dalla Home

Prototipi e Concept

pubblicato il 30 ottobre 2013

Suzuki, quattro concept per Tokyo

Crosshiker, X-Lander, Hustler e Hustler Coupé, a cavallo fra crossover, city car e fuoristrada

Suzuki, quattro concept per Tokyo
Galleria fotografica - Suzuki Hustler CoupéGalleria fotografica - Suzuki Hustler Coupé
  • Suzuki Hustler Coupé - anteprima 1
  • Suzuki Hustler Coupé - anteprima 2
  • Suzuki Hustler Coupé - anteprima 3
  • Suzuki Hustler Coupé - anteprima 4
  • Suzuki Hustler Coupé - anteprima 5

Il programma Suzuki per il Salone di Tokyo (20 novembre - 1 dicembre 2013) si presenta ricco di ben quattro concept, degne rappresentanti di un filone a cavallo fra realtà e fantasia che in terra giapponese ha sempre successo. Sull’onda di uno slogan che recita “Let's Create a Brand New Story” la Casa di Hamamatsu intende quindi creare nuove storie di successo fra le piccole vetture di prossima commercializzazione e i suoi clienti, prefigurando al tempo stesso le future linee di design del marchio Suzuki. I quattro prototipi si chiamano Suzuki Crosshiker, X-Lander, Hustler e Hustler Coupé.

IDEE DI CROSSOVER E FUORISTRADA
La Suzuki Crosshiker, dipinta in colore rosso e nero, è una crossover derivata in parte dalla concept Regina del 2011 e dai suoi principi costruttivi ultraleggeri. La Crosshiker è infatti una 3 porte rialzata dalle misure compatte che pesa 810 kg e utilizza un nuovo motore 1.0 a 3 cilindri che promette equilibrio fra prestazioni e rispetto dell’ambiente. Interessante è anche la realizzazione del tetto in vetro panoramico e quella degli interni avvolgenti con volante “spezzato”. La Suzuki X-Lander è invece una piccola fuoristrada ibrida a cielo aperto (derivata dalla Jimny) dotata di due posti e cassone posteriore tipo pick-up. Il motore 1.3 e la trasmissione manuale a controllo automatico sono collegati ad un compatto sistema ibrido ultra efficiente inglobato nel sistema 4WD.

5 PORTE CON STILE OFFROAD
Con la Suzuki Hustler la Casa giapponese torna un po’ nei ranghi delle classiche kei car nipponiche proponendo una vettura che strizza l’occhio all’offroad e alla vita nella natura senza perdere di vista le doti essenziali delle mini car cittadine. L’assetto rialzato e gli scivoli davanti e dietro danno infatti alla Suzuki Hustler un’aria da crossover che ama le strade sterrate. Per alcuni dettagli e finiture la Hustler sembra quasi voler imitare lo stile Hummer, massiccio e ricercato al tempo stesso. La Suzuki Hustler Coupé non deve invece ingannare con il nome, dato che è sempre una 5 porte, ma con maniglia posteriore nascosta. Anche il tetto della Hustler Coupé è diverso da quello Hustler, più spiovente al posteriore e dotato di un generoso alettone. Il frontale modificato e alcune finiture specifiche come il fascione inferiore nero rendono la Hustler Coupé ancora più simile ad un vero fuoristrada.

Galleria fotografica - Suzuki HustlerGalleria fotografica - Suzuki Hustler
  • Suzuki Hustler - anteprima 1
  • Suzuki Hustler - anteprima 2
  • Suzuki Hustler - anteprima 3
  • Suzuki Hustler - anteprima 4
Galleria fotografica - Suzuki X-LanderGalleria fotografica - Suzuki X-Lander
  • Suzuki X-Lander - anteprima 1
  • Suzuki X-Lander - anteprima 2
  • Suzuki X-Lander - anteprima 3
  • Suzuki X-Lander - anteprima 4
  • Suzuki X-Lander - anteprima 5
  • Suzuki X-Lander - anteprima 6
Galleria fotografica - Suzuki CrosshikerGalleria fotografica - Suzuki Crosshiker
  • Suzuki Crosshiker - anteprima 1
  • Suzuki Crosshiker - anteprima 2
  • Suzuki Crosshiker - anteprima 3
  • Suzuki Crosshiker - anteprima 4
  • Suzuki Crosshiker - anteprima 5
  • Suzuki Crosshiker - anteprima 6

Autore:

Tag: Prototipi e Concept , Suzuki , auto giapponesi , auto ibride , tokyo


Top