dalla Home

Test

pubblicato il 2 novembre 2013

Infiniti Q50 2.2 diesel Sport, la nostra prova [VIDEO]

Le video-impressioni raccolte nei dintorni di Barcellona guidando l'alternativa made in Japan alle Audi A4 e BMW Serie 3

Galleria fotografica - Infiniti Q50 Galleria fotografica - Infiniti Q50
  • Infiniti Q50  - anteprima 1
  • Infiniti Q50  - anteprima 2
  • Infiniti Q50  - anteprima 3
  • Infiniti Q50  - anteprima 4
  • Infiniti Q50  - anteprima 5
  • Infiniti Q50  - anteprima 6

L'alternativa alle "solite" tedesche. E’ così che ho definito la nuova Infiniti Q50 in questa video prova della versione 2.2 diesel da 170 cavalli. Sulle spettacolari strade catalane che conducono al monastero di Montserrat, ho guidato un esemplare in allestimento Sport che abbina al quattro cilindri di origine Mercedes il cambio automatico a 7 rapporti. È la configurazione più interessante per il nostro mercato dove l'ambizione dichiarata di Infiniti è quella di conquistare clienti fra gli afficionados di Audi A4, BMW Serie 3 e della stessa Mercedes Classe C, ormai prossima al rinnovo. Gli ingredienti della ricetta giapponese sono buoni, anzi, alcuni contenuti tecnologici come lo sterzo drive by wire sono delle primizie. Quello che manca alla Q50 - al solito - è la riconoscibilità del blasone “Infiniti”, un connotato che in questo segmento è ancora determinante per l’orientamento degli acquisti, anche perché stiamo parlando di automobili che rappresentano già uno status sociale con un prezzo di listino che supera i 40 mila euro.

L’Infiniti Q50 oggetto della prova è quella top di gamma a gasolio con cambio automatico. Per questo è anche la più costosa con un prezzo di 45.500 euro (la versione con cambio manuale a 6 marce costa 43.290 euro). La dotazione è ricca, ma non completa. Fra gli equipaggiamenti di serie ci sono i rivestimenti in pelle, i sedili regolabili elettricamente, il rivoluzionario sterzo elettronico (Direct Adaptive Steering), i fari full led di tipo adattativo e i cerchi in lega di taglia XXL con pneumatici da 19 pollici. A parte si paga comunque il navigatore satellitare (2.420 euro), il pacchetto di radar e sensori deputati a minimizzare il rischio di collisione (2.620 euro) e addirittura i sensori di parcheggio e pioggia (605 euro). Non che le varie Audi, BMW e Mercedes ti regalino gli optional – anzi a parità di motorizzazione ed equipaggiamento costano di più – ma qualcos’altro secondo me si poteva includere sulla Q50. Anche perché bisogna mettere a budget comunque la vernice metallizzata (825 euro) e l’allarme (300 euro). Il livello di garanzia di serie, invece, è migliore delle concorrenti perché Infiniti offre i 3 anni o 100 mila chilometri.

Scheda Versione

Infiniti Q50
Nome
Q50
Anno
2013
Tipo
Premium
Segmento
medie
Carrozzeria
3 volumi
Porte
4 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore:

Tag: Test , Infiniti , auto giapponesi


Listino Infiniti Q50

Allestimento Trazione Alim. CV Cil. Posti Prezzo
2.2d 6MT posteriore diesel 170 2.1 5 € 38.950

LISTINO

2.2d 7AT posteriore diesel 170 2.1 5 € 41.150

LISTINO

2.2d 6MT Executive posteriore diesel 170 2.1 5 € 41.350

LISTINO

2.2d 6MT Premium posteriore diesel 170 2.1 5 € 42.250

LISTINO

2.2d 7AT Executive posteriore diesel 170 2.1 5 € 43.550

LISTINO

2.2d 6MT Premium Sound Studio by Bose posteriore diesel 170 2.1 5 € 43.550

LISTINO

2.2d 7AT Premium posteriore diesel 170 2.1 5 € 44.450

LISTINO

2.2d 6MT Premium Executive posteriore diesel 170 2.1 5 € 44.650

LISTINO

Tutti gli allestimenti »

 

Top