dalla Home

Home » Argomenti » Codice della Strada

pubblicato il 14 agosto 2013

Alcol: d’estate sale l’allarme

L’ultima pericolosa moda fra i giovani è quella di saltare i pasti per stordirsi bevendo

Alcol: d’estate sale l’allarme

Attenti al binomio alcol-guida. D’estate, è più facile lasciarsi andare al bicchierino per poi mettersi al volante. Si tratta un periodo di vacanze: si associa a questo momento una ricerca dello sballo. Un trend dell’estate 2013 è, per i giovani soprattutto (ma non solo, attenzione), piluccare appena il cibo contando ogni caloria, per poi far tardi la sera e bere senza ingrassare. Il comportamento assurdo riguarda specialmente il sesso debole. E a Ferragosto la voglia di esagerare sale. Un fenomeno recente, legato alla moda degli aperitivi, in forte aumento in Italia. A peggiorare le cose, su Internet circola una bufala secondo cui solo il 3% degli incidenti sia dovuto alla guida in stato d'ebbrezza. In realtà, quel dato appartiene a una vecchissima statistica, completamente sballata. Infatti, l'Istat ha chiarito che, a causa dell'esiguo numero di circostanze presunte dell'incidente legate allo stato psico-fisico alterato del conducente, non vengono pubblicati i dati sugli incidenti stradali dettagliati per tali circostanze. Cosa vuol dire? Che per motivi legati all'indisponibilità dell'informazione al momento del rilievo, per le Forze dell'ordine il rilievo è impossibile o di estrema difficoltà: la compilazione dei quesiti sulle circostanze presunte dell'incidente è ardua, quando queste siano legate allo stato psico-fisico del conducente. L’Oms, Organizzazione mondiale della sanità, stima che un incidente su tre sia dovuto all'alcol: questi i numeri importanti su cui ragionare.

SICUREZZA E BATOSTE
La multa è di 527 euro qualora sia stato accertato un valore corrispondente a un tasso alcolemico superiore a 0,5 e non superiore a 0,8 grammi per litro. Più la sospensione della patente di guida da tre a sei mesi, e la sottrazione di 10 punti-patente. Invece, 800 euro e arresto fino a sei mesi, se viene individuato un valore superiore a 0,8 e non superiore a 1,5 grammi. Più la sospensione della patente da sei mesi a un anno e il taglio di 10 punti-patente. Infine, per gli ubriachi fradici, sanzione di 1.500 euro, arresto da sei mesi a un anno, per un valore superiore a 1,5 grammi per litro (più la sospensione della patente da uno a due anni). Con la sentenza di condanna, è sempre disposta la confisca del veicolo con il quale è stato commesso il reato, salvo che il veicolo stesso appartenga a persona estranea. La macchina non è del trasgressore? Per i furbetti che guidano mezzi altrui, la durata della sospensione della patente è raddoppiata. E qualora per il guidatore che provochi un incidente sia stato accertato un valore corrispondente a un tasso alcolemico superiore a 1,5 grammi per litro, la patente è revocata. Per chi ha la patente da meno di tre anni (neopatentato), tolleranza zero: se beve prima di guidare, sanzione di 163 euro (e taglio di 5 punti) entro il mezzo grammo. Poi, batoste più dure.

QUALCHE ALTRA DRITTA
Occhio: se un guidatore provoca un sinistro in stato d'ebbrezza può subire la rivalsa dell'assicurazione, che risarcisce per intero il danneggiato e poi ha pieno diritto a farsi restituire tutti i quattrini. Lo prevede il contratto Rca. In caso si lesioni fisiche importanti o di morte, gli importi schizzano alle stelle: si parla di decine o centinaia di migliaia di euro. Dopo le tre di notte, i locali non possono vendere alcolici. Il divieto vale fino alle sei di notte. Per i negozi, niente vendita di bottiglie di alcol da asporto da mezzanotte alle sei del mattino. Si cerca di limitare l'uso di alcol per evitare le stragi notturne. Ma i divieti non valgono la notte di Capodanno (fra il 31 dicembre e il primo gennaio) né la notte di Ferragosto (15-16 agosto). Appunto: cautela.

Autore: Redazione

Tag: Attualità , codice della strada , guida sicura


Top