dalla Home

Live

pubblicato il 11 settembre 2013

Salone di Francoforte: Winterkorn-Hyundai, attrazione fatale anche per la i10

Il capo di Volkswagen ha “visitato” la nuova piccola coreana così come aveva fatto con la i30

Salone di Francoforte: Winterkorn-Hyundai, attrazione fatale anche per la i10
Galleria fotografica - Martin Winterkorn controlla la Hyundai i10 al Salone di FrancoforteGalleria fotografica - Martin Winterkorn controlla la Hyundai i10 al Salone di Francoforte
  • Martin Winterkorn controlla la Hyundai i10 al Salone di Francoforte - anteprima 1
  • Martin Winterkorn controlla la Hyundai i10 al Salone di Francoforte - anteprima 2
  • Martin Winterkorn controlla la Hyundai i10 al Salone di Francoforte - anteprima 3
  • Martin Winterkorn controlla la Hyundai i10 al Salone di Francoforte - anteprima 4
  • Martin Winterkorn controlla la Hyundai i10 al Salone di Francoforte - anteprima 5
  • Martin Winterkorn controlla la Hyundai i10 al Salone di Francoforte - anteprima 6

Martin Winterkorn colpisce ancora o - meglio - sono i coreani a colpire il CEO del gruppo Volkswagen che ormai da tempo addita nel gruppo Hyundai il concorrente più pericoloso per il costruttore di Wolfsburg. E come accade 2 anni fa per la i30 proprio a Francoforte, Winterkorn non è voluto mancare sullo stand del marchio asiatico per vedere la nuova i10 e - fatto alquanto curioso - mettendo sotto l’abito blu di ordinanza un bel paio di snicker: niente di più distante dalle consuetudini dei top manager in veste ufficiale, ma decisamente quel che ci vuole per percorrere a piedi l’enorme struttura fieristica del Frankfurt Messe. A seguirlo tutti i “bastoni” tecnici di Volkswagen AG, a cominciare da Ulrich Hackenberg, responsabile della Ricerca&Sviluppo per il gruppo oltre che padre delle piattaforme modulari tra cui la MQB, Wolfgang Hatz, responsabile dei motori, e altri ancora come Matthias Rabe, responsabile per lo sviluppo di Seat.
Il CEO di Wolfsburg ha visionato con grande attenzione la rivale della up!, della Seat Mii e della Skoda Citigo studiando la carrozzeria, gli accoppiamenti e le guarnizione. Si è poi seduto sul sedile di guida, ha sbloccato dall’interno il cofano motore ed è poi uscito per sollevarlo. Dopo aver osservato la disposizione degli organi meccanici, ha ripiegato personalmente l’astina e richiuso il cofano spostandosi verso la parte posteriore della vettura. Anche qui ha compiuto i gesti semplici che qualsiasi automobilista farebbe all’interno di una concessionaria: ha aperto il portellone soffermandosi a lungo sui profili e su tutte le soluzioni escogitate dai tecnici Hyundai per offrire il miglior compromesso tra praticità, stile e costi.

Winterkorn si è poi seduto sul sedile posteriore anche se la sua attenzione è stata catturata dall’attacco inferiore delle cinture anteriori verso il montante centrale, quello collegato direttamente al pretensionatore. Stavolta però non sembra essersi sorpreso più di tanto delle caratteristiche di prodotto della i10 che, per la prima volta, è stato sviluppato in Europa e sarà costruito in Turchia, dunque con l’intento di fare male ai suoi concorrenti, in primis al terzetto che fa capo Volkswagen, alla Panda e alle nuove leve attese per il prossimo anno, ovvero l’altro illustre terzetto costituito da Citroen C1, Peugeot 107 e Toyota Aygo, prodotto in repubblica Ceca, e dalla nuova Renault Twingo, prodotta in Serbia insieme alla Smart Fourfor.
Dopo 15 minuti di studio, Winterkorn e il suo stato maggiore tecnico, circondati da un servizio d’ordine degno di un imperatore, si sono allontanati seguiti da una strascico di giornalisti e curiosi. Che cosa avrà pensato della i10? Di sicuro non ha rimproverato nessuno dei suoi di fronte a tutti come era accaduto a suo tempo con la i30, ma chi può giurare che non l’abbia fatto poco dopo, al riparo dagli occhi di tutti? Quel che è sicuro, è che il gruppo Volkswagen tiene d’occhio ogni passo del gruppo Hyundai, sempre più presente in Europa e sempre più forte su tutti i mercati.
Proprio due giorni fa, memore di quello che il tedesco aveva fatto nel 2011, il numero uno di Hyundai Europe, Alan Rushforth, lo aveva stuzzicato con humour tipicamente britannico. “Dite a Winterkorn che la i10 non scricchiola – aveva affermato – e che offre più bagagliaio e spazio per i passeggeri posteriori della up! e di tutta la categoria”. L’inglese aveva poi puntato su alcune pecche della piccola di Wolfsburg, in particolare sull’assenza dell’alzacristalli elettrico destro sul lato guidatore – “Sulla i10 i comandi degli alzacristalli elettrici sono tutti azionabili dal guidatore – e aveva concluso: “Se qualcuno di voi incontrasse il dottor Martin Winterkorn lo rassicuri pure e gli dica che la i10, così come le altre Hyundai, non scricchiola, è fatta con assoluta qualità verificabile". Il numero uno di Wolfsburg lo ha preso alla lettera.

Scegli Versione

Autore: Redazione

Tag: Live , Hyundai , auto coreane , francoforte , VIP


Top