dalla Home

Tuning

pubblicato il 22 gennaio 2007

Dakar 2007: vince Peterhansel con la Mitsubishi Pajero

Dakar 2007: vince Peterhansel con la Mitsubishi Pajero
Galleria fotografica - Dakar 2007: vince Peterhansel con la Mitsubishi PajeroGalleria fotografica - Dakar 2007: vince Peterhansel con la Mitsubishi Pajero
  • Dakar 2007: vince Peterhansel con la Mitsubishi Pajero - anteprima 1
  • Dakar 2007: vince Peterhansel con la Mitsubishi Pajero - anteprima 2
  • Dakar 2007: vince Peterhansel con la Mitsubishi Pajero - anteprima 3
  • Dakar 2007: vince Peterhansel con la Mitsubishi Pajero - anteprima 4
  • Dakar 2007: vince Peterhansel con la Mitsubishi Pajero - anteprima 5
  • Dakar 2007: vince Peterhansel con la Mitsubishi Pajero - anteprima 6

Dopo 15 tappe e un totale di 7.915 chilometri attraverso sei paesi, si è conclusa come tradizione sul Lago Rosa la 29esima edizione della Dakar, con un verdetto inappellabile: Stéphane Peterhansel e il suo navigatore Jean-Paul Cottret sono i vincitori, nella categoria auto, del più importante rally-raid del mondo.

A completare un podio tutto francese sono stati i compagni di squadra Luc Alphand e Gilles Picard che si sono accaparrati la piazza d'onore a 7' 26", mentre al terzo posto in generale si sono piazzati Jean-Louis Schlesser e Arnaud Debron su un buggy Schlesser-Ford, il primo arrivato fra le due ruote motrici.

Il 41enne Peterhansel, veterano della Dakar con 18 partecipazioni, può così aggiungere un altro trofeo alla sua nutritissima bacheca che conta un palmarés di sei titoli fra le moto (tutte con Yamaha nel '91, '92, '93, '95 '97 e '98) e adesso tre nelle quattro ruote (2004 e 2005 i precedenti), sempre alla guida di una Mitsubishi, e diventa così il pilota più titolato nella classica maratona africana, oltre ad essere l'unico, insieme a Hubert Auriol, ad averla vinta sia in auto che in moto.
Dal canto suo la Casa giapponese conferma così l'imbattibilità del suo Pajero che dura ormai da sette anni e porta a dodici i titoli costruttori complessivi.

A condurre in classifica, fino a metà delle tappe in programma, erano state le Volkswagen Touareg del trio Giniel De Villiers, Carlos Sainz e Carlos Sousa, ma il cammino di Peterhansel e Cottret si era fino ad allora svolto regolarmente ai margini del podio. Fatale per la pattuglia tedesca è stata la lunga speciale della nona tappa da Tichit a Néma, nel deserto della Mauritania, dove il Touareg di Sainz/Périn e quello di De Villiers/Von Zitzewitz sono incappati in due guai meccanici che gli hanno fatto perdere le speranza per la vittoria finale a causa di un ritardo accumulato di oltre 7 ore e 15 e 8 ore e 42.

Il sudafricano si è dovuto fermare dopo che il suo mezzo era andato in fiamme per la rottura di un albero a camme che aveva forato un pistone e il coperchio delle valvole, con conseguente fuoriuscita dell'olio motore che a contatto con la turbina ha sviluppato un incendio prontamente domato. L'iberico ex campione WRC è rimasto invece impotente all'ammutolirsi del motore a causa di un guasto elettrico.

Forte di un consistente vantaggio Peterhansel è riuscito ad amministrare il tempo accumulato in classifica generale, lasciando che Sainz vincesse tre prove di seguito dalla 12esima alla 14esima. Nell'ultima tappa, sulla spiaggia del Lago Rosa, Peterhansel e Cottret hanno optato per una tattica cauta, piazzandosi solo 51esimi.

Il titolo 2006 è così arrivato per il francese con una tappa d'anticipo e con un bilancio di zero vittorie di tappa contro le cinque di Carlos Sainz, quattro di Giniel De Villiers e una per il privato Carlos Sousa.

Autore:

Tag: Tuning , Mitsubishi


Top