dalla Home

Prototipi e Concept

pubblicato il 20 settembre 2013

Kia Niro

La concept ha le forme di una SUV, ma sotto la pelle nasconde il pianale della nuova segmento B, oltre alla motorizzazione ibrida 4x4

Kia Niro
Galleria fotografica - Kia NiroGalleria fotografica - Kia Niro
  • Kia Niro - anteprima 1
  • Kia Niro - anteprima 2
  • Kia Niro - anteprima 3
  • Kia Niro - anteprima 4
  • Kia Niro - anteprima 5
  • Kia Niro - anteprima 6

Kia Niro è la concept presentata al Salone di Francoforte (12-22 settembre 2013) che non anticipa solo i futuri sviluppi stilistici della Casa sudcoreana, ma prefigura in maniera diretta la prossima segmento B, ovvero l’erede della Kia Rio. L’anticipazione carezza anche l’idea di una SUV compatta in stile Nissan Juke e lo fa con le classiche ruote alte e finiture da “giungla urbana”. L’aspetto robusto della Kia Niro, con finiture in alluminio, nasconde sotto la pelle un cuore verde, ovvero una motorizzazione ibrida che unisce il 1.6 T-GDi da 160 CV all’anteriore e l’elettrico da 45 CV che agisce sulle ruote posteriori.

DESIGN EUROPEO
Lo stile della Kia Niro è stato interamente sviluppato in Europa per i gusti degli automobilisti europei, presso il Kia Design Studio di Francoforte. Padre della Niro è il designer Gregory Guillaume, capo del centro stile tedesco, che la descrive come “una vettura che sembra una concorrente del Dakar Rally, ma che esprime uno spirito premium fatto di materiali moderni e la voglia di uno stile di vita attivo”. La Kia Niro è una tre porte rialzata (almeno a livello di prototipo) lunga 4.185 mm, larga 1.850 mm e larga 1.558 mm, con un passo di 2.590 mm; sono misure che stanno a metà strada fra l’attuale Kia Rio e la Soul e che derivano dall’utilizzo di un nuovo pianale, quello destinato appunto alla prossima segmento B di Kia.

LE POSSIBILI FORME DELLA NUOVA RIO
I caratteri salienti della Kia Niro si possono riassumere nell’ormai classico “tiger nose” frontale, nelle forme compatte, nel colore scuro “Nightfall” della carrozzeria che contrasta con il tetto in alluminio spazzolato e nelle portiere con apertura ”a farfalla”. Il trattamento asimmetrico delle prese d’aria circolari anteriori sono riprese dalla Provo concept vista all’ultimo Salone di Ginevra. Le ruote da 20 pollici di diametro sono a 5 razze tornite in alluminio e montano pneumatici 225/40 R20. I gruppi ottici anteriori hanno struttura “ice-cube” e una striscia di luci diurne a LED, mentre quelli posteriori sono divisi fra portellone e carrozzeria, per garantire sicurezza anche con il portellone aperto. Il vano bagagli è realizzato in fibra di carbonio ed è pronto ad accogliere i bagagli per la classica gita fuori porta.

IL CAMBIO E’ INGLOBATO NELLA PLANCIA
Nell’abitacolo la Kia Niro riserva numerose sorprese, con una configurazione 2+2 decisamente originale nella forma. Come sulla Provo concept, anche la Kia Niro ha i sedili anteriori ricavati da un unico pezzo sagomato, rivestito con tessuto tecnico “Orbit Silver”. I sedili a guscio si ribaltano per consentire l’accesso dei passeggeri posteriori che si sistemano su di un divanetto diviso a metà; questo può essere anche abbattuto per ampliare la capacità di carico della Niro e creare un unico vano di carico posteriore. La strumentazione è di tipo digitale totalmente configurabile e si somma allo schermo centrale in plancia che può anche visualizzare le immagini riprese dalle varie telecamere montate davanti, dietro e negli specchietti. Le strane colonnine d’alluminio che collegano la plancia con la console centrale hanno anche una funzione pratica: quella di sinistra include infatti il pulsante d’avviamento e i comandi del cambio automatico, mentre quello di destra ospita i comandi dell’impianto audio.

IBRIDO 4X4, BENZINA+ELETTRICO
La meccanica della Niro è composta da un sistema ibrido, composto cioè dal motore a benzina 1.6 T-GDi da 160 CV all’avantreno e l’elettrico da 45 CV che agisce sulle ruote posteriori. Il motore termico è collegato tramite un cambio 7 marce a doppia frizione alle ruote anteriori, mentre quello elettrico posteriore aggiunge trazione (trasformando la Niro in una 4x4) quando le condizioni di aderenza lo richiedono. Il sistema ibrido, almeno sulla carta, è simile a quello già utilizzato da PSA e Volvo e potrebbe anticipare una prossima motorizzazione ibrida di serie di cui Kia è ancora sprovvista. Il futuro della Kia Niro è però legato al responso del pubblico, che in pratica deciderà della nascita di un’inedita SUV di segmento B marchiata Kia.

Autore:

Tag: Prototipi e Concept , Kia , auto coreane , francoforte , car design , auto ibride


Top