dalla Home

Tuning

pubblicato il 6 febbraio 2007

KTM X-Bow

KTM X-Bow
Galleria fotografica - KTM X-BowGalleria fotografica - KTM X-Bow
  • KTM X-Bow - anteprima 1
  • KTM X-Bow - anteprima 2
  • KTM X-Bow - anteprima 3
  • KTM X-Bow - anteprima 4
  • KTM X-Bow - anteprima 5
  • KTM X-Bow - anteprima 6

In vista della sua presentazione al prossimo Salone di Ginevra, la KTM ha rilasciato le prime foto ufficiali della X-Bow, la prima auto costruita dalla Casa di Mattighofen, un vero e proprio go-kart... da strada!

Le immagini che vi mostriamo si riferiscono al modello in scala 1:2.5 che però, assicurano dall'Austria, corrisponde nei minimi dettagli alla versione reale, tanto da esser stato impiegato nella galleria del vento per mettere a punto l'areodinamica del veicolo. E dell'areodinamica come pure dello sviluppo della monoscocca in fibra di carbonio si è occupata l'italiana Dallara nel suo stabilimento di Varano de' Melegari.

Parlare di family feeling per la prima auto sportiva di un costruttore di moto suona un pò strano; eppure per la X-Bow è così perché chi ne ha curato lo stile è l'austriaca KISKA Design, autrice delle stesse linee spigolose che caratterizzano la produzione motociclistica di KTM. Di sapore motociclistico sono anche i pannelli che lasciano scoperte alcune componenti della meccanica, come gli ammortizzatori anteriori e il silenziatore nella vista posteriore. Roba da puristi della velocità!

Come già detto il telaio della X-Bow è in fibra di carbonio e pesa solo 70 kg mentre la massa complessiva sarà di soli 700 kg circa. Le sospensioni sono state messe a punto dalla White Power, celebre marchio di sospensioni motociclistiche per fuoristrada e affiliata della KTM.
C'è poi parecchia Italia sulla X-Bow: oltre alla Dallara, i freni sono stati sviluppati dalla Brembo e Dainese creerà una linea di abbigliamento specifica che potrebbe rendersi necessaria data l'assenza di parabrezza... KTM per questo consiglia l'uso del casco, anche se in molti paesi la legge non obbliga a farlo.

Il motore, montato posteriormente, sarà un quattro cilindri in linea da 2000cc completamente in alluminio fornito da Audi, con turbocompressore, quattro valvole per cilindro, iniezione diretta FSI e apertura variabile delle valvole di aspirazione. Da Mattighofen confermano che avrà una potenza di 220 cavalli, ma sarà anche disponibile una versione più spinta da 300 cavalli circa. Anche la trasmissione sarà Audi, con un cambio manuale a sei velocità o in opzione un automatico DSG.

Dopo la presentazione al Salone di Ginevra 2007 una preserie di 100 unità verrà assemblata dalla Dallara e commercializzata attraverso la rete KTM ad un prezzo di circa 40.000 Euro.
A seconda della reazione del mercato a questa preserie, KTM provvederà a fine 2008 a produrre la X-Bow in Austria, con un primo obbiettivo di 500 unità all'anno. In quali paesi sarà venduta la X-Bow dipende molto dalle normative di omologazione, ma si parla già di Austria, Finlandia, Germania, Gran Bretagna, Grecia, Olanda, Portogallo e Svizzera. Da noi, come sempre, è tutto più complicato!

Autore:

Tag: Tuning , Ktm


Top