dalla Home

Curiosità

pubblicato il 12 novembre 2013

Jaguar C-X17, dietro le quinte della nostra prova su strada [VIDEO]

Cosa significa guidare un prototipo? Ecco alcune curiosità sul video che abbiamo girato a Dubai

Galleria fotografica - Jaguar C-X17, il backstageGalleria fotografica - Jaguar C-X17, il backstage
  • Jaguar C-X17, il backstage della nostra prova su strada - anteprima 1
  • Jaguar C-X17, il backstage della nostra prova su strada - anteprima 2
  • Jaguar C-X17, il backstage della nostra prova su strada - anteprima 3
  • Jaguar C-X17, il backstage della nostra prova su strada - anteprima 4
  • Jaguar C-X17, il backstage della nostra prova su strada - anteprima 5
  • Jaguar C-X17, il backstage della nostra prova su strada - anteprima 6

Il design della Jaguar C-X17 ve l'abbiamo ampiamente raccontato e mostrato con il video della nostra prova a Dubai. Ora torniamo sull'argomento per condividere alcune curiosità sul dietro le quinte di questo test. Anche perché non capita tutti i giorni di mettersi al volante di un prototipo in condizioni così particolari.

PERCHÉ UNA CONCEPT CAR È "FINTA"
Tanto per cominciare, chiarisco cosa intendo quando nel video ho definito "finta" la C-X17: i Concept come questa Jaguar sono costruiti prevalentemente per essere esposti nei Saloni dell'Auto. Sono auto perfette per essere fotografate e filmate, ma raramente sono marcianti; quando lo sono, com'è nel caso della C-X17, possono percorrere pochi chilometri a bassa velocità. La loro meccanica, infatti, è ridotta al minimo indispensabile: quattro ruote, i freni, il motore, il volante e poco più. Per intenderci sulla C-X17 nemmeno la strumentazione funziona, non ci sono cinture di sicurezza e i sedili sono tanto belli da fotografare quanto scomodi da… occupare. E non sono regolabili in alcun senso!

SERVE UN FRIGORIFERO
Nel caso specifico, la strumentazione pressoché inesistente e, in particolare, l’assenza dell'aria condizionata ha creato qualche scomodità aggiuntiva: un'auto parcheggiata sotto il sole del deserto con i finestrini chiusi ha un effetto sugli occupanti paragonabile a quello che ha un forno a microonde su una minestra! Ecco perché i tecnici Jaguar sul set avevano previsto una tenda frigorifera dove ricoverare l’auto ogni 20 minuti per raffreddare sia l’abitacolo che la meccanica.

NON TOCCATE QUELLA CARROZZERIA
Altra curiosità: le concept car sono realizzate solitamente in un esemplare unico che viene trattato con i guanti bianchi. A maggior ragione se la vettura deve fare un tour mondiale di più Motor Show. E nel caso specifico la C-X17 che abbiamo guidato, ripulita dalla sabbia e lucidata in ogni dove, questa settimana è stata spedita sotto i riflettori del Salone Los Angeles, magari con qualche modifica agli interni o alle rifiniture. Perché il Centro Stile Jaguar fa viaggiare il prototipo insieme un kit di pezzi sostitutivi che magari hanno un disegno o una fattura leggermente diversa, sempre nell’ottica di testare il gradimento del pubblico.

DOVE CORREVANO I CAMMELLI
Concludo con due chicche sulla location. L’area all’interno della quale abbiamo filmato il video sullo sfondo dello skyline di Dubai era una pista da corsa per cammelli. Oggi non c’è più perché è stata sostituita da un più “nobile” ippodromo per i cavalli costruito a poche centinaia di metri di distanza all’ombra dal Maydan, l’hotel (pare) più largo del mondo. Cosa c'entra con la Jaguar? Ecco, quel ponte ultramoderno che si vede alla fine della video-prova pubblicata la settimana scorsa, è stato commissionato da uno sceicco locale come "strada" di accesso privata al suddetto ippodromo. E per filmare le immagini della C-X17, Jaguar ha dovuto chiedere l’autorizzazione e pagare un affitto!

Clicca qui per vedere la VIDEO PROVA della Jaguar C-X17.

Autore:

Tag: Curiosità , Jaguar , auto europee


Top