors -. I veicoli dei due costruttori sono chiaramente differenziati e perfettamente coerenti con l’identità dei loro rispettivi Marchi. Adesso le nostre due aziende si concentrano sulla realizzazione dell’Alleanza, pur rimanendo aperte a nuove opportunità".

RIVISTE ALTRE PARTI DELL'ACCORDO
PSA e GM hanno anche concordato di modificare alcune delle clausole dell'alleanza. I due gruppi semplificheranno la governance congiunta dell’Alleanza ed elimineranno dai motivi di scioglimento dell'Alleanza la mancata realizzazione di un numero minimo di progetti. Inoltre, hanno deciso che GM rinuncerà al suo diritto di porre fine all’Alleanza, in determinate condizioni, nell’eventualità di un’acquisizione di partecipazione, da parte di terzi, al capitale azionario di Peugeot S.A., se questi terzi sosterranno l’Alleanza. In tale ipotesi, GM eserciterebbe il diritto di voto legato alle azioni Peugeot S.A in suo possesso in quel momento, per votare a favore di quest’operazione. Attualmente, le sinergie previste per l'Alleanza sono stimate in circa 1,2 miliardi di dollari l’anno a partire dal 2018, suddivise in modo equilibrato fra i due gruppi.

Autore:

Tag: Mercato , produzione


Top