dalla Home

Test

pubblicato il 27 settembre 2013

Nuova Peugeot 308 1.6 HDi 115 CV, prova su strada [VIDEO]

Spazio, comfort, guidabilità: con queste doti la francese sfida la Volkswagen Golf, con un look magari troppo "serio", ma un diesel al top per mordidezza e consumi

Galleria fotografica - Nuova Peugeot 308Galleria fotografica - Nuova Peugeot 308
  • Nuova Peugeot 308 - anteprima 1
  • Nuova Peugeot 308 - anteprima 2
  • Nuova Peugeot 308 - anteprima 3
  • Nuova Peugeot 308 - anteprima 4
  • Nuova Peugeot 308 - anteprima 5
  • Nuova Peugeot 308 - anteprima 6

Ogni volta che un nuovo modello debutta nella categoria delle berline compatte di segmento C, quella più diffusa in Europa, scatta il paragone. È inevitabile. Parlo della Volkswagen Golf, l'auto più venduta in Europa, appunto. Ma la nuova Peugeot 308 non è solo la sfidante francese della Golf: dopo averla guidata sulle "sue" strade - in Franca Contea ai confini con l'Alsazia, vicino a Sochaux, la casa del Leone - mi è rimasta la sensazione che per Peugeot questa sia l'auto della fiducia in sé stessi, della consapevolezza nei propri mezzi. Non a caso è la prima volta nella storia del marchio in cui non è stata cambiata la denominazione tra il vecchio e il nuovo modello (tutte le Peugeot future manterranno come cifra finale il numero "8"), come a a voler dare maggior peso e continuità alla 308, sul mercato e nella "testa" dei clienti. Come vedremo fra poche righe - e come potete vedere nella video-prova -, con la 308 il secondo gruppo automobilistico europeo (guarda caso dopo Volkswagen) tenta di affermare in maniera definitiva la propria identità di costruttore generalista, che vuole però caratterizzare il più possibile le proprie auto come prodotti premium. Un obiettivo che i francesi rincorrono da tempo e che recentemente è stato di nuovo messo a fuoco con le Peugeot 208 e 2008, cercando così di battere altri brand che vogliono percorrere la stessa strada "generalista-premium" e impensierire, come avrete già capito, il leader europeo: Volkswagen. Mi riferisco principalmente a Ford (che con la Evos ha manifestato queste ambizioni), Opel e Toyota per volumi di vendita e includo, per immagine, anche Honda, Lancia e Kia (nelle intenzioni, interpretazioni più di "lusso" dei modelli Fiat e Hyundai) e Mazda, che ha da poco scoperto le sue carte in questa partita. Ma vediamo come va la nuova Peugeot 308.

COME UN ABITO CLASSICO, CON "TESSUTI" MODERNI
Inizio a parlarvi della linea, perché l'aspetto esteriore di un'auto rappresenta la prima motivazione d'acquisto per la maggior parte delle persone e su una macchina come questa deve mettere d'accordo clienti molto diversi tra loro: giovani coppie con o senza figli, o persone più avanti con gli anni, sia maschi che femmine. I designer Peugeot hanno realizzato una carrozzeria che può essere giudicata forse un po' seriosa, ma l'insieme è molto composto, per piacere appunto al maggior numero possibile di persone. Dal vivo devo dire che la Peugeot 308 rende di più che in foto: le linee sono molto fluide e le superfici lisce e regolari rendono bene l'idea dell'aerodinamica della vettura, che ha un buon coefficiente di penetrazione Cx, pari ha 0,28. La parte che mi piace di più è il frontale, per i fari anteriori molto sottili con tecnologia full LED a 62 elementi, che rendono la nuova 308 in allestimento Allure, il più ricco, la prima auto della categoria ad offrirli di serie (da poco ho provato l'altra compatta con fari full LED, la Seat Leon: ecco la video-prova). I fari a LED sono anche dietro, dove disegnano gli artigli del Leone, il simbolo del marchio Peugeot.

GRANDI SPAZI, UNO SCHERMO, NESSUN TASTO
Il bagagliaio ha una forma rettangolare, è molto regolare e poi è profondo, alto e infatti ha una capacità di carico ai vertici della categoria: 420 litri. È uno dei punti di forza della nuova 308. La lunghezza totale della macchina è diminuita rispetto al vecchio modello, ma il passo è stato allungato. Ecco perché c'é più spazio per chi siede dietro, che apprezzerà anche la soglia d'accesso grande e regolare e un divanetto dove si sta molto comodi. Ma la novità principale dell'abitacolo è lo schermo centrale del nuovo sistema infotelematico. Si tratta di un touchscreen da 9,7" pollici, ispirato ad un tablet, che controlla tutti i comandi secondari, climatizzatore compreso. Il che non lo rende individuabile subito, ma in generale la logica di funzionamento è intuitiva: non vi dico altro, guardate nel video come funziona.

RILASSANTE EPPUR COINVOLGENTE
Dovendo riassumere il comportamento su strada della nuova 308, direi che è un'auto rilassante in viaggio, fluida. La risposta ai comandi (sterzo, pedali, cambio) è morbida, non sportiva, ma non per questo la vettura si fa trovare impreparata quando si ha voglia di guidare. Lo si inizia a capire dopo pochi chilometri, perché il volante piccolo, posizionato in basso come sulla Peugeot 208 e sul crossover 2008 regala una bella rapidità di risposta. Fare le curve diventa quasi un gioco, manca solo un po' di linearità nelle fasi di riallineamento dello sterzo. Bisogna abituarsi a questa posizione di guida diversa, ma nel mio caso posso dire di essermi trovato meglio rispetto alla 208, dove alcuni strumenti posso rimanere nascosti. Sulla 308 l'interfaccia uomo-macchina "funziona" invece meglio, perché in generale ci sono più centimetri tra il volante e gli strumenti. Mi piace anche la grafica dei quadranti, con la lancetta del contagiri che va in direzione opposta rispetto al tachimetro. Il nuovo telaio della Peugeot 308 - che conferma la tendenza dei principali costruttori (la settima generazione della Golf, ad esempio, adotta il pianale modulare MQB) a sviluppare questa tipologia di autotelai - è la piattaforma modulare chiamata EMP2. Pesa 140 kg in meno e regala alla nuova 308 molto equilibrio, con un assetto ben bilanciato fra reattività e comfort. Inoltre, sotto il cofano della versione che ho guidato c'è uno dei turbodiesel di media cilindrata più riusciti: il 1.6 HDi 8 valvole da 115 CV. Come potete leggere in questa prova su strada, rispetto alla 208 con lo stesso motore, il propulsore della 308 mette in mostra più morbidezza, silenziosità e regolarità di funzionamento. Ben smorzate le vibrazioni, anche riprendendo velocità con una marcia alta inserita. È quel che ci vuole per una macchina come la 308, dove il comfort è di ottimo livello, anche in termini di capacità di assorbimento delle sospensioni. Del cambio mi ha convinto la manovrabilità fluida e gli innesti morbidi, con una buon fine corsa in fase di sincronizzazione. Meno convincente l'altezza della leva, specie in rapporto alla posizione volante, che come detto è più basso del solito. Nel 2014 comunque arriverà anche un automatico, completamente nuovo, a 6 marce e sempre il prossimo anno debutterà un turbodiesel super efficiente chiamato BlueHDi, che promette consumi medi di oltre 32 km/l ed emissioni di CO2 di 82 g/km. Secondo il computer di bordo, comunque, il turbodiesel che ho guidato in questa prova percorre in media quasi 18 km/l (5,7 l/100 km), mentre in autostrada a 130 km/h costanti ho "visto" i 4,5 l/100 km (oltre 22 km/l). Non male, a conferma delle ottime medie riscontrate nella nostra prova della 208 con lo stesso motore. Sempre da segnalare, in positivo, il funzionamento del sistema Start&Stop e-HDi: è veloce nel riavviamento del motore e ha una bella strategia di controllo (spesso il motore viene spento anche in movimento, prima di arrestarsi agli incroci o nelle code).

PREZZI DA 16.900 EURO
La nuova Peugeot 308 ha un listino che parte da 16.900 euro della versione d'accesso con il piccolo 1.2 tre cilindri a benzina da 82 CV. Per il 1.6 turbodiesel da 92 CV ci vogliono almeno 19.700 euro, 20.700 per la versione con 115 CV, che diventano 24.100 euro nell'allestimento top di gamma Allure che ho guidato. Il lancio in Italia è fissato per il 21 ottobre e comprende diverse promozioni, come la possibilità di avere cerchi in lega più grandi senza sovrapprezzo o l'estensione gratuita della garanzia, per un totale di 4 anni/80.000 km.

Scheda Versione

Peugeot 308
Nome
308
Anno
2013
Tipo
Normale
Segmento
compatte
Carrozzeria
2 volumi
Porte
5 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore:

Tag: Test , Peugeot


Listino Peugeot 308

Allestimento Trazione Alim. CV Cil. Posti Prezzo
1.2 PureTech Turbo 110cv S&S Access anteriore benzina 110 1.2 5 € 18.800

LISTINO

1.6 HDi 92cv FAP® Access anteriore diesel 92 1.6 5 € 19.900

LISTINO

1.2 PureTech Turbo 110cv S&S Active anteriore benzina 110 1.2 5 € 20.500

LISTINO

1.6 BlueHDI 100cv Access anteriore diesel 100 1.6 5 € 20.550

LISTINO

1.2 PureTech Turbo 130cv S&S Active anteriore benzina 130 1.2 5 € 21.300

LISTINO

1.6 HDi 92cv FAP® Active anteriore diesel 92 1.6 5 € 21.600

LISTINO

1.6 BlueHDi 100cv Active anteriore diesel 100 1.6 5 € 22.250

LISTINO

1.6 HDi 92cv FAP® Business anteriore diesel 92 1.6 5 € 22.300

LISTINO

Tutti gli allestimenti »

 

Top