dalla Home

Mercato

pubblicato il 3 dicembre 2013

Mercedes Classe GLA, vale più di quello che costa?

La Stella a tre punte punta sul prezzo (31.760 euro) per attrarre i clienti di altri marchi

Mercedes Classe GLA, vale più di quello che costa?
Galleria fotografica - Anteprima italiana al MercedesBenzShow - CLA 45 AMG e GLAGalleria fotografica - Anteprima italiana al MercedesBenzShow - CLA 45 AMG e GLA
  • Anteprima italiana al MercedesBenzShow - CLA 45 AMG e GLA - anteprima 1
  • Anteprima italiana al MercedesBenzShow - CLA 45 AMG e GLA - anteprima 2
  • Anteprima italiana al MercedesBenzShow - CLA 45 AMG e GLA - anteprima 3
  • Anteprima italiana al MercedesBenzShow - CLA 45 AMG e GLA - anteprima 4
  • Anteprima italiana al MercedesBenzShow - CLA 45 AMG e GLA - anteprima 5
  • Anteprima italiana al MercedesBenzShow - CLA 45 AMG e GLA - anteprima 6

Bologna e la modernissima Stazione dell’Alta Velocità, scavata tre piani sotto al cielo, non erano casuali. La Mercedes ha scelto il capoluogo dell’Emilia Romagna per il lancio in Italia di Classe GLA e CLA 45 AMG. Nella buia notte di un mercato dell’auto che ha girato le spalle al Motor Show, c’è una Stella che brilla. Bologna, quindi, è stata scelta come simbolo di cambiamento. Il paradigma è semplice, rivoluzionario: non c’è il pubblico invitato all’evento, ma l’evento nasce dove c’è il pubblico. Cambia la formula: l’idea è geniale. Oggi i viaggiatori che si catapulteranno dai treni Freccia Rossa sulle scale mobili si troveranno in mostra la gamma Mercedes, con la GLA come regina. La Casa tedesca ieri sera ha lanciato una nuova sfida entrando nel segmento dei SUV compatti nella consapevolezza di saper attrarre a sé clienti di altri marchi, eccitati dalla nuova strategia del marchio che abbina il lusso alla competitività del prezzo.

OBIETTIVI AMBIZIOSI
Tutto questo nonostante le attendibili stime del Centro Studi Promotor, dicano che il mercato italiano dell’auto chiuderà l'anno in rosso del 7,7% sul 2012 e del 48,1% sui livelli ante-crisi del 2007: in questo clima “freddo” la Stella a tre punte ha già raggiunto i numeri dello scorso anno con un mese di anticipo, per cui l’indice alla fine sarà positivo, in netta controtendenza, visto che ha già raggiunto un volume di 42 mila vetture vendute. L’orientamento del marchio, quindi, è positivo: basti dire che nel primo semestre sono state consegnati nel mondo 173.362 esemplari di Classe A e Classe B e della nuova CLA che segna addirittura un +58%. La Crossover di Stoccarda, che sarà disponibile da noi in marzo, vuole seguire l’onda di riposizionamento della Casa tedesca con un prezzo di entrata interessante: 31.760 euro. La nuova Classe GLA entra in un’arena che è già molto ben frequentata: Audi Q3, BMW X1 e Range Rover Evoque. “All’inizio potremo soddisfare solo il 50% del nostro potenziale – ha ammesso Roland Schell, direttore generale di Mercedes Italia – perché il mercato italiano sta mostrando di apprezzare la nuova Classe GLA, ma la produzione non riesce ad assecondare le nostre richiese che vanno ben oltre le previsioni. Non nascondo che abbiamo dovuto “discutere” con la Casa madre anche per il prezzo: a Stoccarda avrebbero preferito che si potesse ritoccare in alto viste le richieste. Preferiamo, invece, andare a sollecitare un pubblico nuovo che sembra molto attratto dalla nostra proposta in un segmento che è molto competitivo”.

ATTENTA ALLA DOMANDA DI MERCATO
La nuova Classe GLA ha una sua spiccata personalità: associa un aspetto muscolare, frutto dell'altezza ridotta della parte superiore dell'abitacolo, del corpo vettura rialzato e dei grandi passaruota, con superfici ben definite caratterizzate da linee nette. Eccellente per la categoria il coefficiente di penetrazione di 0,29 grazie al quale si può promettere un consumo medio di 7,1 l/100 km anche per la GLA 250 dotata del motore 2.0 litri da 211 CV. La GLA 200, invece, dispone di un quattro cilindri di 1.6 litri benzina da 156 CV. Il diesel è proposto in due soluzioni da 2,2 litri: la GLA 200 CDI ha una potenza di 136 CV e una coppia di 300 Nm, con un consumo di 4,3 l/100 km; mentre la GLA 220 CDI sfrutta 170 CV e 350 Nm.

 Il mercato sembra orientato verso le due ruote motrici, ma c’è la versione integrale 4Matic per la GLA 250 e la GLA 220 CDI che dispone della ripartizione di coppia completamente variabile. L’albero di uscita verso l’asse posteriore è integrato nel cambio automatizzato a doppia frizione 7G-DCT. Questa configurazione consente un peso complessivo ridotto rispetto alla concorrenza. Entrambi i modelli hanno il sistema Downhill Speed (DSR) e la funzione off-road che consente di affrontare serenamente tratti di fuoristrada poco impegnativi come gli sterrati. 

Scegli Versione

Autore: Franco Nugnes

Tag: Mercato , Mercedes-Benz , auto europee


Top