dalla Home

Home » Argomenti » Pneumatici

pubblicato il 16 ottobre 2013

Dossier Viaggiare d’inverno, speciale pneumatici invernali

Etichetta pneumatici: dopo un anno, ecco i risultati

Un’indagine europea mostra come l’etichetta abbia reso più consapevoli le persone e le flotte aziendali al momento di comprare le gomme per le proprie auto

Etichetta pneumatici: dopo un anno, ecco i risultati
Galleria fotografica - L'etichetta europea dei pneumaticiGalleria fotografica - L'etichetta europea dei pneumatici
  • L\'etichetta europea dei pneumatici - anteprima 1
  • L\'etichetta europea dei pneumatici - anteprima 2
  • L\'etichetta europea dei pneumatici - anteprima 3
  • L\'etichetta europea dei pneumatici - anteprima 4
  • L\'etichetta europea dei pneumatici - anteprima 5

A quasi un anno dall’applicazione della normativa europea sull’etichetta dei pneumatici (1 novembre 2013), a Bruxelles - proprio nella città sede del parlamento europeo - è giunto il momento di fare il punto della situazione. Una ricerca commissionata da Goodyear Dunlop nei 6 principali mercati europei ha infatti messo in evidenza come più del 75% delle persone che nel 2013 hanno acquistato gomme per la propria auto sono stati influenzati dai “voti” espressi dall’etichetta. Ricordiamo infatti che l’etichetta, obbligatoria per tutti gli pneumatici venduti in Europa, è una sorta di carta d’identità di uno pneumatico e indica i parametri legati all’aderenza sul bagnato, alla resistenza al rotolamento e al rumore prodotto, aiutando così il consumatore a confrontare fra loro più prodotti al momento dell’acquisto. Per maggiori informazioni vi rimandiamo ai link degli articoli raccolti in fondo al testo, ricordando solo che l’etichettatura non si applica ai pneumatici moto, ricostruiti, off-road professionali, per impiego temporaneo, per utilizzi racing e ad altre categorie specifiche.

GOMME SCORREVOLI PER LE FLOTTE AZIENDALI
Dall’indagine condotta da IPSOS MarketQues risulta inoltre che l'etichetta influenza sempre più anche le decisioni di acquisto delle flotte aziendali europee. Le flotte intervistate sono state 500, in Francia, Germania, Italia, Polonia e Spagna: su questo campione, il 66% considera l’efficienza nei consumi il criterio più importante presente sull’etichetta. Un altro aspetto che emerge da questa analisi riguarda anche la rete di vendita: più della metà dei rivenditori (i "gommisti") in Europa coinvolti nella ricerca fanno uso dell’etichetta nella fase di vendita al pubblico degli pneumatici.

L’ETICHETTA NON È TUTTO
In questa “tavola rotonda” organizzata da Goodyear Dunlop si sono riuniti i principali azionisti ed esperti dell’industria della gomma, che oltre ad analizzare lo scenario che vi abbiamo presentato, hanno anche ricordato - e noi lo riportiamo per chiarezza - come l’etichetta europea sia “un buon punto di partenza per i consumatori, ma non dà un quadro completo delle prestazioni dei pneumatici”.

TUTTO SULL’ETICHETTA DEI PNEUMATICI
Per ulteriori approfondimenti, consigli e avvertenze vi rimandiamo ai seguenti articoli:
- L'etichetta europea vista dai produttori di pneumatici -> clicca qui
- Etichetta pneumatici, oggi entra in vigore la legge -> clicca qui
- Etichetta pneumatici, obbligatoria dal 1 novembre -> clicca qui
- Etichetta europea degli pneumatici, cosa cambia -> clicca qui
- Etichetta pneumatici, si danno i primi voti -> clicca qui
- Etichetta pneumatici: come si legge -> clicca qui
- L'etichetta europea dei pneumatici è pronta -> clicca qui

Autore:

Tag: Attualità , pneumatici , pneumatici invernali


Top