dalla Home

Home » Argomenti » Manutenzione

pubblicato il 3 ottobre 2013

Top Ten dei comportamenti pericolosi più diffusi alla guida

La tecnologia distrae più di ogni altra cosa se viene utilizzata scorrettamente. Anche i limiti di velocità però sono spesso infranti

Top Ten dei comportamenti pericolosi più diffusi alla guida

Guidare con distrazione, lo sappiamo tutti, è pericoloso. Uno studio di Direct Line ha pensato però di mettere in fila tutti i comportamenti scorretti per decretare una vera e propria Top Ten della "maleducazione" al volante. Per farlo la ricerca si è basata sull'utilizzo della moderna tecnologia Eye Tracking, che ha permesso a Direct Line di rilevare l’orientamento del cristallino dell’occhio analizzando così il centro dell’attenzione dei guidatori. Dallo studio è emerso che gli automobilisti assumono una prospettiva focalizzata quasi esclusivamente sulle altre automobili, che diventano così protagoniste assolute della scena e dello spazio stradale. La ricerca, condotta su un campione di 100 guidatori da esperti UK per il Gruppo Direct Line, ha dimostrato che ben il 22% dei ciclisti non sono stati notati dagli automobilisti. Applicando il dato alla realtà italiana, ne deriva che i ciclisti "invisibili" delle nostre città sono circa 5 milioni e mezzo, numero destinato a salire se alla tendenza quasi inconscia di focalizzazione "deviata" si aggiungono le distrazioni derivanti da fattori esterni.

TECNOLOGIA, AMICA/NEMICA
A rendere insicura la guida della maggior parte degli automobilisti è però il cellulare (se usato impropriamente). Il 24,5% degli intervistati ha ammesso di digitare sulla tastiera del proprio telefono durante la guida, mentre il 39,5% ha detto di approfittare delle pause al semaforo. Solo il 27,2% afferma di aspettare di essere completamente fermo prima di mettere mano al cellulare e non si tratta ormai solo di sms, ma anche di e-mail, messaggi sui social network o altro che ha a che fare con il web: un 5,6% azzarda addirittura la navigazione su internet. Un'altra distrazione molto diffusa è la mania di truccarsi al volante. In Italia, più di una donna su 10 (15%) ammette di farlo: il 4% delle intervistate dichiara di ritoccare il trucco solo in sosta al semaforo, il 9% di ricorrere a questa pratica solo in casi di estremo ritardo, mentre il 2% confessa di dar libero sfogo a mascara e rossetto anche con l’auto in movimento. Nettamente maggiore, comunque, la percentuale di coloro che rinunciano al trucco (85%): il 78% delle intervistate è spaventato dalle conseguenze, mentre il 7% rinuncia solo per mancanza di manualità. Riportiamo di seguito la classifica competa che vi suggeriamo di non mettere mai in pratica! La sicurezza viene prima di tutto ed alcuni dispositivi tecnologici, come il Bluetooth, ci aiutano a non perdere di vista la strada.

TOP TEN
1. Scrivere al cellulare (sms, email, chat)
2. Noncuranza dei limiti di velocità in caso di scarsa visibilità
3. Noncuranza delle precedenze in incroci con ridotta visibilità
4. Leggere giornali e/o documenti durante la guida
5. Truccarsi con la macchina in movimento
6. Impostare il navigatore mentre si guida
7. Cambiare stazione radio mentre si guida
8. Mangiare al volante
9. Conversare in maniera animata girando la testa
10. Parlare al cellulare senza o con vivavoce/auricolari

Autore:

Tag: Curiosità , sicurezza stradale


Top