dalla Home

Novità

pubblicato il 5 dicembre 2013

Nuova Ford Mustang

La leggenda americana cambia pelle per sbarcare in Europa con l’EcoBoost 2.3 da 309 CV e il multilink posteriore

Nuova Ford Mustang
Galleria fotografica - Nuova Ford MustangGalleria fotografica - Nuova Ford Mustang
  • Nuova Ford Mustang - anteprima 1
  • Nuova Ford Mustang - anteprima 2
  • Nuova Ford Mustang - anteprima 3
  • Nuova Ford Mustang - anteprima 4
  • Nuova Ford Mustang - anteprima 5
  • Nuova Ford Mustang - anteprima 6

La nuova Ford Mustang segna il debutto della sesta generazione per una delle icone automobilistiche americane, ma cosa ancora più importante è che la mitica “pony car” arriverà ufficialmente in Europa, sia in versione fastback coupé che convertibile con tetto in tela. La scelta di far esordire la nuova Ford Mustang in Europa farà felici i tanti appassionati che fino ad ora erano ricorsi agli importatori paralleli, ma resta il fatto che una vettura di nicchia come questa arriva da noi in uno dei momenti più difficili per il mercato europeo, stretto nella morsa di una crisi generalizzata. Per fare della nuova Ford Mustang una vettura globale e per catturare l’interesse degli automobilisti europei la Casa dell’Ovale Blu ha deciso quindi di proporre anche il 4 cilindri EcoBoost 2.3 (oltre ai classici e intramontabili 3.7 V6 e 5.0 V8), insieme alle sospensioni posteriori multilink.

INCONFONDIBILEMENTE MUSTANG
Quello che forse è cambiato meno in questa nuova Ford Mustang è proprio lo stile della carrozzeria, chiaramente ispirato al design della leggendaria Mustang prima serie, nata quasi cinquanta anni fa protagonista con il nome di Eleanor del film Fuori in 60 Secondi. Come dice anche il suo designer Moray Callum, “Nell’esatto istante in cui si posa lo sguardo su quest’auto per la prima volta, ci si rende conto che è inequivocabilmente una Mustang, fedele alla tradizione in tutta la sua identità”. A rendere facile il riconoscimento di questa inossidabile icona della storia e della cultura USA ci sono infatti il tetto basso e la sagoma sfuggente della coda corta con piccolo finestrino posteriore, i classici gruppi ottici posteriori a tre barre parallele e il frontale “shark-bite” che ricorda il muso di uno squalo. Nel complesso l’operazione di ammodernamento della linea sembra poi aver aggiunto compattezza e grinta alla silhouette della nuova Ford Mustang, dotata anche di una “bocca” più grande e di fari anteriori assottigliati.

CAMBIA ANCHE DENTRO
La nuova Ford Mustang convertibile, di cui al momento non esistono foto ufficiali, è dotata di capote in tela isolante multistrato studiata per ridurre ulteriormente la rumorosità interna. Una volta abbassato, il tetto in tela si ritrae in un apposito alloggiamento posteriore e a detta di Ford “si lega visivamente con il profilo dell’auto”. La capacità del bagagliaio della nuova Ford Mustang è stata incrementata grazie al nuovo tipo di sospensioni posteriori multilink e il risultato dichiarato da Ford è che le classiche “due sacche da golf” ci entrano comodamente. Un buon passo in avanti è stato fatto nell’abitacolo della nuova Ford Mustang dove spicca una plancia rinnovata in molti dettagli: le bocchette di aerazione sono diventate di forma circolare, la console centrale è più larga e bassa e anche tunnel centrale, pannelli porta e sedili sono stati modificati.

ECOBOOST 2.3 A QUATTRO CILINDRI
Le novità meccaniche della nuova Ford Mustang partono proprio dal motore EcoBoost 2.3, un quattro cilindri turbo benzina pensato per venire incontro alle esigenze della clientela (e delle normative…) europea con un livello di consumi ed emissioni inferiori rispetto ai V6 e V8. La nuova Ford Mustang EcoBoost 2.3 vanta comunque la non indifferente potenza massima di 309 CV, oltre ad una coppia di 407 Nm, ottenute con iniezione diretta di benzina, fasatura variabile delle valvole e turbocompressore. La versione con cambio automatico ha anche le leve al volante. I cultori della Mustang in cerca di potenza pura possono invece contare sulla nuova Mustang 5.0 V8 che eroga 436 CV e 529 Nm.

PIU’ EUROPEA CON IL MULTILINK DIETRO
L’assetto della nuova Ford Mustang è stato completamente rivisto con un controtelaio perimetrale anteriore associato a sospensioni MacPherson a doppio giunto sferico che permettono l’installazione di dischi freno maggiorati entro cerchi da 19”. Una novità assoluta sono le sospensioni posteriori indipendenti con schema multilink (denominate integral-link) e fusi a snodo in alluminio che prendono il posto dell'assale rigido; l’obiettivo dichiarato della nuova geometria del retrotreno è quello di rendere più fluido e reattivo il trasferimento di potenza alle ruote motrici posteriori.

PARTENZE BRUCIANTI
Per rendere ancora più precisa la tenuta di strada della nuova Ford Mustang gli ingegneri americani hanno dotato l’auto di una gestione della sensibilità del servosterzo e dell’intervento del controllo di stabilità. La nuova Ford Mustang ha anche il sistema Torque Vectoring Control, che controlla in tempo reale la quantità di energia trasferita dal motore alle singole ruote per incrementare la stabilità. Sulla Mustang GT con cambio manuale c’è anche il Launch Control (assistenza antislittamento) che garantisce partenze brucianti in ogni condizione. Fra le tecnologie presenti a bordo della nuova Ford Mustang occorre citare anche il Ford SYNC Touch con controllo vocale avanzato e schermo da 8 pollici, il navigatore con touchscreen e l’impianto audio premium con 12 altoparlanti.

Nuova Ford Mustang

La muscle-car americana cambia vestito e si mostra al pubblico nella versione completamente rinnovata in arrivo nel 2014

Scegli Versione

Autore:

Tag: Novità , Ford , auto americane


Top