dalla Home

Curiosità

pubblicato il 4 settembre 2013

Il parcheggio a scomparsa: un'idea italiana affascina gli USA

I posti auto interrati Serie C di Idealpark possono essere realizzati in cortili, piazze o giardini con pavimentazione storica

Il parcheggio a scomparsa: un'idea italiana affascina gli USA
Galleria fotografica - Idealpark, parcheggio a scomparsa Galleria fotografica - Idealpark, parcheggio a scomparsa
  • Idealpark, parcheggio a scomparsa  - anteprima 1
  • Idealpark, parcheggio a scomparsa  - anteprima 2
  • Idealpark, parcheggio a scomparsa  - anteprima 3
  • Idealpark, parcheggio a scomparsa  - anteprima 4
  • Idealpark, parcheggio a scomparsa  - anteprima 5
  • Idealpark, parcheggio a scomparsa 	   - anteprima 6

Una troupe del canale statunitense Travel Channel è giunta in Italia a filmare un particolare tipo di parcheggio, ideato da Idealpark, che rappresenta una soluzione ingegnosa per tutti i casi in cui si debbano realizzare posti auto nei centri storici, o in contesti di edifici d'epoca. In particolare, l'attenzione è stata rivolta al cortile del settecentesco Palazzo Campostella di Crema, recentemente ristrutturato, dove sono stati realizzati 18 posti auto Serie C, a totale scomparsa.

Il sistema prevede una sorta di piattaforma, in questo caso a due piani sovrapposti, che è in grado di uscire dal sottosuolo e portare l'auto al livello della piazza; nella parte superiore l'impianto è rivestito con un ciottolato classico, o comunque con una pavimentazione in linea con quella del contesto. Non è necessario creare delle corsie o strade per l'uscita dal parcheggio: le auto, infatti, passano sopra le coperture degli altri posti auto chiusi. Il sistema permette anche di proteggere le auto: senza telecomando, non è possibile far sollevare l'impianto, che rimane così nascosto e chiuso. Il parcheggio può essere realizzato per piazze, ma anche per cortili e giardini, fino a tre auto disposte su altrettanti piani; attualmente, altri parcheggi simili sono in corso di realizzazione a Bologna, in un ex convento, a Lodi e a Verona.

Autore: Sergio Chierici

Tag: Curiosità , parcheggio


Top