dalla Home

Mercato

pubblicato il 16 agosto 2013

Auto e crisi: ecco i modelli che costano meno di 10.000 euro

Citycar e berline compatte, ma anche monovolume multispazio con varie motorizzazioni e allestimenti

Auto e crisi: ecco i modelli che costano meno di 10.000 euro
Galleria fotografica -  	Auto e crisi: ecco i modelli che costano meno di 10.000 euro Galleria fotografica -  	Auto e crisi: ecco i modelli che costano meno di 10.000 euro
  •  	Auto e crisi: ecco i modelli che costano meno di 10.000 euro  - anteprima 1
  •  	Auto e crisi: ecco i modelli che costano meno di 10.000 euro  - anteprima 2
  •  	Auto e crisi: ecco i modelli che costano meno di 10.000 euro  - anteprima 3
  •  	Auto e crisi: ecco i modelli che costano meno di 10.000 euro  - anteprima 4
  •  	Auto e crisi: ecco i modelli che costano meno di 10.000 euro  - anteprima 5
  •  	Auto e crisi: ecco i modelli che costano meno di 10.000 euro  - anteprima 6

C'è la crisi, e il mercato dell'automobile nuova langue; oltre che sull'usato, l'attenzione per chi vuole comprare un'auto si sposta necessariamente sulle offerte più convenienti da parte delle case. Scorrendo il listino di OmniAuto.it si osserva che sono in aumento le automobili che, senza sconti o promozioni particolari, hanno un prezzo inferiore ai 10.000 euro. Si parte da una delle regine del low cost, la Dacia Sandero, recentemente rinnovata, che ha un prezzo base di 7.900 euro per la 1.2 Ambiance ma che costa meno di 10.000 euro anche in versione 1.5 dCi 75 CV Ambiance (9.650) o 1.2 GPL (da 8.900 euro per la versione Ambiance). Sono più propriamente delle citycar la Suzuki Alto (da 7.965 euro con il 1.0 VVT) e la "sorella" Nissan Pixo (da 8.300 euro), la DR1 1.1 (7.980 euro) e la Hyundai i10 1.1 (da 8.950 euro); sempre in casa DR, la più grande DR2 1.3 costa comunque poco, 8.980 euro.

Il trio di citycar derivate dalla Volkswagen up! parte da 9.150 euro per la Seat Mii e 9.180 euro per la Skoda Citygo, entrambe con motore 1.0 e con tre porte; la up! 1.0 take up! costa un po' di più, 9.750 euro. Un po' più grande di dimensioni e di motorizzazione è la Tata Vista 1.4, da 9.190 euro, mentre l'erede della Matiz, la Chevrolet Spark, ha un prezzo d'attacco di 9.275 euro. 9.500 euro è il costo base di una Ford Ka 1.2 69 CV, e di pochissimo superiore (9.550 euro) quello della Citroen C1 1.0, più economica della sorella Peugeot 107 (da 9.950 euro). Sotto i 10.000 euro troviamo anche la Kia Picanto 1.0 City (9.800 euro), la Renault Twingo Wave 1.2 75 CV (9.850 euro), e la Opel Agila (9.950 euro). Due outsider, per chi desidera molto più spazio, sono le
Dacia Dokker 1.6 e la Dacia Lodgy 1,6, versioni "low cost" derivate da Renault Kangoo e Scenic 7 posti, che partono da soli 9.900 euro. Meno di una Panda 1.2 69 CV Pop, che costa di listino 10.200 euro.

Autore: Sergio Chierici

Tag: Mercato , auto europee


Top