dalla Home

Eventi

pubblicato il 6 novembre 2013

Dubai Motor Show: dove l’auto da sogno si vede e si compra ancora

Un tuffo in Medio Oriente in un Salone esclusivo dove tutto si respira tranne che l'aria di crisi

Dubai Motor Show: dove l’auto da sogno si vede e si compra ancora
Galleria fotografica - Salone di Dubai 2013Galleria fotografica - Salone di Dubai 2013
  • Salone di Dubai 2013 - anteprima 1
  • Salone di Dubai 2013 - anteprima 2
  • Salone di Dubai 2013 - anteprima 3
  • Salone di Dubai 2013 - anteprima 4
  • Salone di Dubai 2013 - anteprima 5
  • Salone di Dubai 2013 - anteprima 6

Lontano dal chiasso delle preoccupazioni nostrane per la crisi, le difficoltà politiche e gli interrogativi su quando ci sarà la cosiddetta “ripresa”, ha aperto i battenti il Motor Show di Dubai. Da noi se ne parlerà poco e nulla perché è considerato un Salone “regionale” dedicato, appunto, al Medio Oriente. Un Salone dove i Costruttori devono esserci, ma non hanno bisogno di farlo sapere perchè il pubblico che conta (quello che ha il potere di acquisto) viene di sua spontanea volontà. In altre parole qui nessuno si pone il problema se un Motor Show ha ancora senso o meno: le belle auto sono tutte esposte e la gente è interessata a vederle dal vivo. Semplicemente perché le possono ancora comprare

E allora ci sono tutti. A cominciare dai marchi specializzati in lusso e supercar. Bentley, Bugatti, Ferrari, Lamborghini, Porsche, Maserati, McLaren, Rolls Royce sono in pole position, senza effetti speciali, ma con gli ultimi gioielli tirati a lucido sotto i riflettori, dalla Ferrari 458 Speciale, alla Rolls-Royce Celestial Phantom. Sono le auto da sogno che negli Emirati Arabi in “tanti” possono permettersi per passione, collezione o semplice voglia di esibire la propria ricchezza. Girare da “osservatore” per questi stand – chi vi scrive lo ha fatto per una mattinata - è curioso perché non si vedono le folle di addetti ai lavori tipiche dei Motor Show nostrani, ma gruppi di uomini distinti, vestiti con la tradizionale kandura - la tunica araba ndr - che con aria rilassata osservano attentamente le auto, contemplano le schede tecniche, la qualità dei rivestimenti in pelle e… fanno domande. Il particolare non trascurabile è che le automobili oggetto della discussione (e spesso della trattativa) costano facilmente più di 100 mila euro.

Poi ci sono i “soliti” marchi premium di Audi, BMW e Mercedes schierati in religioso silenzio con il meglio della loro produzione top di gamma che da queste parti spesso è destinata ai grandi alberghi per i servizi di shuttle. L’aria è più frizzante dagli inglesi di Jaguar e Land Rover che hanno esposto la concept car C-X17 tinta d’argento e hanno fatto arrivare via deserto una Range Rover Sport guidata da Moi Torrallardona, pilota spagnolo esperto di Dakar. E ancora da Infiniti dove non si poteva non celebrare l’ennesima vittoria di Vettel in Formula 1 ottenuta, peraltro a 2 ore di macchina da Dubai sul Circuito di Abu Dhabi. Il campione del mondo però non c’era e nei panni di testimonial della Q50 i visitatori si sono dovuti accontentare di vedere il collaudatore Sebastien Buemi.

Girando padiglione sono tornato con i piedi per terra. Anche a Dubai, com’è ovvio che sia, c’è un mercato di auto normali fatto dai costruttori generalisti: Ford, Chrysler, Fiat, Peugeot, Toyota, Kia, Hyundai, etc. Oltre alle auto di nostra conoscenza, qui in molti propongo una gamma di maxi SUV, fuoristrada o pickup “all’americana” che da queste parti sono necessari per fare le gita fuori porta nel deserto. L’unica (bella) sportiva avvistata in quest’area del Motor Show è la Alfa Romeo 4C che fa capolino per la prima volta in Medio Oriente sullo stand del Gruppo Fiat-Chrysler insieme agli ultimi modelli della gamma Jeep (nuova Cherokee compresa), Dodge, SRT Chrysler, ma anche Fiat e Abarth. Mi chiedo se da queste parti sarà considerata una baby-supercar come da noi o se… costa troppo poco per i loro standard! Altra special guest italica è la Fiat 500L Trekking: un manager Fiat incontrato sul padiglione mi ha detto che l'hanno portata per vedere "se un prodotto di questo tipo piace anche qui".

La mia rapida incursione al Salone Dubai si è conclusa nello stand a mio parere più incredibile e affascinante di tutti: il “garage” della Polizia di Dubai composto, come noto a molti, dalle più potenti supercar del mondo... Il tema merita e ve ne parlo in un articolo specifico che sarà pubblicato nelle prossime ore. Completo di fotogallery dedicata, ovviamente!

Autore:

Tag: Eventi , motor show , dall'estero


Top