dalla Home

Home » Argomenti » Pneumatici

pubblicato il 18 ottobre 2013

Gomme auto: attenzione a comprare quelle usate

Assogomma anticipa ad OmniAuto.it la nascita di un fenomeno preoccupante per la sicurezza stradale che coinvolge l'Italia e l'Europa

Gomme auto: attenzione a comprare quelle usate

La crisi economica mette a rischio la sicurezza stradale. C'è un fenomeno molto preoccupante che si sta diffondendo in Italia e che non riguarda soltanto il nostro Paese, ma anche altri Stati dell'Unione europea: è quello del "pneumatico usato". A parlarcene è stato il direttore di Assogomma Fabio Bertolotti che ci ha spiegato come, essendo una realtà dai numeri altissimi (parliamo di milioni di pneumatici), è sotto osservazione. In pratica sta accadendo che, essendoci pochi soldi ed una disoccupazione in crescita, alcuni automobilisti si recano dal gommista di fiducia e, strizzando l’occhio, chiedono se non ci sia per caso un treno di gomme di recupero ancora non completamente usurato, nel senso che non abbia ancora terminato il battistrada. Apparentemente è "un affare", ma in realtà è rischioso equipaggiare la propria auto con gomme già utilizzate da altre vetture, perché da un lato non se ne conosce la storia e dall'altro si tratta di gomme molto vicine al limite di usura.

GOMME USATE, UNA MINA VAGANTE
Partiamo da un presupposto: "Questo fenomeno è sempre avvenuto, ma ha sempre rappresentato una realtà molto limitata - come ci ha detto Bertolotti -. Oggi ahimè non è più così. C’è un mercato di questi prodotti usati che rappresenta un problema potenziale, non un problema reale, che non va sottovalutato. Il fatto che io rimonti le mie gomme usate è una cosa normale. Io mi 'gommo' l'estivo poi smonto l'invernale, rimonto e viceversa. Ma so esattamente la storia della mia gomma, so come l’ho utilizzata. Le gomme usate che invece vengono rimontate hanno una provenienza sconosciuta e soprattutto molto spesso sono accompagnate da una vendita che non rispetta le regole non solo tecniche, ma anche fiscali". C'è poi l'importante aspetto della sicurezza stradale. Gli pneumatici sono l’unico punto di contatto tra l'auto e la strada e se sono troppo usurati possono diventare un pericolo: si perde aderenza o peggio si può verificare l'esplosione di uno pneumatico se troppo rovinato. Persino gli pneumatici sgonfi sono potenzialmente pericolosi: allungano di molto gli spazi di frenata ed influenzano il comportamento dell'auto nelle condizioni più critiche, come l’evitamento di un ostacolo improvviso.

PNEUMATICI DI SECONDA MANO, NIENTE GARANZIA
Un altro aspetto importante ricordato dal direttore di Assogomma riguarda la garanzia legata agli pneumatici, che nel caso di quelli usati non c'è. E' bene che "il consumatore sappia che se gli succede qualche problema sarà difficile far valere una garanzia - ci ha detto Bertolotti -. Tutti devono sapere che quando si compra una gomma bisogna farsi rilasciare lo scontrino fiscale perché, al di là della correttezza etica comportamentale e sociale, è l'unico modo per far valere la garanzia. Entro 24 mesi si ha la possibilità di lamentare eventuali difetti e questo è ovvio che non esiste su un pneumatico usato". Il discorso è diverso per gli pneumatici ricostruiti, da non confondere con quelli usati. Gli pneumatici ricostruiti, chiamati anche gomme ricoperte, sono copertoni con un battistrada usurato che è stato eliminato e sostituito da materiale nuovo, prodotto da altre gomme usate, ma intatte. Questo significa che gli pneumatici ricostruiti sono affidabili e l'intero processo di ricostruzione è soggetto a controlli obbligatori regolamentati da norme europee. Questi pneumatici sono molto diffusi, soprattutto su mezzi di trasporto come aerei, autocarri e autobus dove le sollecitazioni e gli stress meccanici sono maggiori. Persino il Parlamento italiano ha elevato al 50% la quota di pneumatici ricostruiti nelle pubbliche amministrazioni.

I DATI ARRIVERANNO PRESTO
Ci sono numeri sul fenomeno degli pneumatici usati? A questa domanda Bertolotti ha promesso di rispondere presto. Il fenomeno è sotto osservazione ed è molto complicato. Come abbiamo detto non è una realtà solo italiana e sono all'opera anche autorità straniere. Una comunicazione ufficiale ed organica arriverà sicuramente l'anno prossimo. Nel frattempo vi suggeriamo di scegliere i vostri pneumatici con molta cura. Risparmiare è possibile, ma non si può scendere al di sotto di un certo margine di "sicurezza". Leggete anche:
Come si misura la pressione delle gomme
Come si cambia una gomma forata
Come si montano le gomme invernali
Come si montano le catene da neve

Autore:

Tag: Interviste , sicurezza stradale , pneumatici , pneumatici invernali


Top