dalla Home

Curiosità

pubblicato il 21 novembre 2013

Fiat Ottimo, la Giulietta cinese

E’ la versione a due volumi della Viaggio e come questa viene prodotta a Changsha, ma la somiglianza con l’Alfa Romeo è forte

Fiat Ottimo, la Giulietta cinese
Galleria fotografica - Fiat OttimoGalleria fotografica - Fiat Ottimo
  • Fiat Ottimo - anteprima 1
  • Fiat Ottimo - anteprima 2
  • Fiat Ottimo - anteprima 3
  • Fiat Ottimo - anteprima 4
  • Fiat Ottimo - anteprima 5
  • Fiat Ottimo - anteprima 6

Una nuova auto entra nella galassia torinese e si chiama Fiat Ottimo. In realtà di italiano la Fiat Ottimo ha solo il marchio e il luogo di nascita, dato che è stata interamente pensata e progettata a Torino, ma la produzione sarà tutta cinese, nello stabilimento di Changsha. La Fiat Ottimo, che è stata presentata in anteprima mondiale al Salone di Guangzhou (21-23 novembre 2013), è in realtà la versione hatchback della già conosciuta Fiat Viaggio ed è destinata a diventare dalla prima metà del 2014 la seconda Fiat cinese derivata dall’ accordo fra il gruppo del Lingotto e GAC (Guangzhou Automobile Group).

Non tanto casualmente lo stile della Fiat Ottimo ricorda quello dell’Alfa Romeo Giulietta, persino nel design dei fari posteriori. Non a caso, dicevamo, perché la piattaforma Compact della Fiat Giulietta evolutasi in “Compact US Wide” sta davvero alla base di questa Fiat Ottimo, così come della sorella Fiat Viaggio, della Dodge Dart e della nuova Jeep Cherokee. L’arrivo del nuovo modello compatto a due volumi servirà anche per sfruttare in maniera più soddisfacente gli impianti produttivi cinesi di Changsha, attualmente sottoutilizzati per via delle scarse vendite di Fiat Viaggio. Il motore della Fiat Ottimo è il 1.4 T-Jet con potenza di 120 o 150 CV, mentre la scelta della trasmissione è fra l’automatico 5 marce o il doppia frizione TCT.

Autore:

Tag: Curiosità , Fiat , auto giapponesi , dall'estero , cina


Top